Vai al contenuto

Stampa serigrafica. Tutto quello che c’è da sapere su di essa.

Ejemplo artístico de impresión en serigrafía de Andy Warhol.

La serigrafia è una tecnica di stampa in cui si utilizza un retino per trasferire l’inchiostro su un substrato, ad eccezione delle aree impermeabili all’inchiostro per mezzo di uno stencil di blocco.

Una lama o una spatola si muove sul retino per riempire le aperture aperte del retino con l’inchiostro, mentre un movimento inverso fa sì che il retino tocchi momentaneamente il substrato lungo una linea di contatto.

In questo modo l’inchiostro bagna il substrato e viene fatto uscire dalle aperture del reticolo quando il reticolo passa di nuovo attraverso la lama. Viene stampato un colore alla volta, quindi è possibile utilizzare più retini per produrre un’immagine o un disegno multicolore.

Esistono diversi termini utilizzati per quella che è essenzialmente la stessa tecnica. Tradizionalmente, il processo veniva chiamato serigrafia o serigrafia perché veniva utilizzata la seta. Oggi si utilizzano spesso fili sintetici nel processo di serigrafia.

Il tessuto più diffuso in generale è il poliestere. Il serigrafo ha a disposizione materiali speciali, come il nylon e l’acciaio inossidabile. Esistono anche diversi tipi di maglie, che determinano il risultato e l’aspetto del disegno finito sul materiale.

Process that is carried out for screen printing.
Processo di serigrafia manuale

Il retino consiste in un pezzo di rete teso su un telaio. La rete può essere realizzata in un polimero sintetico, come il nylon, e per un disegno che richiede un grado di dettaglio maggiore e più delicato, si utilizzerà un’apertura di maglia più fine e più piccola. Per essere efficace, la rete deve essere montata su un telaio e deve essere sottoposta a tensione.

Il telaio che sostiene la rete può essere realizzato in vari materiali, come ad esempio legno o alluminio, a seconda della complessità della macchina o del processo artigianale. La tensione del tessuto può essere controllata con un tensiometro; un’unità di misura comune per la tensione del tessuto è il Newton per centimetro (N/cm).

Il retino si forma bloccando alcune parti della rete nell’immagine negativa del disegno da stampare, cioè gli spazi aperti sono quelli in cui l’inchiostro apparirà sul substrato.

Prima di poter stampare, il telaio e il retino devono essere sottoposti a un processo di pre-stampa, durante il quale un’emulsione viene “rimossa” dal retino. Una volta asciugata, l’emulsione viene esposta selettivamente alla luce ultravioletta, attraverso una pellicola stampata con il disegno desiderato. In questo modo l’emulsione si indurisce nelle aree esposte, ma lascia morbide le parti non esposte. Queste ultime vengono poi lavate con un getto d’acqua, lasciando sulla rete un’area pulita della stessa forma dell’immagine desiderata, che permetterà il passaggio dell’inchiostro. Si tratta di un processo positivo.

Nella stampa tessile, la superficie che sostiene il tessuto da stampare (comunemente chiamata tavolozza) viene rivestita con un ampio “nastro per tavolozza”. Questo serve a proteggere la “tavolozza” da eventuali infiltrazioni di inchiostro indesiderato attraverso il retino che potrebbero imbrattare la “tavolozza” o trasferire l’inchiostro indesiderato al substrato successivo.

Il retino e la cornice vengono quindi coperti con un nastro per evitare che l’inchiostro raggiunga il bordo del retino e della cornice. Il tipo di nastro utilizzato a questo scopo dipende solitamente dall’inchiostro da stampare sul substrato. In genere, per gli inchiostri UV e a base d’acqua si utilizzano nastri più aggressivi, a causa della minore viscosità degli inchiostri e della loro maggiore tendenza a scivolare sotto il nastro.

L’ultimo processo di “prestampa” è il blocco dei “buchi” indesiderati nell’emulsione. Se questi fori vengono lasciati nell’emulsione, l’inchiostro continuerà a passare e a lasciare segni indesiderati. Per bloccare questi fori si possono utilizzare efficacemente materiali come nastri, emulsioni speciali e “penne bloccanti”.

Il retino viene posizionato su un substrato. L’inchiostro viene posto sopra il retino e una barra di riempimento viene utilizzata per spingere l’inchiostro attraverso i fori del retino. L’operatore inizia con la barra di riempimento sul retro del retino e dietro un serbatoio di inchiostro. L’operatore solleva il retino per evitare che entri in contatto con il substrato e poi, esercitando una leggera forza verso il basso, tira la barra di riempimento verso la parte anteriore del retino. In questo modo si riempiono le aperture delle maglie con l’inchiostro e si sposta il serbatoio dell’inchiostro verso la parte anteriore del retino.

Poi…

Successivamente, l’operatore utilizza una spatola (lama di spatola) per spostare la rete verso il substrato e spinge la spatola verso la parte posteriore del vaglio. L’inchiostro nell’apertura del retino viene pompato o spremuto per azione capillare sul substrato in una quantità controllata e prescritta, cioè il deposito di inchiostro bagnato è proporzionale allo spessore del retino o dello stencil. Quando la racla si sposta verso il retro della matrice, la tensione della rete la allontana dal substrato (chiamata “snap-off”) lasciando l’inchiostro sulla superficie del substrato.

Screen printing machine.
Macchina da stampa serigrafica

Esistono tre tipi comuni di macchine serigrafiche: piana, cilindrica e rotativa.

Gli articoli tessili stampati con disegni a più colori utilizzano spesso una tecnica “bagnato su bagnato”, ovvero i colori vengono asciugati mentre sono sulla macchina da stampa, mentre gli articoli grafici vengono lasciati asciugare tra un colore e l’altro, per poi essere stampati con un altro retino e spesso in un colore diverso dopo che il prodotto è stato riallineato sulla macchina da stampa.

La maggior parte degli stencil è pronta per la riverniciatura in questa fase, ma a volte gli stencil devono essere sottoposti a un’ulteriore fase del processo di recupero, chiamata sbavatura.

Questa fase aggiuntiva rimuove la foschia o le “immagini fantasma” che rimangono sullo schermo dopo la rimozione dell’emulsione. Le immagini fantasma tendono a delineare leggermente le aree aperte degli stencil precedenti, da cui il nome. Sono il risultato di residui di inchiostro intrappolati nella maglia, spesso in corrispondenza delle nocche della maglia (i punti in cui i fili si incrociano).

Sebbene il pubblico pensi agli indumenti in relazione alla serigrafia, la tecnica è utilizzata per decine di migliaia di articoli, come decalcomanie, quadranti di orologi, palloncini e molti altri prodotti. La tecnica è stata adattata anche per usi più avanzati, come l’inserimento di conduttori e resistenze in circuiti multistrato utilizzando come substrato sottili strati di ceramica.

Inks used for screen printing.

A seconda del tipo di superficie su cui deve essere eseguito il lavoro serigrafico, è necessario utilizzare un tipo di inchiostro o un altro, poiché non tutti gli inchiostri sono adatti alla stampa su tutti i tipi di superficie.

Gli inchiostri più comunemente utilizzati nella serigrafia sono:

  • Inchiostri plastisol: sono i più utilizzati perché danno una buona capacità di colore e una finitura pulita. La finitura ha un aspetto plastico, da cui il nome, ma è un’opzione molto resistente.
  • Inchiostri a base d’acqua: Ideali per la stampa di inchiostri più scuri su capi di colore più chiaro e per lavori di stampa su grandi superfici. Sono i secondi inchiostri più tradizionalmente scelti. Il risultato è una sensazione molto più morbida rispetto agli inchiostri plastisol e hanno un prezzo più economico rispetto a questi ultimi.
  • Inchiostri ad alta densità: Questi inchiostri conferiscono profondità e consistenza, quasi come il braille. La finitura è leggermente sollevata di circa un ottavo di pollice rispetto al tessuto e si applica meglio quando si lavora con un numero di maglie inferiore.
  • Inchiostri privi di PVC e ftalati: Eliminano l’uso dei due principali componenti tossici dell’inchiostro plastisol senza sacrificarne i vantaggi e la morbidezza al tatto.
  • Nylobond: si tratta di uno speciale additivo per inchiostri utilizzato quando è necessario stampare su tessuti tecnici o impermeabili.

La serigrafia è più versatile delle tecniche di stampa tradizionali. La superficie non deve essere stampata sotto pressione, a differenza dell’incisione o della litografia, e non deve essere necessariamente piatta.

È possibile utilizzare inchiostri diversi per lavorare con una varietà di materiali, come tessuti, ceramica, legno, carta, vetro, metallo e plastica. Di conseguenza, la serigrafia è utilizzata in molti settori diversi, ad esempio:

  • Palloncini

  • Abbigliamento

  • Calcomania

  • Dispositivi medici

  • Elettronica stampata, compresa la stampa di circuiti stampati

  • Etichette di prodotto

  • Poster e display

  • Grafica per snowboard

  • Tessuti

  • Tecnologia a film spesso

  • Flipper

Vantaggi della serigrafia

Conveniente per grandi quantità

Poiché questo metodo richiede la produzione di retini per ogni colore utilizzato in un’opera d’arte, è preferibile riservarlo a ordini di grandi dimensioni. Più capi di abbigliamento vengono inseriti in un ordine, più basso è il costo per unità.

Più facile da stampare su capi speciali

È difficile trovare un metodo di stampa così versatile come la serigrafia. Può essere eseguita su quasi tutte le superfici, purché siano piatte, tessuto, legno, plastica e persino metallo, tra le tante.

Si possono usare più inchiostri

La serigrafia consente un maggiore spessore di inchiostro rispetto ad altre tecniche, il che si traduce in maggiori possibilità di finitura del pezzo.

Qualità resistente e duratura

Grazie alla composizione e allo spessore degli inchiostri utilizzati nella serigrafia, i disegni realizzati con questo metodo possono sopportare molte più sollecitazioni di altri senza perdere la qualità della stampa.

Svantaggi della serigrafia

Costo maggiore per più colori

A causa della tecnica serigrafica, è possibile applicare un solo colore alla volta. Pertanto, il numero di colori su una T-shirt è limitato e ogni strato richiede più tempo, un altro retino e uno stencil e, in definitiva, più denaro.

Non è pratica per le piccole tirature.

La serigrafia richiede una preparazione maggiore rispetto ad altre tecniche prima di entrare in produzione. Questo non la rende adatta alla stampa “on-demand”, ovvero alla creazione di un indumento non appena viene ordinato.

Complessità relativa

Può sembrare un controsenso, ma la serigrafia può essere piuttosto complessa a seconda del disegno e del progetto, in quanto prevede più fasi rispetto ad altri metodi.

Non è ecologica

Nonostante gli sforzi compiuti per creare inchiostri e retini ecologici, la serigrafia spreca molta acqua. L’acqua viene utilizzata per mescolare gli inchiostri e pulire i retini, il che può non sembrare molto all’inizio, ma i produttori producono centinaia di capi al giorno e quando si inizia a tirare le somme, la situazione può essere spaventosa.

Domande frequenti sulla serigrafia

Su quali tipi di materiali si può stampare con la serigrafia?

La serigrafia è uno dei metodi di stampa più versatili oggi disponibili, che ci permette di stampare su un’ampia varietà di materiali come legno, vetro, ceramica, carta, metallo o tessuto.

La serigrafia può essere utilizzata insieme ad altri metodi di stampa?

Sì, i moderni processi digitali, pur essendo ideali per le piccole tirature con immagini a più colori, non sono in grado di produrre alcuni colori o l’opacità dei colori. È possibile combinare la stampa digitale con quella serigrafica per ottenere i migliori risultati da entrambi i metodi.

Volete conoscere altre tecniche di stampa oltre alla serigrafia? Visitate la nostra categoria sulla stampa, dove vi illustriamo in dettaglio i diversi tipi di metodi di stampa che esistono e che possono esservi di grande aiuto nella scelta dell’opzione più adatta per il vostro lavoro di stampa.

Autore

Laureato in Psicologia e appassionato di chitarra flamenca e giochi da tavolo, il mio percorso professionale mi ha portato a comprendere il profondo legame tra comportamento umano e marketing. Nel corso degli anni, ho affinato la mia capacità di analizzare e interpretare le tendenze del mercato e le risposte dei consumatori. Su The Color Blog, unisco le mie conoscenze psicologiche alla mia passione per la scrittura, offrendo prospettive uniche sul marketing, la storia e le interazioni umane che caratterizzano la nostra era digitale.View Author posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *