Vai al contenuto

Walt Disney. Il genio dell’animazione. Conoscere la sua storia

Walt Disney junto al personaje de Mickey Mouse en Disneylandia.

Disney è uno dei marchi più riconoscibili al mondo, ma pochi conoscono la storia di Walt Disney, il creatore dell’azienda che domina il mondo dell’animazione e dell’intrattenimento.

Dalla battuta d’arresto negli affari che lo spinse a sviluppare il suo personaggio più famoso dei cartoni animati al mito persistente che circonda la sua morte, in questo articolo vi racconteremo i dettagli della vita di Walt Disney

Walt Disney es sin ninguna duda uno de los animadores más conocidos de la historia.

Walt Disney, il cui nome completo era Walter Elias Disney (nato il 5 dicembre 1901 a Chicago, Illinois, Stati Uniti, e morto il 15 dicembre 1966 a Los Angeles, California), è stato un produttore cinematografico e televisivo e showman americano, famoso per essere stato il pioniere dei film a cartoni animati e per aver creato personaggi dei cartoni animati come Topolino e Paperino

Progettò e costruì anche Disneyland, un enorme parco divertimenti che aprì vicino a Los Angeles nel 1955, e prima della sua morte aveva iniziato a costruire un secondo parco di questo tipo, il Walt Disney World, vicino a Orlando, in Florida

La Disney Company da lui fondata è diventata uno dei più grandi conglomerati di intrattenimento del mondo.

Tarjetas de visita de Walt Disney.

Walter Elias Disney era il quarto figlio di Elias Disney, falegname, agricoltore e costruttore ambulante, e di sua moglie, Flora Call, ex insegnante di scuola pubblica

Quando Walt era poco più che un bambino, la famiglia si trasferì in una fattoria vicino a Marceline, nel Missouri, una tipica cittadina del Midwest, che si dice sia servita da ispirazione e modello per la Main Street, U.S.A. di Disneyland, dove Walt iniziò la sua formazione e mise in mostra le sue abilità

È lì che Walt inizia la sua formazione e mostra per la prima volta il suo gusto e la sua attitudine per il disegno e la pittura con pastelli e acquerelli.

Il padre, irrequieto, abbandonò presto l’attività agricola e trasferì la famiglia a Kansas City, nel Missouri, dove acquistò un servizio di distribuzione di giornali al mattino e costrinse i figli piccoli ad aiutarlo a consegnare i giornali. Walt disse in seguito che molte delle abitudini e delle compulsioni della sua vita adulta derivavano dalle discipline e dai disagi dell’aiutare il padre a consegnare i giornali

A Kansas City, il giovane Walt Disney iniziò a studiare fumetto presso una scuola per corrispondenza e successivamente frequentò i corsi del Kansas City Art Institute and School of Design.

Nel 1917, la famiglia Disney si trasferisce di nuovo a Chicago e Walt entra alla McKinley High School, dove scatta fotografie, disegna immagini per il giornale della scuola e studia fumetto a margine, nella speranza di trovare lavoro come vignettista di un giornale

I suoi progressi furono interrotti dalla Prima Guerra Mondiale, durante la quale prestò servizio come autista di ambulanze per la Croce Rossa Americana in Francia e Germania.

Tornato a Kansas City nel 1919, trovò un impiego occasionale come disegnatore e inchiostratore negli studi d’arte commerciale, dove conobbe Ub Iwerks, un giovane artista il cui talento contribuì notevolmente al successo iniziale di Walt.

I suoi primi Cartoni Animati

Insoddisfatti dei loro progressi, nel 1922 Disney e Iwerks crearono un piccolo studio tutto loro e acquistarono una cinepresa di seconda mano con la quale realizzarono film pubblicitari animati di uno o due minuti da distribuire nei cinema locali

Estratto da “Alice nel paese dei cartoni animati” di Walt Disney

Hanno anche realizzato una serie di sketch a cartoni animati chiamati Laugh-O-grams e il film pilota di una serie di favole di sette minuti che combinava live-action e animazione, Alice in Cartoonland

Un distributore di film di New York truffò i giovani produttori e Disney fu costretto a dichiarare bancarotta nel 1923. Si trasferisce in California per intraprendere la carriera di direttore della fotografia, ma il sorprendente successo del primo film di Alice costringe Disney e suo fratello Roy – socio in affari da sempre – a riaprire l’attività a Hollywood.

Oswald, il coniglio fortunato

Con Roy come direttore commerciale, Disney riavvia la serie di Alice, convincendo Iwerks a unirsi a lui e ad aiutarlo a disegnare i cartoni. Inventarono un personaggio chiamato Oswald il coniglio fortunato, stipularono un contratto per la distribuzione dei film a 1.500 dollari l’uno e lanciarono la loro piccola società. Nel 1927, poco prima del passaggio al sonoro, Disney e Iwerks sperimentarono un nuovo personaggio: un topo allegro, energico e dispettoso di nome Mickey (che sicuramente conoscete)

Avevano progettato due cortometraggi, intitolati Plane Crazy e Gallopin’ Gaucho, che avrebbero avuto come protagonista Topolino, quando Il cantante di jazz, un film con il popolare cantante Al Jolson, portò la novità del sonoro al cinema.

Willie del battello a vapore

Riconoscendo pienamente le possibilità del sonoro nei cartoni animati, Walt Disney produsse rapidamente un terzo cartone animato di Topolino dotato di voci e musica, intitolato Steamboat Willie, e abbandonò gli altri due cartoni animati senza sonoro. Quando apparve nel 1928, Steamboat Willie fece scalpore.

Il successo di Topolino e la nascita di nuovi personaggi

L’anno successivo, la Disney lanciò una nuova serie chiamata Silly Symphonies con un film intitolato The Skeleton Dance, in cui uno scheletro emerge dal cimitero e si esibisce in una danza grottesca e rauca su musiche basate su temi classici.

Il film originale, dal ritmo incalzante, ha garantito il successo popolare della serie, ma, con l’aumento dei costi dovuti al complicato lavoro tecnico e di disegno, l’operazione della Disney è stata continuamente messa in pericolo.

Tuttavia, la crescente popolarità di Topolino e della sua fidanzata, Minnie, testimonia il gusto del pubblico per la fantasia di piccole creature con la parlata, le abilità e i tratti della personalità degli esseri umani(lo stesso Disney ha doppiato Topolino fino al 1947)

Questa popolarità ha portato all’invenzione di altri personaggi animali, come Paperino e i cani Pluto e Pippo

Nel 1933, Walt Disney produsse un cortometraggio, I tre porcellini, che arrivò nel bel mezzo della Grande Depressione e conquistò il paese. Il trattamento della favola del maialino laborioso che costruisce la sua casa di mattoni contro lo sbuffare di un lupo minaccioso era in linea con il bisogno di forza di fronte al disastro economico, e la sua canzone“Who’s Afraid of the Big Bad Wolf?

È in questo periodo di difficoltà economiche, all’inizio degli anni Trenta, che Disney si fa apprezzare dal pubblico di tutto il mondo con i suoi cartoni animati e la sua azienda inizia a guadagnare nonostante la Depressione.

Il premio Oscar per i fiori e gli alberi

A quel punto, Disney aveva messo insieme uno staff di giovani creativi, guidati da Iwerks. Il colore è stato introdotto nel film premio Oscar Silly Symphonies Flowers and Trees (1932), mentre altri personaggi animali sono apparsi in film come The Grasshopper and the Ants (1934) e The Tortoise and the Hare (1935)

Roy si occupò delle vendite del merchandising dei cartoni animati di Topolino e Paperino – orologi, bambole, magliette e top – e raccolse ulteriori ricchezze per l’azienda.

L Primi film d’animazione

Blancanieves fue el primer largometraje producido por Walt Disney.

Walt Disney non è mai stato uno che si riposa o sta fermo. Da tempo pensava di produrre lungometraggi d’animazione oltre ai suoi cortometraggi

Nel 1934 iniziò a lavorare a una versione della fiaba classica Biancaneve e i sette nani (1937), un progetto che richiedeva una grande organizzazione e coordinamento dei talenti dello studio e per il quale Disney possedeva un’abilità unica

Pur partecipando attivamente a tutte le fasi della creazione dei suoi film, ha svolto principalmente un ruolo di coordinatore e di decisore finale, piuttosto che di progettista e artista

Biancaneve è stato ampiamente acclamato dalla critica e dal pubblico come una storia d’amore divertente e sentimentale. Animando figure sostanzialmente umane nei personaggi di Biancaneve, del Principe e della Regina cattiva, e formando caricature di figure umane nei sette nani, Disney si allontanò dalla portata e dalle tecniche dei cortometraggi, dimostrando così l’efficacia dell’animazione come veicolo per storie di lungometraggio.

Sebbene Disney continuasse a realizzare cortometraggi con i personaggi antropomorfi dei suoi animaletti, in seguito sviluppò un’ampia gamma di divertenti lungometraggi, come Pinocchio (1940), Dumbo (1941) e Bambi (1942)

Ha anche prodotto un film del tutto insolito ed emozionante: il suo Fantasia (1940), multi-segmentato e stilizzato, in cui figure di cartoni animati e modelli di colore sono stati animati su musiche di Igor Stravinsky, Paul Dukas, Pyotr Ilyich Tchaikovsky e altri

Nel 1940, Disney trasferisce la società in un nuovo studio a Burbank, in California, abbandonando il vecchio stabilimento che aveva occupato nei primi giorni di crescita.

Serie TV e altri lungometraggi

Uno sciopero degli animatori Disney nel 1941 fu una grave battuta d’arresto per l’azienda. Molti dei migliori animatori si dimisero e passarono molti anni prima che la società producesse film d’animazione all’altezza dei suoi classici dei primi anni Quaranta.

L’incursione di Disney nei film per il governo federale durante la Seconda Guerra Mondiale aiutò lo studio a perfezionare i metodi per combinare l’azione dal vivo e l’animazione; tra i film commerciali dello studio che utilizzarono questa tecnica ibrida vi furono Il drago riluttante (1941), Saluti amichevoli (1942), I tre caballeros (1945), Make Music (1946) e Song of the South (1946).

A quel punto, lo studio Disney si era affermato come una grande azienda e aveva iniziato a produrre un’ampia gamma di film di intrattenimento

Una serie popolare chiamata True-Life Adventures (Avventure di vita vera) presentava film sulla natura come Seal Island (1948), Beaver Valley (1950) e The Living Desert (1953)

Lo studio Disney iniziò anche a realizzare lungometraggi d’animazione, come Cenerentola (1950), Alice nel paese delle meraviglie (1951) e Peter Pan (1953), e a produrre film d’azione dal vivo a basso costo, come Il professore distratto (1961).

Lo studio Disney è stato uno dei primi a prevedere il potenziale della televisione come mezzo di intrattenimento popolare e a produrre programmi direttamente per essa

I serial di Zorro e Davy Crockett erano molto popolari tra i bambini e un programma settimanale (noto con diversi titoli, tra cui Walt Disney’s Wonderful World of Color) divenne un appuntamento fisso della domenica sera

Anche il Mickey Mouse Club, uno spettacolo di varietà con un cast di artisti adolescenti noti come i Mouseketeers, ebbe successo. Tuttavia, l’apice della carriera di Disney come produttore è stato raggiunto con l’uscita del film Mary Poppins nel 1964, che ha raggiunto una popolarità mondiale.

Disneyland

Disneyland es el legado de Walt Disney y cuenta puede visitarse en distintos países del mundo.

All’inizio degli anni Cinquanta, Disney aveva iniziato a progettare la costruzione di un enorme parco di divertimenti vicino a Los Angeles

Quando Disneyland aprì nel 1955, la propensione di Disney per il sentimento nostalgico e la fantasia era evidente nella sua progettazione e costruzione

Ben presto divenne una mecca per i turisti di tutto il mondo. Un secondo parco Disney, il Walt Disney World vicino a Orlando, in Florida, che era in costruzione al momento della sua morte, aprì nel 1971.

Inizialmente Walt intendeva costruire un piccolo parco divertimenti vicino al suo studio di Burbank; tuttavia, i suoi piani divennero presto più ambiziosi e, nel 1953, assunse una società di ricerca per trovare la posizione ottimale nella California meridionale per un parco a tema su larga scala

Dopo aver studiato fattori quali la crescita della popolazione, le condizioni meteorologiche e le opzioni di trasporto, lo studio ha consigliato il sito che sarebbe diventato la sede di Disneyland: un appezzamento di terreno di 160 acri, composto principalmente da aranceti, ad Anaheim

I lavori di costruzione iniziarono nel luglio 1954 e Disneyland fu inaugurato un anno dopo, il 17 luglio. Il giorno dell’inaugurazione, tuttavia, non fu facile: la gente fece biglietti falsi, con conseguente sovraffollamento; le giostre si ruppero; alcune parti del parco furono lasciate incompiute e una fuga di gas costrinse Fantasyland a chiudere

L’inaugurazione di Disneyland è stata presentata in una trasmissione televisiva in diretta, condotta dall’allora attore Ronald Reagan e seguita da circa 70 milioni di americani, anche se il programma è stato afflitto da difficoltà tecniche

Ciononostante, Disneyland fu un successo immediato e nel giro di un mese il parco aveva accolto più di mezzo milione di visitatori (inizialmente l’ingresso al parco costava un dollaro per gli adulti e 50 centesimi per i bambini, più altri 10-25 centesimi per ogni singola attrazione). Walt, che era stato fortemente coinvolto nello sviluppo di Disneyland, amava trascorrere del tempo al parco e aveva persino un appartamento lì.

El legado de Walt Disney es enorme y abarca desde sus parques de atracciones hasta los Estudios Disney.

L’immaginazione e l’energia di Disney, il suo umorismo estroso e il suo dono di essere in sintonia con i capricci del gusto popolare lo hanno ispirato a sviluppare divertimenti amati da “bambini di tutte le età” in tutto il mondo

Sebbene alcuni abbiano criticato i suoi soggetti spesso edulcorati e lo abbiano accusato di aver creato un monopolio stilistico nell’animazione americana che scoraggiava la sperimentazione, non si può negare che i suoi risultati siano stati rivoluzionari

I suoi successi come creatore di intrattenimento per un pubblico quasi illimitato e come ingegnoso commercializzatore dei suoi prodotti possono essere paragonati a quelli degli industriali di maggior successo della storia.

Non c’è da stupirsi che il suo spirito sia ancora presente nell’azienda Disney, che anno dopo anno continua a reinventarsi e a sfornare nuovi progetti che stupiscono grandi e piccini

Nel novembre del 1966, i medici scoprirono che Walt Disney, da sempre fumatore, aveva un cancro ai polmoni. Morì in un ospedale di Burbank il mese successivo, il 15 dicembre, all’età di 65 anni

Poco dopo la sua morte, sui tabloid è iniziata a circolare la notizia che il regista era stato congelato criogenicamente nella speranza che la scienza potesse un giorno riportarlo in vita

Nonostante le insistenti voci su Disney e la criogenia, in realtà è stato cremato e le sue ceneri sono state sepolte in un mausoleo del Forest Lawn Cemetery di Glendale, in California.

La prima persona congelata criogenicamente fu un professore universitario americano nel gennaio 1967. Da allora, più di cento persone sono state crioconservate, tra cui il grande campione di baseball Ted Williams, morto nel 2002.

nv-author-image

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.