Vai al contenuto

Il logo della NBA Qual è la sua storia?

El logo de la NBA, su historia y detalles.

Chi non riconosce subito il logo dell’NBA? Senza dubbio, il miglior campionato professionistico di pallacanestro, riconosciuto in tutto il mondo e che ha lanciato tantissime stelle del basket

In questo articolo approfondiremo la storia del suo logo e vi racconteremo brevemente come è nata l’NBA

La historia de la NBA.

La Basketball Association of America – l’entità che sarebbe poi diventata la NBA – fu fondata nel giugno del 1946 da un gruppo di uomini d’affari che possedevano diverse arene di hockey su ghiaccio nel nord degli Stati Uniti e in Canada

All’epoca, la concorrenza della lega era costituita dall’American Basketball League (ABL) e dalla National Basketball League (NBL), anche se sarebbe stata la successiva competizione della NBA con una lega emergente nota come American Basketball Association a determinare la creazione del logo NBA che abbiamo oggi.

Dopo un periodo di concorrenza tra i tre campionati, la BAA assorbì la NBL in una fusione che creò il campionato che oggi conosciamo come NBA. Da allora, l’NBA ha prodotto superstar come Michael Jordan magic Johnson, Kareem Abdul-Jabbar, Kobe Bryant e innumerevoli altri nomi che avrebbero consolidato la popolarità del campionato a livello internazionale

Non perderti la nostra guida definitiva sul graphic design!

Scopri i migliori corsi online, master e programmi universitari per una carriera di successo nel design con la nostra "Guida definitiva allo studio del Graphic Design: Le migliori opzioni per una carriera di successo". Modella oggi il tuo futuro nell'industria creativa.
Vedi post Leggi più tardi

Sebbene l’NBA non sia stata esente da difficoltà (bassi ascolti, scarsa affluenza e scandali legati alla droga hanno minacciato di farla deragliare alla fine degli anni ’70), sono state superstar come queste a tenere l’NBA sotto i riflettori e a spingere gli ascolti nella stratosfera.

Oggi l’NBA è composta da 30 squadre, 29 statunitensi e una canadese, e rimane una delle leghe sportive più redditizie al mondo. L’anno scorso, la gara 7 del campionato NBA tra i Cleveland Cavaliers e i Golden State Warriors ha attirato 30,8 milioni di spettatori, avvicinandosi alla popolarità del campionato CFP, della March Madness e persino del Superbowl.

Con un successo così enorme, è difficile immaginare che l’NBA faccia fatica a promuoversi presso i fan e a ratificare la sua posizione di unica lega professionistica di pallacanestro. Tuttavia, non molto tempo fa l’NBA ha ritenuto necessario fare proprio questo. Dal fuoco di questa competizione è nato il logo dell’NBA.

Logo de la NBA clásico.

Il logo della NBA è stato disegnato nel 1969 da Alan Siegel, fondatore dello studio di branding Siegel+Gale. All’epoca, l’NBA si trovava ad affrontare la feroce concorrenza di una rivale appena fondata, l’American Basketball Association.

Come dimostra la storia, gli americani di allora (e di quelli successivi) non sembravano avere spazio nella loro base di tifosi per più di una grande lega sportiva professionistica per ogni sport. Nella competizione tra l’NBA e l’ABA, una delle due sarebbe rimasta indietro, e parte dell’onere di garantire che fosse l’NBA a regnare vittoriosa ricadeva sulle spalle di Siegel.

La missione di creare un nuovo logo è stata ardua. Alan aveva creato un logo silhouette di successo per la lega di baseball un anno prima

All’epoca il baseball era uno sport più popolare della pallacanestro e il settore del basket era davvero poco ispirato. Alan sapeva bene di essere obbligato a creare qualcosa di efficace come il logo della lega di baseball. Così ha cercato tra centinaia o forse migliaia di foto di pallacanestro.

Prima di progettare il nuovo logo, Siegel ha cercato ispirazione nei vecchi numeri della rivista Sport. Alla fine ha trovato una foto della superstar del basket Jerry West. In un unico fotogramma, questa foto sembra catturare la natura fluida e veloce del gioco. Utilizzando questa foto, Siegel creò una solida silhouette bianca di Jerry West e la posizionò su uno sfondo rosso e blu, formando il logo che vediamo ancora oggi.

Alan propose almeno 50 varianti del logo, ma l’emblema di Jerry West prevalse sugli altri. La scelta del colore per il logo NBA è stata determinata dall’idea di rendere il gioco veramente nazionale. Ciò significa che i colori dovevano corrispondere a quelli della bandiera americana. L’NBA ha iniziato a utilizzare questo emblema nel 1971

Il logo è stato un grande successo, così come i tentativi di rebranding dell’NBA. Entrambe sarebbero sopravvissute all’aspra battaglia contro l’ABA e ne sarebbero uscite vittoriose, regalandoci la ricca storia, i momenti indimenticabili e i nomi leggendari che abbiamo oggi.

chi è il giocatore che compare nel logo dell’NBA?

El logo de la NBA es Jerry West.
A destra della foto c’è Jerry West, la cui sagoma è il logo dell’NBA

Il logo dell’NBA è Jerry West, giocatore di basket dei Lakers che ha ispirato il logo. La foto ha attirato l’attenzione del designer per una buona ragione. Anche quando è ridotto a una silhouette, sembra scivolare sulla pagina. È un’immagine dinamica che cattura con precisione la natura dello sport.

Se si cerca su Google “foto logo NBA”, è probabile che venga fuori un’immagine di Jerry West con l’uniforme gialla dei Lakers. West sta andando a canestro, con il corpo che descrive un angolo diagonale, quasi come un fulmine, da sinistra a destra. Tuttavia, se si sovrappone questa immagine al logo dell’NBA, si noterà che i due non coincidono affatto.

La silhouette del logo è in posizione molto più eretta, con le braccia più vicine al corpo. La posizione ufficiale dell’NBA è sempre stata che, sebbene la famosa foto di West sia stata un’ispirazione, il logo non era specificamente destinato a rappresentarlo. Tuttavia, se si scava un po’ più a fondo, si scopre che il logo corrisponde quasi esattamente a un’altra fotografia di West.

Questa immagine è apparsa originariamente sulla copertina di una rivista di basket del 1967/68. Nella foto, West indossa una maglia blu di Los Angeles.

Cosa pensa davvero West di essere il logo dell’NBA? Ha fornito opinioni contrastanti sul suo stato. Da un lato, ha inveito contro il logo da una posizione di modestia, dicendo a ESPN nel 2017: “Non mi piace fare qualcosa per attirare l’attenzione”. Si è persino spinto a dire: “Per molti versi, vorrei che cambiassero il logo”.

In un certo senso, questo tipo di pensiero è in linea con la posizione dell’NBA sul logo. La lega e West preferirebbero onorare l’NBA nel suo complesso. Tuttavia, l’NBA ha un ulteriore incentivo finanziario per insistere affinché il logo non rappresenti West. Se dovessero raggiungere un accordo sulla sua origine con West, dovrebbero pagargli i diritti d’autore.

Sebbene sia ampiamente noto che il logo è un’immagine di West, West non ha mai ricevuto un centesimo per questo logo. Nel 2015, West ha affrontato la questione in un’intervista a Grantland. “Penso che sarebbe bello ottenere una royalty per questo”, ha detto West. “Sarebbe davvero bello”.

Quali sono le caratteristiche del logo NBA?

La combinazione di colori del logo (rosso, bianco e blu) ha fatto leva sul patriottismo degli spettatori dell’NBA e ha contribuito ad affermare la lega come scelta americana per il basket professionistico.

Scegliendo una delle superstar del campionato come fonte di ispirazione per il logo, Siegel, designer di loghi NBA, è stato in grado di evidenziare ciò che veramente contraddistingue l’NBA. Probabilmente, ancor più di altri sport, l’NBA è stata a lungo guidata al successo dalla popolarità di una manciata di giocatori davvero spettacolari

La scelta di inserire uno di questi giocatori nel design del logo è stata una decisione saggia e un elemento di design essenziale del logo NBA.

L’evoluzione del logo NBA

Sebbene l’attuale logo dell’NBA sia praticamente lo stesso da quando Siegel lo ha disegnato, ci sono state versioni precedenti, anche se sono passate inosservate, in quanto si trattava di loghi molto semplici e privi di particolari attrattive

Logo NBA 1950-1953

Logo de la NBA en el año 1950

Logo NBA 1962-1969

Logo de la NBA del año 1962.

1969- Il logo che ha cambiato tutto

Come abbiamo già detto, nel 1969 Alan Siegel disegnò il logo NBA che sarebbe poi diventato l’emblema del marchio in tutto il mondo. Anche se solo nel 1971 l’associazione iniziò a utilizzare il leggendario logo

2018- Un leggero restyling

Logo de la NBA del año 2018.

A partire dal 2018 il logo NBA ha subito alcune lievi modifiche estetiche. I colori del logo sono stati sostituiti con altri più scuri e la tipografia utilizzata è stata modificata

Nell’immagine qui sopra è possibile vedere più chiaramente quali sono queste differenze

Logo del 75° anniversario della NBA

Logo de la NBA del 75 aniversario.

Per la stagione 2021-2022, l’NBA utilizzerà questo logo ridisegnato per commemorare il 75° anniversario dell’associazione e organizzerà vari eventi durante l’anno per onorare sia le stelle dell’NBA che i fan

Il design del logo e le regole del marketing nell’NBA

Logos de los distintos equipos de la NBA.

L’NBA ha una politica rigorosa in materia di design del logo per le squadre. Ad esempio, è assolutamente necessario avere una palla nel logo. Una volta c’erano delle clemenze. Si poteva avere un canestro solo nel logo, ma ora qualsiasi squadra non ha altra scelta che seguire le rigide regole di design del marchio.

Questo vale per l’uniforme. Un tempo le regole erano che il colore delle scarpe doveva corrispondere a quello dell’uniforme. Michael Jordan decise di infrangere questa regola e firmò un contratto con Nike. Michael arrivò a giocare con scarpe rosse e nere e fu multato di 5.000 dollari per questo.

Gli è stato anche detto che doveva pagare la multa ogni volta che entrava a giocare con scarpe inadeguate. Tuttavia, Nike ha iniziato a pagare le multe al posto di Michael. Inoltre, la situazione ha incrementato le vendite di scarpe Nike. Questo è un ottimo esempio di pubblicità non standard. Non è importante solo creare un logo creativo, ma anche fare una buona pubblicità.

La petizione per rendere Kobe Bryant il logo della NBA

Logo de la NBA con la figura de Kobe Bryant.

Più di un milione di persone hanno sostenuto una petizione per utilizzare l’immagine di Kobe Bryant come nuovo logo ufficiale dell’NBA. La petizione si trova sulla piattaforma Change.org.

Bryant, considerato uno dei più grandi giocatori di basket della storia, è morto il 26 gennaio 2020.

Lui e sua figlia Gianna, di 13 anni, sono stati tra le nove persone rimaste uccise in un incidente in elicottero in California.

Logo NBA en el store oficial.

Sebbene lo scopo originario del rebranding dell’NBA sia stato raggiunto da tempo, il logo NBA rimane incredibilmente popolare. Si può trovare su un’ampia varietà di prodotti, dall’abbigliamento ai poster e alle decorazioni, e tutto il resto. Pertanto, la popolarità del logo NBA continua a far guadagnare alla lega immense quantità di denaro in vendite di merchandising.

Questo aspetto del potenziale di un logo viene spesso trascurato durante la sua creazione iniziale, ma è comunque un fattore incredibilmente importante da considerare; se un logo è progettato in modo sufficientemente attraente, può ripagarsi molte volte in termini di vendite di prodotti

Anche se il vostro marchio non vende tante maglie come l’NBA, avere un logo attraente da utilizzare sui vostri prodotti non fa mai male, soprattutto se possedete un marchio che le persone sarebbero orgogliose di mostrare.

Che siate ispirati dal logo dell’NBA o semplicemente interessati alla sua storia, questo logo è sicuramente degno di attenzione. È un design efficace che ha superato la prova del tempo e continua a rappresentare uno dei campionati sportivi più popolari al mondo.

volete scaricare i loghi NBA in formato PNG? Selezionare l’immagine da questo articolo che si desidera scaricare, fare clic con il pulsante destro del mouse e selezionare “Salva immagine con nome” per salvare l’immagine selezionata sul proprio computer o dispositivo mobile

Se volete conoscere la storia

Autore

Laureato in Psicologia e appassionato di chitarra flamenca e giochi da tavolo, il mio percorso professionale mi ha portato a comprendere il profondo legame tra comportamento umano e marketing. Nel corso degli anni, ho affinato la mia capacità di analizzare e interpretare le tendenze del mercato e le risposte dei consumatori. Su The Color Blog, unisco le mie conoscenze psicologiche alla mia passione per la scrittura, offrendo prospettive uniche sul marketing, la storia e le interazioni umane che caratterizzano la nostra era digitale.View Author posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *