Vai al contenuto

Il simbolo X. Storia e significato

El símbolo x.

Il simbolo X, la lettera più potente dell’alfabeto, è stato utilizzato in molti campi, dall’algebra alla scienza, dall’astronomia alla spiritualità. Viene spesso utilizzato per rappresentare l’ignoto, ma il suo significato può variare a seconda del contesto. Ecco cosa c’è da sapere sul significato del simbolo X, sulla sua origine e sulla sua storia.

Il simbolo X. Storia e significato

Ora che Twitter sta cambiando completamente il suo logo e la sua immagine aziendale in X, molti di noi sono interessati a sapere cosa significa X. In effetti, anche Elon Musk sta iniziando a utilizzare il dominio acquistato da PayPal: x.com

Il simbolo X ha diversi significati: rappresenta l’ignoto, il segreto, il pericolo e la fine. Può avere un significato mistico, così come un’importanza scientifica o linguistica. Ecco alcuni dei significati del simbolo, insieme al suo utilizzo in vari contesti:

Simbolo del misterioso sconosciuto

In generale, il simbolo X viene utilizzato per indicare qualcosa di misterioso o sconosciuto, destinato a essere risolto. In algebra, spesso ci viene chiesto di risolvere x come variabile o valore non ancora noto. Nella lingua inglese è comunemente usato per descrivere qualcosa di vago, come Brand X, o per indicare una persona misteriosa, come Mr.

Simbolo del noto

A volte il simbolo X viene utilizzato per indicare luoghi o destinazioni specifiche su mappe e luoghi di incontro, dando origine all’espressione x marks the spot. Nella narrativa, si trova comunemente sulle mappe del tesoro, per indicare dove è sepolto un tesoro nascosto. Può anche essere usato per indicare il punto in cui i paracadutisti devono atterrare o il punto in cui gli attori devono trovarsi su un palcoscenico.

Nell’uso moderno, la X è considerata una firma universale per coloro che non sanno leggere o scrivere, che indica la loro identità o il loro consenso a un contratto o a un documento. A volte segna anche la parte in cui un documento deve essere datato o firmato. Oggi lo usiamo per indicare un’elezione, sia in un esame che su una scheda elettorale, anche se lo stesso simbolo è usato per segnare la scena di un crimine nelle fotografie o nelle cianografie.

Il simbolo X come pericolo e morte

Alcuni associano il simbolo X a femori sovrapposti o a teschi con ossa incrociate che significano pericolo e morte. Sebbene le ossa incrociate siano state inizialmente associate ai pirati, nel distintivo Jolly Roger, alla fine del XIX secolo sono diventate un avvertimento di pericolo molto diffuso.

In seguito, sia il teschio e le ossa incrociate che il simbolo della X su sfondo arancione divennero lo standard per l’etichettatura di sostanze nocive e tossiche in tutta Europa. Questo è probabilmente uno dei motivi per cui il simbolo X ha acquisito una macabra associazione con la morte.

Errore e rifiuto

Nella maggior parte dei casi, il simbolo X viene utilizzato per indicare il concetto di errore e di rifiuto. Ad esempio, viene utilizzato per indicare una risposta errata, soprattutto in un esame, così come una cancellazione che richiede una ripetizione.

La fine di qualcosa

In alcuni contesti, il simbolo X indica un’entità la cui esistenza è finita, passata e scomparsa. Nell’uso tecnico, la lettera X è spesso una versione abbreviata di un prefisso più lungo, ex, comunemente usato per descrivere ex relazioni, come ex-marito, ex-amico, ex-band o ex-CEO. Nel linguaggio informale, alcune persone usano la lettera X per riferirsi al proprio ex coniuge o alla propria fidanzata.

Un simbolo moderno per il bacio

Nel 1763, il simbolo X per il bacio è stato citato nell’Oxford English Dictionary ed è stato utilizzato da Winston Churchill nel 1894 per firmare una lettera. Alcune teorie suggeriscono che la lettera stessa assomigli a due persone che si baciano, con i simboli > e < che si uniscono come un bacio, dando vita al simbolo della X. Oggi è ampiamente utilizzato alla fine di e-mail e messaggi di testo per indicare un bacio.

Prima di acquisire il suo significato mistico, la X era una lettera dell’alfabeto primitivo. In seguito è stata utilizzata per rappresentare l’ignoto e una serie di concetti della matematica e della scienza.

Nel simbolismo alfabetico

Letra X caligrafía.

L’alfabeto primitivo è apparso quando i pittogrammi si sono evoluti in simboli che rappresentano i singoli suoni. La X deriva dalla lettera fenicia samekh, che rappresentava il suono consonantico /s/. Dopo 200 anni, tra il 1000 e l’800 a.C., i Greci presero in prestito la samekh e la chiamarono chi o khi (χ), la 22a lettera dell’alfabeto greco da cui si sviluppò la X.

Nei numeri romani

In seguito, i Romani adottarono il simbolo Chi per indicare la lettera x nel loro alfabeto latino. Il simbolo X compare anche nei numeri romani, un sistema di lettere utilizzato per scrivere i numeri. Ogni lettera del sistema rappresenta un numero, e la X sta per 10. Quando una linea orizzontale viene tracciata attraverso la X, significa 10.000.

In matematica

In algebra, il simbolo X viene ora utilizzato per rappresentare una variabile, un valore o una quantità sconosciuta. Nel 1637, René Descartes utilizzò x, y, z per le variabili sconosciute, in corrispondenza di a, b, c utilizzate per indicare le quantità note. Si noti che una variabile non deve essere necessariamente indicata con la lettera x, poiché può essere qualsiasi altra lettera o simbolo. Pertanto, il suo utilizzo per rappresentare l’ignoto potrebbe avere un’origine più profonda e antica.

Alcuni ipotizzano che l’uso del simbolo x nelle equazioni matematiche derivi dalla parola araba shay-un che significa qualcosa o qualcosa di indeterminato. Nell’antico testo Al-Jabr, un manoscritto che stabiliva le regole dell’algebra, le variabili matematiche erano indicate come cose indeterminate. Compare in tutto il testo per rappresentare la parte dell’equazione non ancora identificata.

Quando il manoscritto fu tradotto dagli studiosi spagnoli, la parola araba shay-un non poteva essere tradotta perché lo spagnolo non ha il suono sh. Si utilizzò quindi il suono più vicino, ovvero il suono greco ch rappresentato dalla lettera chi (χ). Alla fine questi testi sono stati tradotti in latino, dove i traduttori hanno semplicemente sostituito il chi greco (χ) con la X latina.

Nella scienza e in altri campi

Dopo l’uso del simbolo in algebra, il simbolo x fu utilizzato per rappresentare l’incognita in altre circostanze. Quando il fisico Wilhelm Röntgen scoprì una nuova forma di radiazione nel 1890, la chiamò raggi X perché non la comprendeva appieno. In genetica, i primi ricercatori chiamarono il cromosoma X per le sue proprietà uniche.

Nel settore aerospaziale, il simbolo X sta per ricerca sperimentale o speciale. Infatti, ogni aereo è contraddistinto da una lettera che ne designa lo scopo. Gli aerei X hanno raggiunto diversi primati nell’aviazione, dalle innovazioni alla rottura delle barriere di altitudine e velocità. Inoltre, gli astronomi hanno usato a lungo la X come nome per un ipotetico pianeta, una cometa dall’orbita sconosciuta e così via.

Nel corso della storia, il simbolo X ha acquisito diverse interpretazioni a seconda del contesto in cui viene visto.

Nel cristianesimo

Símbolo X en la cruz.

Nella lingua greca, la lettera chi (χ) è la prima lettera della parola Cristo (Χριστός) pronunciata khristós, che significa Unto. Si ritiene che Costantino abbia visto la lettera greca in una visione, che lo portò ad adottare la fede cristiana. Sebbene alcuni associno il simbolo della X alla croce, gli studiosi sostengono che il simbolo sia più identico al simbolo pagano del sole.

Oggi il simbolo X è spesso utilizzato come simbolo del nome di Cristo. Come dispositivo grafico o cristogramma, sostituisce la parola Cristo a Natale, che diventa così Xmas. Un altro esempio popolare è il Chi-Rho o XP, le prime due lettere di Cristo in greco sovrapposte. Nel 1021, uno scriba anglosassone arrivò ad abbreviare la parola Natale in XPmas per risparmiare spazio nella scrittura.

Alcune persone amano i simboli per rappresentare la propria fede. Tuttavia, il simbolo della X è antecedente al cristianesimo: nell’antica Grecia era il simbolo della fortuna. Ancora oggi si discute sull’uso della X come simbolo di Cristo a Natale, considerando i molti significati negativi della X, come l’incognita e l’errore, ma alcuni sostengono che la controversia sia solo un fraintendimento del linguaggio e della storia.

Nella cultura africana

Per molti afroamericani, la storia dei loro cognomi è stata influenzata dalla schiavitù del passato. Infatti, il simbolo X è un indicatore di assenza per un cognome africano sconosciuto. Durante la schiavitù, i padroni assegnavano loro dei nomi e alcuni non avevano alcun cognome.

La figura più influente è Malcom X, leader afroamericano e sostenitore del nazionalismo nero, che adottò il cognome X nel 1952. Disse che simboleggiava il nome africano sconosciuto dei suoi antenati. Può sembrare un amaro ricordo della schiavitù, ma può anche essere una dichiarazione delle sue radici africane.

Il senso di mistero del simbolo X ha portato al suo uso diffuso nella nomenclatura, da Malcolm X alla Generazione X, fino alle serie televisive di fantascienza X-Files e X-Men.

Come etichetta di un gruppo demografico

Il simbolismo X è stato applicato alla Generazione X, la generazione nata tra il 1964 e il 1981, probabilmente perché si trattava di giovani il cui futuro era incerto.

Il termine Generazione X è stato coniato per la prima volta da Jane Deverson in una pubblicazione del 1964 e reso popolare dal giornalista canadese Douglas Coupland nel romanzo del 1991 Generation X: Tales for an Accelerated Culture. Si dice che la X sia stata usata per descrivere un gruppo di persone che non volevano preoccuparsi dello status sociale, delle pressioni e del denaro.

Tuttavia, alcuni ipotizzano che il nome Gen X sia stato dato perché si tratta della decima generazione dal 1776, e in numeri romani X significa 10. È anche la generazione che segna la fine della generazione del Baby Boom.

Nella cultura pop

Logo X-men.

La serie televisiva di fantascienza The X-Files ha avuto un seguito di culto negli anni ’90, ruotando intorno alle indagini paranormali, all’esistenza di vita extraterrestre, alle teorie di cospirazione e alla paranoia nei confronti del governo statunitense.

Nei fumetti Marvel e nel film X-Men, i supereroi avevano un gene X, che conferiva loro poteri extra. Il film statunitense Malcolm X del 1992 racconta la vita dell’attivista afroamericano che perse il suo nome originale durante la schiavitù.

Nelle e-mail e nei social media

Oggi il simbolo X viene spesso utilizzato alla fine delle lettere per indicare un bacio. A volte la X maiuscola indica un grande bacio, anche se non deve essere sempre considerata un segno di un gesto romantico. Alcune persone lo inseriscono semplicemente nei messaggi per dare loro un tono caloroso, quindi è comune tra gli amici.

Autore

Laureato in Psicologia e appassionato di chitarra flamenca e giochi da tavolo, il mio percorso professionale mi ha portato a comprendere il profondo legame tra comportamento umano e marketing. Nel corso degli anni, ho affinato la mia capacità di analizzare e interpretare le tendenze del mercato e le risposte dei consumatori. Su The Color Blog, unisco le mie conoscenze psicologiche alla mia passione per la scrittura, offrendo prospettive uniche sul marketing, la storia e le interazioni umane che caratterizzano la nostra era digitale.View Author posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *