Vai al contenuto

Il logo Nintendo: conoscete la sua storia?

Logotipo de la marca Nintendo.

In questo articolo parleremo del logo Nintendo e descriveremo brevemente la storia dell’azienda

Nintendo è una multinazionale giapponese di videogiochi ed elettronica di consumo con sede a Kyoto. Fondata nel 1889 da Fusajiro Yamuschi, Nintendo è nata come azienda di carte da gioco e ha avuto un enorme successo molto prima dell’era dei giocattoli elettronici e dei video.

Tuttavia, è stato solo con il lancio del Nintendo Entertainment System nel 1985 che l’azienda è diventata un marchio veramente riconoscibile in tutto il mondo. Oggi Nintendo Company Ltd. è una delle aziende giapponesi di maggior valore, con una quota di mercato considerevole nell’industria mondiale dei videogiochi.

Las consolas de Nintendo.

La storia di Nintendo inizia nel settembre del 1889, quando l’artigiano Fusajiro Yamauchi, di Kyoto, in Giappone, inizia a produrre e distribuire carte da gioco note come hanafuda. La parola “Nintendo” era originariamente una combinazione di tre geroglifici,“nin“,“ten” e“do”. Sebbene la traduzione di questa frase sia tuttora controversa, il significato generalmente accettato è “Lascia la fortuna/il destino al cielo“. Una traduzione alternativa è“il tempio del libero hanafuda“.

Nel giro di pochi anni, le carte guadagnarono popolarità, portando Yamauchi ad assumere assistenti per la produzione di massa delle carte per soddisfare la domanda del mercato. Tuttavia, all’inizio non è stato tutto rose e fiori rosa all’inizio. L’azienda ha dovuto affrontare una serie di sfide, tra cui un processo di produzione costoso, che ha contribuito in parte al prezzo elevato del prodotto.

Inoltre, le carte erano piuttosto durevoli, il che significava vendite relativamente basse, in quanto i clienti non dovevano sostituirle così spesso. Per risolvere questo problema, l’azienda iniziò a produrre carte di qualità inferiore e più economiche, espandendo al contempo la distribuzione in città come Osaka, dove la domanda di giochi di carte era molto alta. Inoltre, i rivenditori locali apprezzavano la prospettiva che i clienti potessero rinnovare continuamente i loro mazzi, evitando così il sospetto di un riutilizzo delle carte.

Secondo i dati ufficiali dell’azienda, il primo mazzo di carte in stile occidentale di Nintendo è stato pubblicato nel 1902. Altri documenti la collocano nel 1907, quando l’azienda si associò con Japan Tobacco per distribuire i suoi giochi di carte attraverso le tabaccherie dell’azienda operanti in tutto il paese.

Nello stesso anno, Yamauchi adottò il genero, Sekiryo Kaneda, affinché potesse in seguito rilevare l’azienda di famiglia, come previsto dalla cultura giapponese. Sekiryo diventerà presidente dell’azienda nel 1929, quando Nintendo Koppai si sarà ormai affermata come il più grande produttore di giochi di carte del Paese.

Nel 1979 Nintendo apre la sua filiale americana a New York City. L’azienda ha creato un nuovo reparto di giochi arcade nella filiale di New York per sviluppare nuovi giochi arcade elettronici. Nel 1980, l’azienda lancia Game & Watch, la prima console portatile per videogiochi. Il prodotto ha riscosso un enorme successo, con vendite di oltre 43 milioni di unità in tutto il mondo e un totale di 59 giochi creati per il dispositivo.

La linea temporale di Nintendo

1889: l’artigiano locale Yamauchi inizia a produrre e distribuire carte da gioco note come hanafuda, con il nome commerciale di Nintendo Karuta.

1929: il genero adottivo di Yamauchi, Sekiryo, rileva l’azienda di famiglia, allora nota come Nintendo Koppai, la più grande azienda giapponese di carte da gioco.

1950: Hiroshi rileva l’azienda del nonno Sekiryo e la rinomina Nintendo Playing Card Co. Ltd. Hiroshi apporta altri importanti cambiamenti, come la centralizzazione delle operazioni di produzione.

1969: Gunpei Yokoi entra in azienda per dirigere il dipartimento di ricerca e sviluppo, avvalendosi della sua esperienza nella produzione di dispositivi elettronici.

1970: l’azienda produce la pistola a raggi Nintendo, il primo giocattolo elettronico del Giappone. Nello stesso anno la società viene quotata alla borsa di Osaka.

1973: Nintendo apre la sua filiale di New York e inizia a produrre giochi arcade. Il dispositivo Game & Watch, di grande successo, viene messo in vendita un anno dopo.

1985: l’azienda lancia il popolare Nintendo Entertainment System (NES) in Nord America.

1993: l’azienda inizia lo sviluppo della console Nintendo 64 e aggiunge miglioramenti alla console Game Boy.

2004: Nintendo lancia il Nintendo DS, che venderà 154 milioni di unità, diventando la console portatile di maggior successo.

2010: viene rilasciata la console di gioco 3D Nintendo 3Ds, con caratteristiche e miglioramenti moderni.

2017: il Nintendo Switch viene messo in vendita come successore del Wii U, con vendite mondiali di oltre 55 milioni di unità entro marzo 2020.

2020: nell’agosto 2020, Nintendo viene ufficialmente nominata la società più ricca del Giappone.

El logo de Nintendo.
Logo Nintendo in nero

Nonostante la storia altisonante del marchio Nintendo, l’azienda utilizza lo stesso logo dal 1967, almeno dal punto di vista tipografico, con solo piccole modifiche rispetto all’originale. Nel corso degli anni, l’azienda ha provato alcuni miglioramenti, ma alla fine ha optato per il familiare recinto da corsa per le scritte.

L’iconico design del logo dell’azienda, semplice e lineare, ha una tale forza da rendere il marchio riconoscibile da decenni. A differenza dei suoi concorrenti, il marchio Nintendo sembra aver preso la decisione strategica di mantenere il suo look, visti i milioni di fan che ha dagli anni Settanta.

Il logo di Nintendo è considerato dagli esperti “espressivo”, oltre che “intelligente e preciso”, come i prodotti di gioco dell’azienda. La versione attuale, adottata nel 2016, è caratterizzata dal rosso e dal bianco. Si tratta di un cambiamento rispetto alla precedente colorazione grigia.

La prima versione del logo attuale è apparsa nel 1967 e da allora è rimasta praticamente invariata. Il giocattolo Ultra Machine, creato nello stesso anno, fu il primo prodotto Nintendo a sfoggiare questo simbolo familiare.

Nintendo iniziò a fare le sue prime mosse nei mercati americani ed europei negli anni Cinquanta. Ciò ha richiesto la progettazione di un logo occidentalizzato in caratteri latini e l’abbandono dei geroglifici utilizzati in Giappone.

La versione occidentalizzata, comunemente identificata come il logo dell’Asso di picche, è stata utilizzata principalmente per i mazzi di carte da gioco occidentalizzati dell’azienda.

Il primo logo Nintendo

El primer logo de Nintendo.
Personaggi del primo logo Nintendo

Fin dall’inizio e prima di espandersi al di fuori del Giappone, il primo logo in kanji (il sistema di scrittura giapponese) era costituito dai tre caratteri “任天堂”, scritti come 任 (Nin) 天 (ten) 堂 (dō). Sebbene sia ancora discutibile, questa frase viene comunemente interpretata come “Lascia il destino/la fortuna al cielo”.

Ancora oggi, questa frase originale in geroglifico kanji è utilizzata in Giappone come nome ufficiale dell’azienda. Il nome compare sui prodotti Nintendo per i mercati giapponesi, anche se la maggior parte delle attività di marketing e comunicazione sono caratterizzate dal logo della pista.

Il primo logo ufficiale per i mercati internazionali utilizzava un carattere fluido per il nome “Nintendo”.

L’evoluzione del logo Nintendo

Il logo Nintendo ha subito almeno una dozzina di cambiamenti significativi, anche se molti di questi sono avvenuti negli anni ’60, prima che l’azienda trovasse finalmente un’identità con cui affermarsi. Questo dato non include le modifiche agli schemi di colore, che possono essere difficili da tracciare, data l’ampia gamma di colori sperimentati dal marchio.

Nel tentativo di trovare una via di mezzo per i mercati locali e internazionali, i designer hanno provato almeno quattro caratteri tipografici diversi, ognuno diverso dall’altro. Sembra inoltre che l’azienda non privilegiasse alcuno schema cromatico particolare, vista la scelta casuale dei colori sperimentata dai designer.

Nel 1967 l’azienda produce un nuovo giocattolo, la Ultra Machine. È su questo giocattolo che è apparso il primo logo che assomiglia al simbolo attuale. Il nome del marchio è caratterizzato da un carattere rosso spesso, con un punto quadrato sopra la lettera “i”. Questo nuovo design è stato considerato un successo ed è stato quindi imposto su tutti i lanci di nuovi prodotti.

Sebbene il marchio sembrasse aver finalmente trovato un carattere per il logo, la sperimentazione era tutt’altro che conclusa. Nel 1968, i designer racchiudono il marchio in un esagono dello stesso colore. Nel 1970, questa busta è stata abbandonata a favore del familiare quadrato arrotondato.

Nel 1975, l’azienda decise di abbandonare il quadrato arrotondato “racetrack” e passò dal rosso al nero. Questo cambiamento durerà per otto anni prima che l’azienda torni finalmente alla scocca da pista, che questa volta è stata resa un po’ più spessa. È interessante notare che la cornice della pista ha lo stesso spessore delle scritte, il che conferisce un aspetto complessivo ben studiato.

Nel corso degli anni, l’azienda ha alternato il rosso, il nero e il grigio. La versione più recente presenta uno sfondo rettangolare rosso, con le scritte e il circuito in bianco.

Nel 1983 è stato introdotto un piccolo simbolo di marchio ® alla fine del marchio. Insieme al carattere tipografico, l’autodromo circostante è diventato l’elemento caratteristico dello stile del marchio dell’azienda.

Gran parte del successo dell’azienda si basa sull’uso di un logo semplice e intelligente. L’uso di un simbolo semplice e coerente aiuta Nintendo a rimanere riconoscibile e, di conseguenza, a fidelizzare i clienti.

Simbolo Nintendo: il logo moderno non è tecnicamente né un’immagine né un simbolo, ma un marchio verbale.

Il design è piuttosto semplice, ma comunque accattivante. L’azienda mantiene la copertura dell’autodromo, questa volta in bianco, con uno sfondo rettangolare rosso. Questa iterazione comunica l’obiettivo principale dell’azienda, il gioco, invece di distrarre gli utenti.

Font Nintendo: prima della prima versione occidentalizzata in caratteri romani, il nome Nintendo era scritto in caratteri giapponesi kanji. La prima versione per i mercati esteri utilizzava una scrittura fluida, ma l’azienda ha testato molti caratteri tipografici prima di scegliere la versione del 1967.

La scelta del carattere tipografico è rimasta invariata da allora. Pur non essendo un carattere tipografico a sé stante, è diventato iconico e collega l’epoca attuale agli anni d’oro dell’azienda.

Il colore di Nintendo: tra il 2006 e il 2016, l’azienda ha utilizzato un’unica colorazione grigia, un ulteriore cambiamento rispetto al precedente rosso.

Nel 2016, la società è tornata alla combinazione bianco-rossa del 1975, con la differenza che i colori sono stati invertiti. Diversi designer hanno ipotizzato che il cambiamento di colore sia dovuto all’introduzione dell’ultimo prodotto del marchio, il Nintendo Switch.

nv-author-image

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.