Vai al contenuto

Il logo di Starbucks. Storia e caratteristiche

El logo de Starbucks es uno de los más reconocidos a nivel mundial.

Il logo di Starbucks è uno dei loghi e dei marchi più riconosciuti al mondo. Starbucks ha più di 31.000 sedi in tutto il mondo e continua a crescere. Terry Heckler è responsabile del design del famoso logo di Starbucks.

Per un numero impressionante di persone in tutto il mondo, ogni mattina inizia con una tazza di caffè fumante della catena di caffè più famosa al mondo: Starbucks. Dal 1971, Starbucks ha servito decine di bevande a base di espresso ai clienti di tutto il mondo

È un livello di successo che i tre compagni di università che hanno fondato la catena potevano solo sognare. Tuttavia, di fronte a tutto questo successo, è facile dimenticare le umili origini di Starbucks e l’interessante storia del suo logo sempre riconoscibile.

La historia del logo de Starbucks.

Pochi immaginerebbero che una catena così grande e di successo come Starbucks, che nel 2016 ha incassato più di 21,3 miliardi di dollari, sia stata fondata da tre uomini con poca esperienza commerciale tra loro Jerry Baldwin zev Siegel (professore di inglese), Zev Siegel (professore di storia) e Gordon Bowker (scrittore) hanno unito le forze per aprire il primo negozio Starbucks a Seattle (Washington) nel 1971. Curiosamente, però, il primo negozio Starbucks non vendeva caffè preparato.

Non perderti la nostra guida definitiva sul graphic design!

Scopri i migliori corsi online, master e programmi universitari per una carriera di successo nel design con la nostra "Guida definitiva allo studio del Graphic Design: Le migliori opzioni per una carriera di successo". Modella oggi il tuo futuro nell'industria creativa.
Vedi post Leggi più tardi

L’idea originale di Bowker, Siegel e Baldwin, tre amici che avevano studiato insieme all’Università di San Francisco, era quella di vendere sacchetti di caffè tostato in grani. Dopo che un uomo di nome Alfred Peet insegnò ai tre fondatori di Starbucks il suo stile caratteristico di tostatura dei chicchi di caffè, i tre uomini furono ispirati a creare una società che avrebbe offerto i chicchi al mercato generale. Avendo bisogno di un nome per la loro nuova impresa, gli imprenditori si sono ispirati alla storia. Dopo che uno di loro ha trovato una vecchia mappa mineraria con il nome di una città “Starbo”, è nato il nome Starbucks.

Per quasi quindici anni, Starbucks non ha venduto caffè espresso. In effetti, l’unico caffè che l’azienda offriva nei suoi negozi erano campioni gratuiti del sapore dei suoi chicchi di caffè caratteristici quando venivano preparati. Durante questi primi anni, Starbucks si riforniva di chicchi di caffè verde dall’azienda di Alfred Peet, Peet’s, li tostava secondo lo stile sviluppato da Alfred Peet e li offriva in vendita nel negozio.

Nonostante offrisse solo questo prodotto, la catena ebbe successo e nel 1986 Starbucks aveva aperto sei diverse sedi a Seattle. Un anno dopo, i proprietari originari vendettero l’azienda a un ex dirigente di nome Howard Schultz. Fu proprio Schultz a espandere rapidamente Starbucks fino a farla diventare l’azienda che è oggi, da una catena di caffè in grani alla catena di produzione di caffè che conosciamo oggi.

A Starbucks si attribuisce il merito di aver dato il via al modello di business noto come “second-wave coffee”. Prima di Starbucks, non c’era quasi nessuna catena che offrisse il caffè come prodotto principale. Molti ristoranti vendevano caffè, ma si trattava di una semplice aggiunta alle altre voci del menu e non dell’obiettivo principale dell’attività. Nella maggior parte dei casi, questi prodotti erano piuttosto semplici in termini di ingredienti e avevano più in comune con una macchina da caffè casalinga che con l’ampia gamma di caffè che si può trovare oggi da Starbucks.

Tuttavia, Starbucks ha avvertito l’esigenza di una catena che si concentrasse specificamente sul caffè e che offrisse un’ampia gamma di caffè che i clienti difficilmente avrebbero potuto preparare da soli a casa. Oggi il “caffè della terza ondata” ha iniziato a riscuotere un grande successo

Le aziende che producono “caffè della terza ondata” si concentrano maggiormente su caffè di alta qualità, fatti a mano, e la maggior parte dei negozi di “caffè della terza ondata” sono aziende locali piuttosto che grandi catene.

Tuttavia, Starbucks utilizza ancora macchine automatizzate per produrre il suo caffè, sia per motivi di efficienza che di sicurezza. Tuttavia, l’essere stata la prima catena a impiegare il modello del “second-wave coffee” ha permesso a Starbucks di riscuotere rapidamente un enorme successo, che continua a riscuotere anche oggi, nonostante la crescente popolarità delle caffetterie locali che offrono caffè fatti a mano.

Vaso con el logotipo de Starbucks.

Essere una delle prime catene di caffè ha permesso a Starbucks di crescere rapidamente. Nel 1992, l’azienda contava 140 sedi. All’epoca, si dice che l’azienda tostasse un totale di 2.000.000 di libbre di caffè all’anno. A partire dal 1996, Starbucks ha iniziato a espandersi nel mercato internazionale, aprendo il suo primo negozio al di fuori del Nord America a Tokyo, in Giappone. Oggi Starbucks ha più di 25.000 negozi in 70 paesi diversi.

Se la qualità del caffè offerto ha indubbiamente giocato un ruolo incredibilmente importante nella crescita e nel successo di Starbucks, anche l’approccio di marketing adottato dall’azienda è stato fondamentale per il suo successo. Nota per la sua abilità nel marketing mobile, Starbucks è stata una delle prime aziende ad abbracciare completamente l’era digitale, vendendo caffè attraverso la sua app e arrivando persino a vendere carte regalo attraverso un hashtag di Twitter.

Se questo uso all’avanguardia della tecnologia ha giocato un ruolo importante nell’espansione dell’azienda, non è stato l’unico approccio di marketing di successo utilizzato da Starbucks: anche la rielaborazione del logo unico di Starbucks ha giocato un ruolo importante nel suo successo, aiutando l’azienda a far conoscere il suo marchio in tutto il mondo e creando un’immagine del marchio che i clienti sono in grado di riconoscere immediatamente. E si scopre che la storia del logo di Starbucks è interessante quanto quella dell’azienda stessa.

Poco dopo l’apertura del primo Starbucks a Seattle, i fondatori sapevano che avrebbero avuto bisogno di un buon logo. Desiderosi di catturare la storia marinara del caffè e lo stretto rapporto di Seattle con il mare, hanno cercato tra i vecchi libri di mare finché non si sono imbattuti in un’incisione norrena del XVI secolo raffigurante una sirena a due code

El primer logo de Starbucks.

Questa immagine è stata utilizzata per progettare la prima versione del logo di Starbucks. Nel corso degli anni, il logo si è evoluto insieme all’azienda, ma i suoi elementi di base sono rimasti invariati, con la sirena a due code sempre al centro della scena.

El logo de Starbucks diseñado en el año 1987.
Logo Starbucks 1987

È interessante notare che la sirena è una scelta che ha attirato alcune critiche a causa dei suoi parallelismi poco lusinghieri. Nella mitologia greca, la sirena è una creatura che attira i marinai con una voce “irresistibilmente dolce”, per poi divorarli ferocemente una volta che si avvicinano.

Logo de Starbucks utilizado entre los años 1992 y 2011.
Logo Starbucks utilizzato tra il 1992 e il 2011

Alcuni ritengono che Starbucks abbia scelto il logo perché simboleggia l’ossessione, la dipendenza e l’imbroglio e, considerando che molti sono irrimediabilmente dipendenti dalla loro birra Starbucks preferita, non è una teoria così inverosimile. Tuttavia, il logo di Starbucks rimane un’icona incredibilmente popolare e una forza trainante del successo globale dell’azienda.

Elementi di design del logo Starbucks

El logo de Starbucks en la actualidad.

Il logo di Starbucks è rimasto sostanzialmente invariato nel corso degli anni, il logo di Starbucks ha subito alcune revisioni. Oggi, il disegno consiste in una sirena a due code in bianco e nero che indossa una corona stellata e che è incorniciata da un cerchio verde in cui sono scritte le parole “Starbucks Coffee”.

Si tratta di un logo incredibilmente riconoscibile, che le persone sono in grado di identificare immediatamente senza dover guardare i dettagli del design stesso.

Características del logo de la marca Starbucks.

Si dice che la cattiva pubblicità non esiste, e la piccola controversia sul significato del logo di Starbucks gli ha fatto guadagnare una discreta popolarità e attenzione. Una semplice ricerca su Internet sulla storia del logo di Starbucks rivela decine di articoli scritti sul suo discutibile messaggio.

Polemiche a parte, il logo di Starbucks ha goduto di grande popolarità anche in altri modi. Tanto per cominciare, compare su quasi tutte le tazze dei quattro milioni di caffè che la catena vende ogni giorno. I cartelli con il logo servono anche ad attirare l’attenzione dei clienti e a pubblicizzare la posizione del negozio.

Soprattutto per l’azienda, il logo di Starbucks è diventato rapidamente uno status symbol. Bryant Simon, autore di “Tutto tranne il caffè”: Learning About America From Starbucks (Imparare l’America da Starbucks), racconta la storia di come le persone portavano a volte la loro tazza vuota di Starbucks per mostrare il loro gusto e la loro classe socioeconomica. Simon dice: “Volevano che la gente li vedesse con la coppa”. Grazie all’intervento degli utenti, Starbucks è riuscita a fare di quella tazza un simbolo di una persona esigente, sofisticata e con abbastanza soldi da spendere per il caffè”.

Logos de Starbucks.

Grazie a questa associazione con il buon gusto e un conto spese sano, la tazza di caffè Starbucks e il suo famoso logo iniziarono presto a comparire in film e televisione. Carrie Bradshaw è stata vista bere da una tazza di Starbucks in Sex and the City e la tazza è apparsa più volte ne Il diavolo veste Prada, con Andrea che la portava ogni mattina al suo capo malvagio e crudele.

Tutte queste associazioni e apparizioni positive nella cultura pop testimoniano il potere che può avere un buon logo, soprattutto se abbinato a un solido piano di marketing. La storia del logo di Starbucks è ricca di storie di successo ed è un ottimo esempio per le nuove aziende da emulare nella scelta del proprio logo.

Autore

Laureato in Psicologia e appassionato di chitarra flamenca e giochi da tavolo, il mio percorso professionale mi ha portato a comprendere il profondo legame tra comportamento umano e marketing. Nel corso degli anni, ho affinato la mia capacità di analizzare e interpretare le tendenze del mercato e le risposte dei consumatori. Su The Color Blog, unisco le mie conoscenze psicologiche alla mia passione per la scrittura, offrendo prospettive uniche sul marketing, la storia e le interazioni umane che caratterizzano la nostra era digitale.View Author posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *