Vai al contenuto

Il logo Fendi. Tutto quello che c’è da sapere

Logo Fendi con los ojos amarillos.

Il logo Fendi è leggendario. Anzi, supera il marchio stesso e assume una vita propria. Il simbolo della doppia “F” è diventato così famoso che lo conoscono anche persone che non sanno nulla del marchio Fendi.

qual è la storia del logo Fendi e quali sono i suoi elementi di design? Continuate a leggere per saperne di più su questo iconico logo e marchio.

Las tiendas de Fendi desbordan estilo y pueden verse el logo de Fendi en ellas.

Il marchio Fendi è sinonimo di lusso. Il marchio di moda italiano è noto non solo per il suo caratteristico logo a doppia “F”, ma anche per le sue audaci borse realizzate con perfetta precisione. Per quasi un secolo, il marchio di moda ha sempre guardato al futuro, ispirando i suoi designer creativi a proporre prodotti più nuovi e originali, mantenendo le sue collezioni più accessibili e stimolanti per i suoi clienti affezionati.

Tuttavia, sotto il controllo della famiglia Fendi, Fendi è lo stesso marchio in cui un giovane Karl Lagerfeld ha eccelso come direttore artistico, portando il marchio all’attenzione del mondo e mostrando alle masse quanto diversi e sorprendenti possano essere alcuni materiali. Detto questo, facciamo una piccola passeggiata nella memoria e scopriamo come è nato questo marchio di moda.

Le origini di Fendi

Eduardo Fendi e sua moglie Adele Fendi hanno creato questo marchio di moda nel 1925 a Roma, in Italia. Sin dal suo lancio, Fendi è sempre stato sinonimo di opulenza e lusso. Il marchio ha iniziato producendo articoli in pelle e si è rapidamente spostato verso la pelletteria, due prodotti per i quali Fendi è ancora oggi conosciuto.

Inoltre, Fendi è stata un’azienda a conduzione familiare fin dal primo giorno, in quanto le cinque figlie di Eduardo e Adele sono state fortemente coinvolte in tutto, dalla concezione di nuove idee innovative all’aiuto nella vendita di prodotti di lusso a consumatori desiderosi di articoli alla moda da aggiungere alla loro collezione di guardaroba.

Nel 1946 Edward morì e la moglie e le figlie continuarono l’attività. Quello che è nato come un marchio di moda incentrato sulla bellezza e sull’innovazione è rimasto fedele alle sue radici e non se ne è mai allontanato.

Karl Lagerfeld entra in Fendi

Karl Lagerfeld es uno de los míticos creadores de la marca Fendi.

Nel 1965, Karl Lagerfeld viene accolto da Fendi. In qualità di direttore creativo, Lagerfeld ha avuto l’idea dell’iconico emblema della doppia “F”, che in realtà è l’abbreviazione di Fun Furs.

Sebbene oggi molte case di moda non sostengano la vendita di pellicce, all’epoca si trattava di un materiale molto richiesto. Lagerfeld ha spinto Fendi nel settore delle pellicce, facendo del marchio uno dei principali produttori di pellicce.

Invece di usare la pelliccia solo per realizzare cappotti, Lagerfeld decise di utilizzare il materiale per modelli di prêt-à-porter, accessori e qualsiasi altra cosa gli venisse in mente. Questo ha reso i prodotti di pelliccia più accessibili al cliente medio di Fendi e ha dato al materiale un nuovo scopo.

Lagerfeld ha anche collaborato con le figlie della famiglia Fendi per continuare a creare prodotti originali. Le figlie sono rimaste influenti e sono state fortemente coinvolte nella gestione quotidiana dell’azienda.

Il design diventa ancora più innovativo e inizia a incorporare molti colori, rendendo i prodotti del marchio ancora più desiderabili e unici. Mentre prima le pellicce erano un acquisto esclusivo, appannaggio dei ricchi e dei famosi, i creativi di Fendi hanno preso pellicce di qualità inferiore e le hanno trasformate in qualcosa che il cliente medio di Fendi poteva permettersi. Questo ha permesso al marchio di fissare prezzi più accessibili.

Nel 1977, Lagerfeld ha anche curato il lancio del prêt-à-porter di Fendi, seguito da una linea di scarpe nel 1978. Negli anni Settanta, Fendi lancia anche una serie di collezioni artigianali per espandere senza sosta la casa di moda, con articoli in pelle e pelliccia sempre in primo piano.

L’evoluzione di Fendi

La morte di Adele Fendi nel 1978 portò a cambiamenti nella gerarchia del marchio. Ognuna delle cinque figlie di Fendi ha assunto la direzione del marchio di moda, mentre Lagerfeld è rimasto il direttore creativo. Fendi ha continuato a crescere ed evolversi, dettando il ritmo nel mercato della moda di lusso, innovando continuamente ma mantenendo le sue origini italiane.

Gli anni ’80 sono stati un periodo di cambiamenti per Fendi: il marchio ha conquistato il mercato globale della moda. Il marchio di moda ha anche lanciato profumi per uomo e donna e prodotto uniformi per i poliziotti di Roma. Alla fine degli anni ’80, il primo negozio Fendi negli Stati Uniti aprì sulla Fifth Avenue a New York, e anche le nipoti di Fendi furono coinvolte nella gestione dell’attività. Hanno contribuito a progettare nuovi articoli e a far crescere ulteriormente il marchio.

La baguette Fendi

La Baguette Fendi è probabilmente il modello più popolare di tutti i modelli Fendi. La borsa, disegnata da Silvia Fendi nel 1997, ha dato il via alla rivoluzione delle borse per il marchio di moda. Una serie di celebrità si è accaparrata le borse appena possibile, tra cui Naomi Campbell, Madonna e molti altri.

Semplice e alla moda, la borsa è stata presentata in varie versioni e ha ispirato altri modelli leggendari di Fendi negli anni successivi. La Baguette rimane una delle borse più ambite di Fendi ed è uno dei pezzi più venduti dell’intera collezione del marchio.

Oggi la Baguette è presente sulle braccia di molte fashioniste di tutto il mondo. E da quando la Baguette è stata progettata, ne sono state realizzate più di mille versioni! Si dice che sia stato il successo della Baguette a spingere LVMH ad acquistare azioni di Fendi. Altre borse famose di Fendi sono la Roll Bag, la Ostrich Bag e la Biga Bag, tutte disegnate tra il 1999 e il 2003.

LVMH rileva Fendi

Nel 1999, Fendi è stata acquisita da LVMH e Prada, e i presidenti di entrambi i marchi di moda hanno preso una quota di maggioranza. Ma nonostante la vendita, Fendi è rimasta sotto la gestione delle figlie della terza generazione della famiglia Fendi.

Silvia Fendi ha lavorato con Karl Lagerfeld per oltre 20 anni, fino alla morte di Karl nel 2019. Dopo la sua morte, nello stesso anno ha assunto il ruolo di direttore creativo. È nota per aver creato alcune delle borse più iconiche del mondo. Si è concentrata sulla leggerezza, la praticità e la funzionalità delle borse.

Kim Jones entra in Fendi

Fendi ha continuato a crescere, rimanendo fedele alle sue origini italiane e mettendo in primo piano le donne Fendi.

La nipote di Eduardo e Adele, Silvia Venturini Fendi, ha infine assunto la direzione artistica della linea di accessori Fendi (che ha portato al design della Baguette) e della collezione uomo. Ma nel 2020, Fendi ha assunto Kim Jones come direttore artistico delle collezioni di pelle, prêt-à-porter e couture femminile.

Secondo Women’s Wear Daily, Jones sta lavorando a stretto contatto con le nipoti di Fendi, in particolare con Silvia, che rimane influente presso il marchio. È la prima persona al di fuori del clan Fendi a entrare a far parte del marchio in un ruolo chiave dai tempi di Karl Lagerfeld, che il marchio ha onorato nel 2019 dopo la sua scomparsa con la sfilata dell’autunno a Roma.

Non solo la casa di moda ha reso omaggio alle sue origini romane, ma l’intera sfilata è stata in onore di Lagerfeld e della sua eredità con Fendi. È stato il modo migliore per ringraziare Lagerfeld per il suo contributo al successo di Fendi, mentre il marchio continua a guardare al futuro.

Il Fendi di oggi e il Fendi del futuro

Come molti altri marchi di moda, Fendi mira a essere ancora più attento all’ambiente, utilizzando materiali riciclati e volendo generare meno rifiuti. Ma mentre Prada si è impegnata a smettere di usare le pellicce, Fendi non ha intenzione di eliminarle per il momento.

In un’intervista a Women’s Wear Daily, Antoine Arnault, responsabile dell’ambiente, della comunicazione e dell’immagine di LVMH, ha ribadito il desiderio dell’azienda di essere più ecologica in futuro. Il tempo ci dirà se manterranno la parola data.

Il logo Fendi è conosciuto in tutto il mondo e il suo monogramma a doppia “F” ha raggiunto lo status di icona. Tuttavia, l’emblema originale della casa di moda di lusso è ben lontano dalla scritta solida e audace che vediamo oggi.

1925 – 1965

El primer logo de Fendi.
Il primo logo Fendi


Disegnato nel 1925, il primo logo di Fendi raffigurava l’immagine di uno scoiattolo con una noce in mano, delicatamente appollaiato su un ramo. Si trattava di un simbolo piuttosto insolito per un marchio di moda. Il logo era una mascotte significativa per i fondatori. Eduardo Fendi regalò alla moglie Adele la foto di uno scoiattolo, perché diceva sempre che lei era impegnata come uno scoiattolo.

L’iscrizione era posta sotto l’immagine in un rigoroso carattere sans-serif in maiuscolo e riportava la data “1925” come motto. Entrambi i lati del logo sono stati realizzati in blu turchese, che risultava molto raffinato sulla carta da regalo giallo brillante del marchio.

1965 – 2000

Logo de Fendi con eslogan.


Nel 1965, Karl Lagerfeld entra a far parte di Fendi e presto ne cambia il logo. Ha creato l’iconico simbolo della doppia “F” in pochi secondi, con il logo nero sottostante scritto in un carattere sans-serif alto, solido e lineare.

2000 – 2013

Logo de Fendi con tipografía.


Nel 2000, il simbolo “FF” è stato rimosso dalla versione ufficiale del logo Fendi e ha iniziato a essere utilizzato principalmente per le stampe su tessuti e pelle. Per quanto riguarda l’identità visiva del marchio, ora consisteva in un’unica lettera maiuscola in un raffinato carattere sans-serif con le lettere ampiamente distanziate tra loro, rendendo il logo arioso e leggero nonostante lo spessore delle linee delle lettere.

2013 – Presente

Logo de Fendi Roma.
Il logo di Fendi oggi, con la scritta ROMA in basso


Il restyling del logo di Fendi del 2013 ha cambiato il carattere in uno morbido e arrotondato. Oggi le sue lettere maiuscole sono rese in un carattere molto simile al Basic Commercial Soft-Rounded Pro Bold, con linee morbide ed eleganti ma forme solide classiche.

Un delicato slogan, “ROMA”, completa il vasto logo con lo stesso carattere, ma più piccolo. Lo slogan celebra Roma, città natale del marchio, che è anche la sua principale fonte di ispirazione.

Il simbolo di Fendi

Oltre alla scritta della doppia “F”, chiamata anche “Zucca” rovesciata, Fendi ha un emblema di scrittura. Il carattere tipografico di Fendi utilizzato per l’iscrizione è Helvetica Bold. È interessante notare che la “F” nel simbolo di Fendi non è la stessa “F” nell’emblema del marchio.

Borse con logo Fendi

Il logo Fendi compare sulle borse Fendi in molti modi diversi, il più evidente dei quali è la chiusura. Sebbene sia il luogo più attraente per l’emblema, non è l’unico.

Su alcune borse, l’emblema della doppia “F” crea un motivo nel materiale. In questo caso, il simbolo viene ripetuto innumerevoli volte. E, naturalmente, il motivo si ripete sulla fodera interna.

Bracciali con logo Fendi

I bracciali con l’emblema Fendi variano per materiale, struttura e larghezza. I braccialetti larghi in metallo con un grande simbolo a doppia “F” sono molto popolari. È possibile trovare anche un bracciale largo bianco con un logo nero che ricorda uno stencil.

Fendi offre anche braccialetti a catena, che riportano il logo sui ciondoli. Nel caso dei braccialetti in pelle, il logo compare solitamente sulla chiusura.

Elementi di design del logo Fendi

Patrón con el logo de fendi
Modello con logo Fendi

Forma: Il simbolo della doppia “F” di Fendi (chiamato anche“Zucca” rovesciata) è uno dei loghi più iconici del mondo della moda. È stato disegnato nel 1965 da un giovane grafico parigino di nome Karl Lagerfeld. Il logo compare su un’ampia gamma di articoli Fendi, tra cui abbigliamento, scarpe, borse, borsellini e portafogli.

Sebbene Fendi sia una delle case di moda più preziose al mondo, ha la non invidiabile caratteristica di avere uno dei loghi più contraffatti al mondo.

Fonte: Il logo Fendi riporta il nome del marchio in lettere maiuscole scritte in carattere Helvetica Bold.*

Colore: Il logo di Fendi utilizza il nero che simboleggia l’eleganza, il dominio e la supremazia del marchio di moda di lusso, mentre il giallo indica gioia, felicità e ottimismo.

nv-author-image

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.