Vai al contenuto

Il logo Chanel e la storia del marchio

El logo de la marca Chanel.

conoscete la storia del logo Chanel? In questo articolo parleremo del logo del famoso marchio di moda e daremo un breve sguardo alla sua storia

Igrandi marchi sono spesso astuti quando si tratta di mistero, creatività e ingegno. Ma quanti stilisti, anche se disegnano e cuciono abiti, creano i propri loghi? E non un logo qualsiasi, ma uno che resiste alla prova del tempo anche dopo più di un secolo di vita.

Il noto logo Chanel, che guida il castello della moda più influente al mondo, è intriso di misteri di storie d’amore, progetti architettonici, amicizia e omaggi. Grazie a Gabrielle Chanel, che ha fatto fiorire il suo talento artistico sia nell’industria grafica che in quella della moda.

a chi appartiene Chanel? Gabrielle Chanel è stata la fondatrice e proprietaria di Chanel e l’ideatrice del suo iconico emblema. L’ambasciatore dell’azienda è un alfabeto nero a doppia C che il creatore ha specchiato e intrecciato in modo che sia rivolto in direzioni opposte, orizzontalmente.

Ilmarchio Chanel vale 13,7 miliardi di dollari. Non si può parlare dell’influenza positiva del gigante della moda nel mondo senza fare riferimento al suo potente e riconoscibilissimo logo. Dal 1925 è al centro dei successi del marchio.

L’azienda ha adottato misure coraggiose per rappresentare il marchio su siti web, social media, televisione, cartelloni pubblicitari, gioielli, profumi, magliette, ecc. e creare una pubblicità massiccia per il marchio.

Coco Chanel, la fundadora de la icónica marca.
Gabrielle Chanel, nota come “Coco Chanel”

“La moda non è qualcosa che esiste solo nei vestiti. La moda è nel cielo, nella strada, la moda ha a che fare con le idee, con il modo di vivere, con ciò che accade…”

La citazione sopra riportata è di Gabrielle Chanel, la fondatrice del suo marchio omonimo, Chanel. In questo giorno, il 19 agosto 1883, nasce a Saumur, in Francia, Gabrielle Bonheur Chanel.

I suoi genitori erano il signor Albert Chanel e la signora Eugenie Jeanne Chanel. Suo padre lavorava come venditore ambulante di vestiti, mentre sua madre era una lavandaia.

Dopo la morte della madre, il padre, non potendo occuparsi di cinque figli, la manda a vivere in un orfanotrofio, il convento di Aubazine. All’epoca aveva 12 anni. Durante la permanenza nell’orfanotrofio, le suore che si occupavano di lei le insegnarono a cucire. Questa abilità le avrebbe portato in seguito fortuna e fama.

Dopo sei anni di permanenza nell’orfanotrofio, è stata affidata a una casa famiglia per ragazze cattoliche a Moulins. Da giovane ha lavorato per un breve periodo come cantante in un caffè-concerto a Moulins e nella città termale di Vichy. Il nome “Coco” deriva dalla sua breve carriera musicale. Poiché la musica non ha funzionato, ha cercato altre passioni che le permettessero di guadagnarsi da vivere.

La primera tienda de Chanel.

Chanel è un impero della moda francese. È specializzata in beni di lusso, accessori e abbigliamento prêt-à-porter per donna. La sua missione è quella di disegnare e cucire capi di abbigliamento comodi e sportivi per le donne che amano uno stile di vita attivo.

Come cantante a Moulins, Gabrielle Chanel ha conosciuto molte persone facoltose e si è avvicinata ad alcune di esse. Gli intimi più importanti erano Etienne Balsan e il capitano Arthur Edward Capel.

All’età di 23 anni, divenne l’amante di Etienne Balsan, un erede del settore tessile ed ex ufficiale del Calvario. Per tre anni, Etienne Balsan le ha fatto conoscere una vita agiata. In seguito, inizia a frequentare un amico di Balsan, il capitano Arthur Capel, un ricco aristocratico inglese.

Con Etienne Balsan, apre un negozio di cappelli al piano terra dell’appartamento di Balsan. Nel 1909, al numero 160 di Boulevard Malesherbes. Poiché all’appartamento era annesso un frequentatissimo salone, egli incontrava e vendeva i suoi cappelli alle amanti dell’élite francese della caccia e dello sport. Qui fece amicizia con il capitano Arthur Capel.

Nel 1910 si qualifica come modista e, con il finanziamento del capitano Arthur Capel, apre il suo primo negozio indipendente di modisteria, chiamato Chanel Modes, al numero 21 di rue Cambon a Parigi. Qui produceva e vendeva solo cappelli, dato che nella zona c’era già un negozio di abbigliamento.

Nel 1912, l’attrice teatrale Gabrielle Dorziate indossò il suo cappello per recitare in uno spettacolo intitolato “Bel Ami”. Grazie a questa pubblicità, la celebrità ha portato alla ribalta un cappello alla moda sconosciuto. Nel 1913 aprì dei negozi di abbigliamento a Deauville e Biarritz per vendere abbigliamento sportivo femminile.

La carenza di materiali ha colpito l’industria della moda europea. Questo avveniva durante la Prima Guerra Mondiale. Nel 1915 aprì un grande negozio di abbigliamento al 31 di rue Cambon, vicino all’Hotel Ritz di Parigi.

Qui vendeva prodotti di modisteria e prêt-à-porter. Ha sviluppato un design con tessuti in jersey e tricot. Alcuni dei prodotti venduti qui erano giacche, cappelli, maglioni lunghi e gonne dalle linee dritte. Alla fine del 1915, il suo design e i suoi abiti divennero famosi in tutta la Francia.

Nel 1920 crea il “tailleur Chanel”, un modello composto da due o tre capi. Divenne l’abito da pomeriggio e da sera preferito dalle donne di classe. L’obiettivo del design è che le donne mantengano il loro aspetto femminile e si sentano allo stesso tempo a proprio agio.

Nel 1921 ha aggiunto alle sue collezioni i prodotti di moda. Su sua richiesta, il profumiere Ernest Beaux ha creato un profumo personalizzato per il suo marchio, Chanel N. 5. E nel 1922 iniziò a commercializzarlo. Con la popolarità di Chanel No.5, Gabrielle ha puntato sul mercato americano.

Si è associata a Theophile Bader (uomo d’affari) e Pierre Wertheimer (venture capitalist) per sfruttare la loro visione imprenditoriale e il loro capitale. Con questi tre magnati dell’economia, il marchio decollò come previsto, ma il rapporto tra Gabrielle Chanel e Pierre vacillò. È stato a causa della bassa percentuale che le è stata offerta, una quota del 10%.

Nel corso della sua carriera, ha fatto del suo meglio per portare il marchio Chanel ai vertici e ha gestito bene l’azienda. Morì il 10 gennaio 1971 all’età di 87 anni.

Oggi Alain Wertheimer e Gerard Wertheimer sono i proprietari di Chanel. Entrambi sono nipoti di Pierre Wertheimer, venture capitalist ed ex partner di Chanel.

Secondo Statista, il marchio Chanel è valutato circa 13,7 miliardi di dollari nel 2020. Serve circa 310 sedi in tutto il mondo, con circa 200.000 dipendenti (2018). Con un fatturato mondiale di 12,3 miliardi di dollari e un utile netto di circa 3,49 miliardi di dollari, Chanel ha come mercati principali gli Stati Uniti, la Cina e la Francia per i suoi vari prodotti di bellezza.

I prodotti più popolari di Chanel sono il tubino nero, il profumo Chanel No.5 e il tailleur Chanel. Tutti questi sono prodotti progettati e testimoniati da Gabrielle prima della sua scomparsa. Oggi Chanel vende orologi, abbigliamento, borse, profumi e prodotti per la cura della pelle personalizzati. Tra gli altri prodotti figurano il make-up, gli occhiali, l’alta gioielleria e la bigiotteria.

El logo de Chanel, la marca de moda y lujo.
Logo Chanel

Quasi tutti gli esperti di grafica sostengono che i marchi aggiornano o rinfrescano i loro loghi di tanto in tanto per riflettere le tendenze moderne, soprattutto quelli che esistono da più di vent’anni. Ma nella vita, come negli affari, ci sono eccezioni alle regole e alle tradizioni.

E il logo Chanel, che esiste da quasi cento anni, è un’eccezione. Tuttavia, prima di vedere il logo originale dell’imperatrice della moda, analizziamo quattro situazioni che potrebbero averla ispirata a disegnare l’emblema più iconico del mondo della moda.

Il suo legame con il monastero:
Gabrielle Chanel, figlia di una famiglia povera, trascorse la sua infanzia in un monastero. Nel santuario, si è ispirata alle immagini geometriche stampate su una vetrata. Secondo French Marque, ha progettato il marchio per rendere omaggio al luogo sacro di Aubazine (Francia).

I suoi legami sentimentali:
“La sua morte è stata uno shock per me. Perdendo Capel, ho perso tutto. Quella che seguì non fu una vita felice, devo dire”. Queste le parole di Gabrielle Chanel allo scrittore Paul Morand dopo la morte del suo amante.

Gabrielle Chanel e Arthur Capel, un aristocratico inglese, sono stati legati sentimentalmente per circa nove anni prima del tragico incidente stradale. Morì nel 1919, sei anni prima della nascita del logo Chanel. Alcuni ritengono che questo possa essere l’ispirazione per l’emblema più famoso della moda.

Non c’è da stupirsi, visto che entrambi i partner hanno nomi che iniziano con la lettera C. Per onorare il suo amante e socio in affari, ha unito le due lettere maiuscole per formare quello che il mondo riconosce come uno dei marchi iconici di tutti i tempi.

I suoi legami di amicizia:
Un’altra fonte di aspirazione è lo Chateau Cremate di Nizza, in Francia. Gabrielle Chanel andava a trovare la sua amica Irene Bretz al castello. Secondo la leggenda, la donna concesse a Gabrielle il permesso di utilizzare la forma intrecciata, un simbolo decorato sulle finestre e sulle porte del castello.

I suoi legami reali:
La Regina del Serpente, Caterina de’ Medici, e sua suocera, la Regina Claudia di Francia, usavano un simbolo simile quando erano in vita. Gabrielle Chanel probabilmente vide l’icona reale, se ne innamorò e la rese popolare.

Il logo originale di Chanel

Nel 1925, la stilista Gabrielle Chanel ha creato l’iconico logo dell’azienda. È l’unione di due lettere C opposte. Lo stilista futurista ha rispecchiato e intrecciato i caratteri tipografici per formare un marchio sorprendente, elegante e riconoscibile che ha cambiato le carte in tavola nel settore della moda

Perché il logo Chanel ha funzionato

Non sarebbe sbagliato dire che le umili origini di Gabrielle Chanel hanno influenzato tutto ciò che ha toccato. Ha cercato la semplicità e la praticità in tutti i suoi progetti: logo, abiti, borse e profumi.

Ha trasformato il mondo della moda femminile con il suo gusto per la semplicità, l’innovazione, la praticità e il fascino, ma con un design sofisticato, di qualità, moderno e senza tempo. Quale donna non vorrebbe essere associata a queste vibrazioni positive?

Da oltre cento anni, l’iconico logo Chanel non si discosta dai principi fondamentali dell’azienda. È una firma semplice ma potente che trasmette un senso di regalità, qualità, atemporalità e raffinatezza. Questi sono i valori a cui le moderne donne in carriera vogliono essere associate.

La firma del logo su profumi, borse, abbigliamento e gioielli ispira la fiducia delle donne, facendole sentire estremamente importanti e sexy. Se chiedete alle donne che indossano prodotti Chanel, vi diranno che li fanno sentire indipendenti, di successo e magnifici.

È provato che i loghi più efficaci e accattivanti sono semplici. Hanno meno elementi di design e usano lo spazio negativo per dare chiarezza alla personalità dei loro marchi. L’emblema di Chanel segue la stessa tendenza. Ha un logo basato su un monogramma e un’icona. Entrambi gli elementi possono esistere da soli ed essere comunque riconoscibili.

La forma e il simbolo Chanel

La C intrecciata di Chanel:
Le due lettere C intrecciate, pur avendo molti altri significati nascosti, possono anche rappresentare il rapporto indissolubile tra l’azienda e i suoi clienti. In altre parole, una volta che un cliente acquista uno dei prodotti dell’azienda, diventa parte integrante del marchio Chanel e gode di un rapporto cordiale e duraturo con l’azienda.

La forma ovale di Chanel:
Anche in questo caso, la forma ovale è dovuta all’intreccio di due caratteri tipografici opposti. Uno sguardo critico a quella specifica regione rivela un’immagine sottile che assomiglia a un occhio. Come occhio, rappresenta la visione del marchio e come forma ovale rappresenta l’eternità.

Il cerchio di Chanel:

Logo de Chanel dentro de un círculo.
Logo Chanel all’interno di un cerchio

A volte, il famoso simbolo intrecciato si trova su uno sfondo circolare neutro. Il cerchio esprime libertà di movimento e rappresenta unità, integrità e perfezione. Si tratta di valori positivi che il logo iconico può vantare con sicurezza.

Una sedia a forbice:
Con un occhio creativo, l’emblema intrecciato appare come una sedia a forbice astratta, simbolo di regalità, soprattutto in Africa. Non sorprende quindi che il marchio più riconosciuto nel mondo della moda sia associato a membri della famiglia reale come la regina Claudia e sua nuora, Caterina de’ Medici

I colori di Chanel

Logo de Chanel con fondo negro.

Il colore nero:
Il logo Chanel ha il nero come uno dei suoi colori. È un colore neutro che rappresenta mistero, autorità, eleganza e formalità. È un colore formato dalla totale assenza di luce.

Bianco:
Il bianco è il secondo colore neutro che accompagna sempre il logo Chanel: è simbolo di purezza, semplicità, umiltà e perfezione. Sono attributi positivi che il marchio Chanel può vantare.

qual è il carattere tipografico utilizzato nel logo Chanel?

Tipografía del logo de Chanel.

Il logo Chanel ha un carattere tipografico personalizzato e leggibile chiamato Chanel. Chanel lo ha creato con la propria calligrafia e lo ha protetto da copyright. Si tratta di un carattere pulito, leggibile, versatile e scalabile, segno di un design di logo efficace.

Se si desidera scaricare uno dei loghi presentati in questo articolo, è sufficiente fare clic con il tasto destro del mouse sull’immagine che si desidera salvare e selezionare “Salva immagine con nome”

nv-author-image

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.