Vai al contenuto

Il logo Pokémon. Storia del franchising

El logo de Pokémon y su franquicia.

Oggi parleremo un po’ del logo dei Pokémon e della storia di questo popolare franchise

Il franchise mediatico dei Pokémon è caratterizzato da un logo con scritte gialle e blu di grande effetto. La versione inglese del logo è probabilmente la più popolare in tutto il mondo, ma non è l’unica. La versione giapponese della scritta ha un aspetto diverso e un tema diverso, ma conserva la sua caratteristica allegria.

Pokémon, los principales protagonistas.

Pokémon è un popolare franchise di videogiochi di proprietà e pubblicato da Nintendo Corporation. È stato sviluppato nel 1996 da Satoshi Tajiri, un noto sviluppatore di videogiochi giapponese. Si stima che le vendite dei prodotti del franchise, tra cui giocattoli, libri, carte da collezione, anime e fumetti, abbiano superato i 92 miliardi di dollari.

Protagonista Pokémon.
Protagonista delle prime edizioni dei videogiochi Pokémon

Pokémon è una serie di videogiochi Nintendo lanciata nel febbraio 1996 con i titoli Pokémon Rosso e Pokémon Verde. In seguito, la serie è diventata molto popolare negli Stati Uniti e in tutto il mondo. Originariamente progettato per la gamma di console portatili Game Boy di Nintendo, Pokémon è stato introdotto negli Stati Uniti nel 1998 con due titoli chiamati Blu e Rosso.

Non perderti la nostra guida definitiva sul graphic design!

Scopri i migliori corsi online, master e programmi universitari per una carriera di successo nel design con la nostra "Guida definitiva allo studio del Graphic Design: Le migliori opzioni per una carriera di successo". Modella oggi il tuo futuro nell'industria creativa.
Vedi post Leggi più tardi

Nella serie Pokémon, i giocatori assumono il ruolo di allenatori di Pokémon e ottengono i mostri dei cartoni animati e li sviluppano per combattere altri Pokémon. Il gioco è diventato una delle serie di videogiochi più popolari del pianeta, secondo solo a Super Mario Bros.

Le origini dei Pokémon

Pokémon Pocket Monster, los orígenes de Pokémon.

I Pokémon sono nati come hobby di Satoshi Tajiri. Da bambino, Tajiri si divertiva a catturare girini e insetti in uno stagno vicino alla sua casa di Tokyo. Con l’aiuto di Ken Sugimori e altri, Tajiri ha ideato Game Freak per dare ai bambini lo stesso impulso immaginativo che aveva lui da piccolo.

Tajiri è stato anche fortemente influenzato da uno show televisivo noto come Ultra Seven, in cui Ultraman evocava mostri giganti all’interno di capsule per aiutarlo a combattere il male. Di conseguenza, il gioco si chiamava inizialmente Capsule Monsters, anche se Tajiri non riuscì a ottenere il consenso di Nintendo.

In seguito, con l’aiuto di Shigeru Miyamoto, Nintendo accettò di finanziare il progetto, ma ancora non lo capiva. Hanno dato ai partner 6 anni per creare il primo gioco. Ma a causa di problemi di branding, i Mostri Capsula sono diventati Mostri Tascabili, dando vita ai Pokémon.

L’inizio di Game Freak e Pokémon

Logo de Game Freak.
Il logo di Game Freak

Satoshi Tajiri ha disegnato i Pokémon con l’aiuto dell’amico illustratore Ken Sugimori.

Nel 1982, Tajiri si unì ai suoi amici per lanciare una rivista di videogiochi chiamata Game Freak. Tuttavia, dopo un po’ di tempo, Tajiri decise di iniziare a sviluppare i propri videogiochi invece di scriverne.

Sette anni dopo, Game Freak diventa una società di videogiochi e Tajiri e i suoi amici introducono alcuni giochi come Yoshi, Mario e Wario e Pulseman, che vengono accolti piuttosto bene.

All’inizio degli anni ’90, ispirato dalla sua educazione a esplorare foreste e a raccogliere girini e insetti, Tajiri sviluppò l’idea dei Pocket Monsters (meglio conosciuti come Pokémon) e la presentò a Nintendo.

I primi titoli Pokémon

All’inizio, Nintendo non era del tutto convinta di Pocket Monsters. Tuttavia, alla fine accettarono l’idea e Tajiri passò i sei anni successivi a lavorare con il famoso sviluppatore di videogiochi Shigeru Miyamoto (autore di The Legend of Zelda e Mario) per dare vita al sogno dei Pocket Monsters.

Pokémon rojo y verde, ediciones en japonés.

Nel febbraio 1996, in Giappone è stata rilasciata una versione verde-rossa di Pocket Monsters per la gamma di console portatili Game Boy. Una cartuccia conteneva i giochi e i giocatori potevano scambiarsi i Pokémon tramite un cavo collegato al Game Boy di qualcun altro.

I giochi sono stati venduti in milioni di copie e sono stati introdotti negli Stati Uniti nel 1998. Un anno dopo, i giochi furono introdotti nel Regno Unito in una versione blu e rossa (anziché verde). Il nome Pocket Monsters è stato anche abbreviato in Pokémon.

Pokémon, ediciones rojo y azul.

Da allora sono state pubblicate altre sette generazioni di titoli Pokémon, da Argento e Oro a Zaffiro e Rubino, Perla e Diamante, Nero e Bianco, Sole e Luna, X e Y e l’ultimo titolo Spada e Scudo.

Pokémon, todas las ediciones de videojuegos.

Ogni nuova generazione conteneva nuovi Pokémon. In effetti, la serie Pokémon conta oggi circa 898 Pokémon diversi. Quindi ci vorrà un po’ di tempo per catturarli tutti.

L’inizio del gioco di carte collezionabili Pokémon

Juego de cartas de Pokémon.

Dopo il successo dei primi giochi Pokémon, una società nota come Media Factory ha ideato le Pokémon Trading Cards (TGC). Il primo set di carte è stato pubblicato nell’ottobre 1996, con 102 carte e le illustrazioni di Ken Sugimori, Keiji Kinebuchi e Mitsuhiro Arita.

Le carte sono diventate rapidamente molto popolari e, nel 1999, sono state introdotte in Nord America e, poco dopo, in tutto il mondo.

Sono nati i tornei di carte Pokémon, in cui i giocatori potevano sfidarsi tra loro, e ora esiste persino un campionato mondiale.

Da allora, sono stati prodotti più di 30 miliardi di carte collezionabili Pokémon, e alcune persone hanno speso diverse centinaia di migliaia di dollari per le carte più rare.

Il lancio della serie TV Pokémon

Serie de televisión de Pokémon.

Nel 1997, i Pokémon hanno ispirato il lancio di una serie televisiva animata in Giappone. La serie ruotava intorno alla vita di un ragazzo di nome Satoshi (dal nome dell’inventore dei Pokémon, Satoshi Tajiri) che intraprendeva una missione per diventare un esperto di Pokémon insieme al suo compagno Pikachu.

La serie TV viene presentata in tutto il mondo e Ash Ketchum diventa il nuovo nome di Satoshi Tajiri. Da allora, la serie TV Pokémon è durata 23 stagioni e oltre 1.000 episodi.

Nel 2019, Ash vince la Lega di Alola e diventa un esperto di Pokémon nella serie Sole e Luna.

Il primo film sui Pokémon

Cartel de la primera película de Pokémon.

Nel 1998, un film è arrivato nelle sale cinematografiche giapponesi. Il film, intitolato Pokémon: Mewtwo Strikes Back, ruotava intorno all’allenatore Ash Ketchum che, insieme ai suoi amici, viene invitato su un’isola segreta dove incontra l’onnipotente Pokémon Mewtwo.

Pokémon: Mewtwo Strikes Back è stato un successo al botteghino ed è stato distribuito in tutto il mondo nel 1999.

Da allora sono stati realizzati 23 film d’animazione e un film live-action intitolato Detective Pikachu, con Ryan Reynald.

I Pokémon arrivano sul cellulare con Pokémon GO

Logo de Pokémon GO, el juego para móviles.

Nel 2016 è stato introdotto sugli smartphone un gioco piuttosto grande che al suo lancio ha fatto il giro del mondo. Il gioco è noto come Pokémon GO.

Pokémon GO è stato piuttosto rivoluzionario. Permetteva ai giocatori di esplorare il luogo in cui si trovavano nella vita reale, utilizzando la tecnologia della realtà aumentata e il satellite per far sembrare che il Pokémon che avevano sul telefono fosse davvero lì.

Pokémon GO para dispositivos móviles.

Al suo rilascio, Pokémon GO ha battuto i record di download e da allora è stato scaricato più di un miliardo di volte: un sacco di allenatori di Pokémon!

I remake dei Pokémon e il loro futuro

Remakes de Pokémon.

Nel 2018, Nintendo ha introdotto i remake dei giochi Pokémon Giallo e Rosso e Blu sotto forma di Pikachu e Let’s Go Eevee.

La nuova tecnologia ha permesso ai giocatori di lanciare le pokeball con i controller di Nintendo Switch. E con l’aiuto di un controller per pokeball appositamente progettato, i giocatori possono anche portare a spasso le pokeball.

Pokémon ha battuto i record nella prima settimana di uscita, dando vita a una nuova ondata di remake, tra cui il recente Pokémon Snap. The Pokémon Company ha in programma di pubblicare altri remake in futuro, quindi i fan dovrebbero attenderli con ansia.

El logo de Pokémon.

Il logo dei Pokémon è un logo giallo e blu di grande effetto. La maggior parte di noi conosce la sua variante inglese, ma è stata tradotta in diverse altre lingue. Tutte le varianti del logo Pokémon hanno lo stesso aspetto. Solo la versione giapponese del logo è rimasta fuori dall’intera serie, poiché è diversa sia nel colore che nella forma. Nintendo detiene i diritti e i marchi di entrambi i loghi.

El logo de Pokémon en Japón.
Il logo dei Pokémon. Versione giapponese

Satoshi Tajiri ha lanciato il progetto Pokémon nel 1995. Nonostante ciò, è riuscito a diventare popolare in un periodo di tempo piuttosto breve, grazie all’originale rappresentazione dell’universo narrativo rivolta principalmente ai bambini. Considerando il pubblico di riferimento, ci sono alcuni aspetti di identificazione visiva. In effetti, i fan più giovani prestano attenzione alle immagini visive uniche e ai colori vivaci, che fanno risaltare il logo in modo accattivante.

Elementi di design del logo Pokémon

Logo de Pokémon con eslogan.

Simbolo Pokémon: l’emblema Pokémon è tecnicamente un’iscrizione, ma in realtà le lettere dall’aspetto buffo sono una caratteristica molto più riconoscibile della serie. I personaggi più popolari possono variare molto a seconda di chi li ha creati, ma di solito includono Misty, Pikachu, Charizard Mewtwo, Mew, Ash, Arceus, May, Red e Brock.

Font Pokémon: la parola “Pokémon” deriva dall’etichetta originale giapponese “Pocket Monsters”. Il carattere del logo Pokémon consiste in una scritta molto energica e giocosa, pensata soprattutto per attirare i bambini. L’emblema dei Pokémon è uno dei più immediatamente riconoscibili e popolari nell’industria dei giocattoli e dei cartoni animati. È scritto in enormi lettere gialle con un contorno blu, mentre il nome del franchise si incurva come un arcobaleno.

Colori del logo Pokémon: i caratteri gialli dell’emblema Pokémon rappresentano ottimismo e gioia, mentre il blu rappresenta classe ed eccellenza.

perché il logo dei Pokémon non si è mai evoluto?

Distintas versiones del logo de Pokémon.
Diverse versioni del logo Pokémon. A sinistra le versioni giapponesi, a destra quelle europee

Il franchise mediatico dei Pokémon esiste da 25 anni. Il franchise è iniziato con la versione blu di Pokémon e la versione rossa di Pokémon per Game Boy. La serie di giochi coinvolge allenatori umani che cercano di catturare creature note come Pokémon e di insegnare loro a combattere tra loro.

L’idea di base, ma coinvolgente, si è presto trasformata in un ampio franchise transmediale che continua ancora oggi. Il franchise ha generato una famosa serie di anime, fumetti, giocattoli, film d’animazione e molto altro ancora.

Il franchise dei Pokémon ha anche una versione cinematografica live-action, nota come Pokémon: Detective Pikachu, in cui Ryan Ronald di Deadpool dà la voce al personaggio principale. Se il film diventerà un successo, sono già in cantiere spinoff e sequel.

La divisione giochi del franchise Pokémon continua a prosperare, con i giochi per Nintendo Switch Pokémon: Let’s Go, Eevee! e Pokémon: Let’s Go, Pikachu che sono diventati rapidamente alcuni dei titoli Pokémon più venduti. Se siete fan di lunga data dei Pokémon, avrete notato che il logo colorato del marchio non è mai stato cambiato o rinnovato, a parte qualche modifica superficiale.

Mentre altre serie di videogiochi di successo, come Call of Duty o Resident Evil, hanno cambiato i loro emblemi riconoscibili per segnare un cambiamento di direzione o di tono, l’emblema dei Pokémon è rimasto sostanzialmente invariato, anche 25 anni dopo l’inizio del franchise. I fan si sono talmente abituati a questo logo da prenderlo in giro, quindi perché non è mai stato cambiato?

La risposta sembra risiedere nell’approccio di Game Freak allo sviluppo della serie Pokémon. Anche se alcuni elementi sono stati migliorati o resi più complessi, il gameplay e gli elementi fondamentali rimangono gli stessi. Secondo il regista e produttore Junichi Masuda, Pokémon è come il basket o il calcio, dove i fan guardano l’azione aspettandosi ogni volta una formula specifica.

Per questo motivo non c’è mai stato un cambiamento radicale nel gameplay e, a quanto pare, l’emblema dei Pokémon è rimasto sostanzialmente lo stesso. L’emblema evoca anche una certa nostalgia e un certo calore nei tifosi di oggi che, pur scherzandoci su, probabilmente non sarebbero molto contenti se l’iconico font venisse rinnovato.

Il franchise subirà un giorno un drastico cambiamento di direzione e di stile, quindi nel frattempo i fan del franchise dovrebbero apprezzare il fatto che il franchise rimanga fedele alla sua tradizione.

Pokémon en la cultura popular.

Il logo Pokémon e il franchise Pokémon sono associati a molti media diversi. In generale, i personaggi dei Pokémon sono già diventati icone della cultura pop. I film e i giornali ne parlano sempre, fanno parte dei parchi giochi, appaiono sulle copertine delle riviste, ecc.

Secondo gli psicologi, i Pokémon sono un’icona della cultura pop perché il videogioco crea un forte universo narrativo e permette ai fan di affermare la propria personalità. I bambini scelgono un personaggio che assomiglia molto alla loro personalità e affermano così i loro gusti, differenziandosi dai loro coetanei.

Se volete scaricare il logo dei Pokémon o i loghi dei Pokémon che compaiono in tutto l’articolo, basta fare clic con il tasto destro del mouse e cliccare su “Salva immagine con nome” per salvare i loghi in formato PNG

Date un’occhiata ai nostri articoli sui loghi, in cui vi forniamo uno sguardo approfondito alla storia e alle caratteristiche dei loghi dei marchi più importanti e riconoscibili del mondo

Autore

Laureato in Psicologia e appassionato di chitarra flamenca e giochi da tavolo, il mio percorso professionale mi ha portato a comprendere il profondo legame tra comportamento umano e marketing. Nel corso degli anni, ho affinato la mia capacità di analizzare e interpretare le tendenze del mercato e le risposte dei consumatori. Su The Color Blog, unisco le mie conoscenze psicologiche alla mia passione per la scrittura, offrendo prospettive uniche sul marketing, la storia e le interazioni umane che caratterizzano la nostra era digitale.View Author posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *