Vai al contenuto

L’Ankh o croce egizia. Storia e simbologia

El símbolo del Ankh o cruz egipcia.

L‘ankh è un antico simbolo egizio della vita. Il simbolo è un anello a forma di goccia con una croce collegata direttamente sotto di esso

Il bordo dell’ankh rappresenta il sole, mentre la barra orizzontale della croce rappresenta l’orizzonte e la barra verticale della croce rappresenta il percorso del sole, che sorge sopra l’orizzonte. L’ankh veniva regolarmente utilizzato nell’antico Egitto attraverso geroglifici, arte e manufatti per indicare l’importanza della vita. L’ankh viene talvolta definito la“chiave della vita“.

Historia del Ankh o cruz egipcia.

Nonostante la sua diffusione, le origini esatte dell’ankh rimangono incerte, anche se sappiamo che è entrato in uso durante la Prima Dinastia, più di 5.000 anni fa. Esistono molte ipotesi diverse sull’oggetto fisico che doveva rappresentare.

Le prime versioni del simbolo raffiguravano la barra inferiore come due pezzi di materiale separati (forse stoffa o canne). Alcuni studiosi ritengono quindi che l’ankh rappresenti un nodo che poteva essere indossato come amuleto di protezione. Questa teoria è rafforzata dal fatto che queste prime versioni dell’ankh assomigliano a un altro geroglifico noto come tjet o nodo di Iside.

Questo simbolo significava “benessere” o “protezione” e veniva spesso seppellito come amuleto con i faraoni del Nuovo Regno per proteggere i loro corpi dai ladri di tombe. Sebbene l’ankh fosse raffigurato sulle mani di molte divinità egizie, era associato soprattutto a Iside.

Altri studiosi ritengono che il nodo che ha ispirato l’ankh fosse utilizzato come una sorta di cinturino per i sandali. Alcuni ritengono che l’ispirazione per l’ankh non fosse affatto un nodo, ma uno specchio, mentre altri pensano che la croce ovale sia più rappresentativa che letterale

Due sono le spiegazioni simboliche più diffuse: la prima è che la parte superiore della croce, a forma di anello, rappresenti il sole che sorge all’orizzonte; la seconda è che l’ankh sia una combinazione degli organi riproduttivi maschili e femminili. In questo caso, la forma a “T” è sinonimo di organi sessuali maschili, mentre l’ovale in alto rappresenta l’utero femminile. La combinazione dei due indica l’unione e l’equilibrio degli opposti e il ciclo continuo della vita attraverso la riproduzione.

El Ankh también se conoce como la llave de la vida.

L’Ankh è formato, a partire dalla sommità, da un cerchio, simbolo di ciò che non ha inizio né fine, e che rappresenta il mondo celeste, lo spirito di Ra, il Dio Sole per gli antichi Egizi; questo cerchio serve anche come impugnatura della chiave, da cui viene trasportata dagli dei che la portano. Si appoggia sulla Terra, come il Sole all’orizzonte, quando tramonta o sorge.

Questa chiave apre anche le porte del mondo dei morti e penetra il significato nascosto dell’eternità. Nelle cerimonie funebri, tenuta per il manico, è la chiave delle porte della tomba e, posta tra gli occhi, è un vincolo di segretezza.

Può anche essere rappresentato come un legame magico che riunisce tutte le cose nel nodo al centro e permette loro di rimanere unite. Si tratta quindi del cosiddetto Nodo di Iside, la nozione di raggruppamento,

Iside, come seconda persona della principale trinità egizia di Osiride, Iside e Horus, è la mediatrice divina, la dea dell’amore e della vita, che riunirà, come racconta il mito, i pezzi sparsi del suo divino marito Osiride, simbolo del Mistero. Allo stesso modo, l’uomo accede alla conoscenza superiore sviluppando la sua volontà, nel tentativo di unirsi al suo essere interiore, al suo vero Sé, dove risiede la coscienza della propria immortalità

Nella cultura egizia, il simbolo dell’Ankh era utilizzato anche in tutti i tipi di amuleti. Gli amuleti erano associati agli attributi del dio o della virtù che rappresentavano. In questo caso, l’amuleto Ankh è stato utilizzato per rappresentare la vita. Gli Egizi li usavano nella vita quotidiana, ma anche come offerta per i morti, per accompagnarli nell’aldilà.

Cruz de Egipto en piedra.
  • La croce egizia, nota anche come Ankh, era in origine un geroglifico egizio usato per rappresentare la parola “vita”. Per estensione, questa croce divenne soprattutto un simbolo di vita.
  • Questa croce veniva posta anche sulle labbra dei re morti, tenendo presente che, secondo l’antica mentalità egizia, la morte non significava la fine, ma era semplicemente un passaggio all’aldilà, alla vita eterna.
  • Come di solito accade per molti simboli di origine religiosa o spirituale, non esiste un significato univoco per questo simbolo. Nel corso della storia, questo simbolo e le sue varianti sono state utilizzate da diverse culture e religioni che gli hanno attribuito significati diversi.
  • Tra gli Egizi era soprattutto un simbolo di vita o di immortalità. In questo senso, aveva anche un certo legame con la morte e i riti ad essa associati.
  • Il simbolo dell’Ankh è stato interpretato anche come simbolo di equilibrio tra forze opposte, ad esempio tra mascolinità e femminilità. Può anche rappresentare gioia, energia e fertilità.
  • Un’interpretazione del significato di questo simbolo lo collega all’unione sessuale e quindi alla fertilità e alla vita. Ciò ci permette di comprendere questo simbolo non solo come simbolo della vita presente, ma anche come simbolo della vita futura e dell’immortalità.
  • Esiste un’altra teoria che mette in relazione la T, la parte inferiore della croce, con gli attributi sessuali maschili, mentre la parte superiore, il manico della croce, con l’utero o il pube della donna, simboleggiando la riconciliazione degli opposti, l’unità tra i due sessi e soprattutto la riproduzione e quindi il ciclo della vita.

Alcuni antichi geroglifici egizi raffigurano il re che viene nutrito con piccoli ankh, che potrebbero essere interpretati come “dare la vita al re”. Detto questo, alcuni geroglifici raffigurano il re e due divinità che lo lavano con un flusso di piccoli ankh. In questo contesto, il simbolo dell’ankh rappresenta il potere purificatore dell’acqua, anche se alcuni studiosi suggeriscono che il re nell’iscrizione si lava per rigenerare la sua vita.

Questa storia fu un punto di svolta, perché da quel momento in poi l’ankh cominciò a essere visto, come un amuleto, come una chiave che significava che i morti potevano aprire la porta dell’aldilà, e venne associato ai faraoni, che all’epoca erano considerati delle vere e proprie divinità

Inoltre, con l’arrivo del cristianesimo in Egitto nel II secolo d.C., i copti adottarono la croce come simbolo, una variante della croce che conosciamo oggi. Sebbene inizialmente solo i faraoni potessero indossarlo, nel Nuovo Regno fu permesso a tutta la popolazione del Paese.

Altre teorie suggeriscono che rappresenti l’aria e l’acqua come elementi importanti per generare la vita. È anche considerata la chiave dei misteri della natura. In alto, ha una specie di cerchio o ovale, che non ha inizio né fine e simboleggia il mondo celeste, il dio Ra, il sole.

Ma soprattutto, la croce egizia o Ankh simboleggiava il rispetto per i morti nella civiltà egizia. Rispetto che è arrivato fino ai nostri giorni, attraverso diverse civiltà, attraverso il Libro dei Morti, una delle opere principali che ci sono giunte dall’Antico Egitto.

El Ankh es uno de los símbolos más reconocidos del antiguo egipto.

L’Ankh, una croce sormontata da un ovale, si riferisce alla riconciliazione degli opposti (femminile-maschile) e anche al simbolo usato per designare il pianeta Venere, motivo per cui è un elemento di molti culti femminili.

L’Ankh è il simbolo della trasformazione o della trasmutazione, mentre per i cristiani copti è una delle rappresentazioni iconografiche della loro fede. Lo stesso vale per le croci irlandesi e armene, presumibilmente basate sul disegno dell’Ankh.

Questo simbolo si trova nel metallo, nelle leghe metalliche, nelle sculture di pietre preziose, nei cristalli o nelle superfici di legno, argilla o pietra. Il materiale dipende dall’uso previsto.

Il suo consiglio è che gli Ankh in metallo dovrebbero essere usati come amuleti personali, mentre le sculture in legno, argilla o pietra sono più adatte a proteggere la casa. Inoltre, una croce egizia scolpita nel vetro può essere un ottimo talismano per la salute.

Oltre a essere un potente amuleto personale o domestico, è possibile utilizzare l’Ankh negli esercizi di meditazione, principalmente per connettersi con la spiritualità o l’energia divina di guarigione.

A tal fine, l’operatore deve essere vestito in modo comodo, senza indumenti che facciano pressione sul corpo. Allo stesso modo, è necessario eliminare qualsiasi distrazione.

La meditazione inizia concentrandosi sul respiro (fate 3 respiri profondi e poi lasciate che il corpo respiri da solo), quando sentite di essere concentrati sul momento presente, visualizzate la luce bianca intorno a voi.

Poi iniziate a visualizzare nella vostra mente la figura di un Ankh o di una croce egizia di pura luce bianca, che emana vibrazioni di pace e salute verso di voi. Accogliere l’energia con gratitudine.

Questo esercizio non dovrebbe durare più di 5 minuti. Tornate al momento presente, concentrandovi nuovamente sul respiro.

Il potere dell’ankh come simbolo egizio della vita era così forte che anche altre civiltà antiche lo adottarono. Nell’arte del Vicino Oriente, l’ankh era spesso raffigurato accanto a divinità egizie introdotte nei pantheon di Siria e Canaan; entrò inoltre a far parte della cultura artistica dell’Anatolia (l’odierna Turchia) e di Creta. In Africa, il Regno Meroitico (situato a sud dell’Egitto, nell’odierno Sudan) adottò molte delle credenze e delle pratiche dei suoi vicini, compreso l’uso del simbolo dell’ankh come rappresentazione della vita mortale ed eterna.

In Egitto, l’ankh fu uno degli unici simboli antichi a sopravvivere quando il cristianesimo iniziò a sostituire il paganesimo a partire dal I secolo d.C.

I cristiani copti adottarono il suo messaggio di vita eterna, ma lo adattarono per riferirsi all’immortalità spirituale che, secondo loro, attendeva i seguaci di Cristo. Alla fine, l’anello ovale in cima all’ankh fu sostituito da uno circolare, creando così l’alternativa copta alla tradizionale croce a quattro pali nota come crux ansata.

nv-author-image

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.