Vai al contenuto

Il colore oro Qual è il suo significato? Cosa simboleggia?

El color dorado, su significado y simbología.

Qual è il significato simbolico, le associazioni comuni e la psicologia del colore oro, e cosa dice della vostra personalità se amate indossare gioielli d’oro o se il vostro colore o materiale preferito è l’oro?

L’oro è un colore universale dal fascino infinito. Con molteplici significati e associazioni, questa tonalità abbagliante ha una sua profondità. Nella maggior parte dei casi, il colore oro è sinonimo di prosperità e lusso. All’altra estremità dello spettro ci sono l’arroganza, la stravaganza e l’instabilità morale. Queste diverse qualità rendono l’oro ugualmente amato e odiato.

El color oro está asociado a la ambición pero también a la iluminación espiritual.

L’oro è il colore della ricchezza e della classe, è sicuro di sé, forse eccessivamente sicuro di sé, diventa arrogante ed egoista.

L’oro è appariscente, ricco e stravagante, è il colore per eccellenza per simboleggiare il lusso. È anche legato alla divinità, l’oro è molto importante nel cristianesimo, ha significati simili al colore bianco, che significa purezza e luce del giorno.

In altre religioni l’oro è spesso associato alla conoscenza, alla saggezza e all’apprendimento. Anche l’oro, come il viola, è associato alla regalità. I buddisti considerano l’oro come una separazione dalle preoccupazioni e dagli affanni ordinari.

In generale, l’oro è apprezzato e associato al denaro e al prestigio. Che si tratti di un lingotto d’oro, di una piuma d’oro o di un quadro d’oro, implica la stessa cosa: ricchezza e status elevato. L’oro è anche associato al successo e alla vittoria, al primo posto e alla conquista di una medaglia d’oro, per esempio. L’oro è in cima alla gerarchia, sopra l’argento e il bronzo.

El color dorado está asociado a distintos rasgos de personalidad.

Siete una persona positiva e ambiziosa, una caratteristica che attrae e influenza gli altri.

Avete un desiderio di lusso, che si tratti di una casa, di un’auto o di accessori di lusso.

Siete socievoli, estroversi e vi piace essere al centro dell’attenzione.

Avete un grande desiderio di successo, non vi sedete ad aspettare che le cose accadano, ma andate a prenderle.

Avete conoscenze e saggezza superiori alla media e vi piace condividerle con gli altri.

Avete una chiara visione di ciò che volete nella vita. Costruite confini forti per il comportamento accettabile e non tollerate comportamenti che vanno oltre tali confini.

A volte potete essere arroganti e le vostre ambizioni possono essere irrealistiche, il che può portare a fallimenti ed errori.

L’oro viene spesso utilizzato e mostrato nei gioielli e negli orologi che indossiamo. Indossare o esibire oro poteva suggerire che qualcuno era molto interessato allo status sociale e a mostrare la propria ricchezza.

Il modo in cui gli altri li percepiscono è importante per loro. Indica una persona che pensa in modo esteriore, cerca l’approvazione e cerca di impressionare gli altri.

Ampiamente utilizzato negli ambienti religiosi, il colore oro è sinonimo di divinità e potere. I cristiani ritengono che il colore oro rappresenti le icone, motivo per cui questo colore compare in molti mosaici. Quando questa tonalità maestosa è presente, ricorda ai cristiani la forza e l’onnipresenza di Dio

Nell’induismo, il colore oro è associato all’apprendimento, alla meditazione e al miglioramento personale. Gli idoli indù sono spesso raffigurati con aureole dorate. Questo indica la loro saggezza e virtù senza limiti.

L’oro è uno dei sette metalli dell’alchimia (oro, argento, mercurio, rame, piombo, ferro e stagno). Per l’alchimista rappresentava la perfezione di tutta la materia a ogni livello, compreso quello della mente, dello spirito e dell’anima. Il simbolo dell’oro potrebbe anche essere utilizzato per rappresentare il sole in astrologia.

Los alquimistas, buscadores de la piedra filosofal.

Fin dall’antichità, l’oro è stato riconosciuto non solo per la sua bellezza, ma anche per le sue proprietà chimiche e fisiche uniche. In nessun luogo l’oro era più apprezzato che nella misteriosa pratica dell’alchimia: una tradizione filosofica e proto-scientifica che cercava di creare l’oro da altri elementi e che è stata praticata nel corso della storia, dall’Antico Egitto all’Illuminismo europeo.

Le prime testimonianze della pratica dell’alchimia risalgono alla nascita della metallurgia, intorno al 3500 a.C.. Gli storici hanno individuato tradizioni di alchimia in Cina, India, Medio Oriente ed Europa

L’alchimista egiziano Zosimo di Panopoli scrive intorno al 300 a.C. sul concetto di “pietra filosofale”, un materiale leggendario al centro dell’alchimia che avrebbe potuto curare tutti i mali, garantire la vita eterna e trasformare i metalli in oro. Alcuni ritenevano che fosse stato dato ad Adamo da Dio.

L’alchimia si concentra principalmente sulla trasmutazione dei metalli comuni (ad esempio piombo o rame) in “metalli nobili”, in particolare l’oro, e sulla creazione di una “panacea”, un rimedio in grado di curare tutte le malattie e prolungare la vita all’infinito. L’oro era ritenuto l’origine di tutti i metalli, una visione ben illustrata da George Starkey (noto con lo pseudonimo di Eirenaeus Philalethes), un alchimista dell’America coloniale del XVII secolo, che scrisse: “Ogni seme metallico è il seme dell’oro: perché l’oro è l’intenzione della natura rispetto a tutti i metalli. Se i metalli comuni non sono oro, è solo per qualche impedimento accidentale: sono tutti potenzialmente oro”.

Questa interpretazione delle proprietà chimiche dell’oro spinse gli alchimisti di tutto il mondo a cercare la “pietra filosofale”, una sostanza leggendaria o un elisir che si riteneva fosse in grado di trasformare i metalli comuni in oro.

Anche Sir Isaac Newton (1642-1727), riconosciuto come uno dei geni della scienza e forse la figura più influente della rivoluzione scientifica, dedicò molto tempo all’alchimia. Egli riteneva che, nell’intero regno minerale, i metalli fossero gli unici materiali in grado di “vegetare”, mentre gli altri minerali potevano formarsi solo meccanicamente. Newton passava giorni chiusi nel suo laboratorio a praticare l’alchimia e a cercare di trasmutare il piombo in oro

Alcuni ritengono che alla fine ci sia riuscito. Forse questo spiega perché, all’apice della sua carriera, fu nominato direttore della Zecca Reale d’Inghilterra, con il compito di assicurare e contabilizzare il deposito d’oro dell’Inghilterra

Avere la capacità di trasformare il piombo in oro avrebbe oggi evidenti vantaggi, ma il motivo per cui gli alchimisti antichi e medievali cercavano di trasformare i metalli comuni in oro non era semplicemente l’avidità

Come scrivono Nevill Drury e Lynne Hume nel loro libro The Varieties of Magical Experience: Indigenous, Medieval, and Modern Magic: “Gli alchimisti non consideravano tutti i metalli come ugualmente maturi o ‘perfetti’. L’oro simboleggiava il massimo sviluppo della natura e veniva a personificare il rinnovamento e la rigenerazione umana

Un essere umano “dorato” che risplendeva di bellezza spirituale e che aveva trionfato sul potere del male che lo attanagliava. Il metallo più basso, il piombo, rappresentava l’individuo peccatore e impenitente, che veniva facilmente sopraffatto dalle forze delle tenebre… Se il piombo e l’oro erano composti da fuoco, aria, acqua e terra, sicuramente cambiando le proporzioni degli elementi costitutivi, il piombo poteva essere trasformato in oro. L’oro era superiore al piombo perché, per sua natura, conteneva il perfetto equilibrio dei quattro elementi.

Molti degli obiettivi perseguiti dagli alchimisti antichi e medievali sono stati raggiunti dai chimici e dai fisici nucleari di oggi. La scoperta della radioattività da parte di Henri Becquerel nel 1896 e la scoperta dell’elettrone da parte di Joseph John Thomson un anno dopo, hanno permesso di comprendere la trasmutazione naturale

Inoltre, gli esperimenti congiunti di Ernest Rutherford e Frederick Soddy all’inizio del XX secolo dimostrarono che la radioattività del torio era il risultato di un processo di disintegrazione o decadimento di un elemento in un altro. Questa trasmutazione e altre scoperte successive hanno facilitato il rilascio di enormi quantità di energia che lo scienziato TJ Trenn ha definito “l’oro della nuova alchimia”.

Sebbene la creazione di oro da altri metalli si sia rivelata impossibile per l’alchimia, gli alchimisti hanno svolto un ruolo importante nel formulare la nostra comprensione del mondo materiale e nel porre le basi della scienza moderna. E la loro eredità continua: nel XXI secolo abbiamo trovato un modo per creare oro e altri elementi replicando le stelle che esplodono.

nv-author-image

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.