Vai al contenuto

Le 7 Divinità Fortunate in Giappone

Los siete dioses de la suerte son muy venerados en Japón.

Le Sette Divinità Fortunate del Giappone sono un gruppo di divinità che, insieme, portano molta prosperità, salute, lunga vita e buona fortuna a chi le riconosce.

I Sette Dei fortunati del Giappone sono estremamente propizi.

In origine erano visti separatamente. Nel corso del XV secolo, le sette divinità cominciarono a comparire come gruppo.

I Sette Dei Fortunati sono composti da sei divinità e una dea.

In ordine alfabetico, i Sette Dei fortunati sono

Benten – dea e patrona delle arti dello spettacolo, della musica, dei pittori, degli scrittori, delle geishe, delle sculture, della bellezza e della conoscenza

Bishamon – dio protettore di missionari, sacerdoti, soldati e medici

Daikoku – dio protettore degli affari, dei finanzieri, del commercio e degli agricoltori

Ebisu – dio protettore del commercio equo, dei pescatori, dei marinai, della ricchezza, della sincerità e della fortuna

Fukurokuju – dio protettore di maghi, orologiai, gioiellieri, atleti e giocatori di scacchi

Hotei – dio protettore dei cuochi, dei bambini, della comprensione, della salute e della prosperità

Jurojin – dio protettore di politici, insegnanti, filosofi, matematici, scienziati, inventori, giudici, indovini e camerieri

Benten

Benten es la única diosa dentro del grupo de los dioses de la suerte.

Benten è l’unica dea tra i Sette Dei Fortunati. È ovviamente facile riconoscerla, perché è l’unica donna del gruppo. È conosciuta anche come Benzaiten.

Spesso la si vede portare con sé uno strumento musicale chiamato biwa.

È originaria dell’India. In India era conosciuta come l’angelo Sarasvati. Il suo nome significa “acqua che scorre”.

Era associata a tutte le virtù del movimento e del progresso. Potrebbe essere la parola, la musica, le arti dello spettacolo, la conoscenza, ecc.

In India era considerata una dea della fortuna.

La dea Sarasvati fu conosciuta in Giappone già nel VI secolo. Si chiamava Benten o Benzaiten.

In Giappone, molti dei suoi fedeli seguaci erano musicisti, così divenne la protettrice della musica, tra le altre virtù.

Benten era conosciuta come una dea gelosa. I musicisti che suonavano nelle corti reali erano soliti credere che se si fossero sposati Benten avrebbe tolto loro il talento e non sarebbero più stati in grado di suonare il biwa a corte con successo.

Benten è talvolta raffigurato con serpenti bianchi. Questi serpenti sono i suoi messaggeri.

Bishamon

Bishamon es uno de los siete dioses de la suerte, también venerado en la India bajo otro nombre distinto.

Bishamon è arrivato in Giappone dall’India, proprio come Benten. Bishamon era chiamato Vaisravana in India.

Era il dio della fortuna, dei tesori e della felicità. In altre parole, un dio molto propizio.

I giapponesi lo vedevano in modo leggermente diverso. Lo hanno fatto diventare un guardiano della fede buddista.

Lo chiamavano Bishamon. Il suo nome formale è Bishamonten. È il guardiano del Buddha.

È alto e barbuto. Si vede che indossa un’armatura e un elmo. Di solito porta un’alabarda in una mano.

Nell’altra mano porta la torre del tesoro della ricchezza. I tesori che offre non sono materialistici. Sono i tesori dell’onore, del rispetto, della fede e della felicità.

Bishamon era il protettore contro ogni male.

Anche la malattia è considerata un male contro il quale egli protegge. Per questo motivo è il preferito di molti operatori sanitari.

Bishamon combatte contro ogni male. Difenderà il bene, ma non attaccherà mai.

Daikoku

Daikoku es uno de los siete dioses de la suerte venerados en Japón.

L’origine di Daikoku non è condivisa. Alcuni sostengono che sia originario dell’India. Altri sostengono che fosse uno dei sovrani preistorici del Giappone.

Daikoku è spesso visto in stretta associazione con Ebisu. Molti proprietari di negozi possono preferire sia Daikoku che Ebisu.

Daikoku appare con in mano un magico maglio d’oro della ricchezza. È basso e ha la barba a punta. Spesso viene mostrato con un grande sorriso sul volto.

Il suo cappello piatto è speciale. Si tratta di un tipo di berretto chiamato Daikoku-Zukin.

Si vede Daikoku con un sacco in mano. Questo sacco è pieno di tesori e oggetti di valore. Daikoku è un dio della ricchezza che porta fortuna.

Daikoku è particolarmente popolare tra gli uomini d’affari e gli agricoltori.

Molti agricoltori si riferiscono a lui come al “dio dei cinque grani”. Naturalmente, gli rendono omaggio quando il loro raccolto è terminato.

Si ritiene che il Daikoku sia anche in grado di scacciare i demoni. A questo scopo utilizzò un ramo di un albero sacro del suo giardino.

A Capodanno, molti giapponesi hanno la tradizione di appendere dei rami all’ingresso della propria casa. Questo potrebbe rappresentare il ramo sacro di Daikoku.

Ebisu

Ebisu è originario del Giappone, un’autentica divinità giapponese. È il dio della ricchezza e della fortuna. È anche il dio dei rapporti equi.

Ebisu ama la pesca. Si dice che Ebisu fosse solito recarsi al torrente, al fiume, al lago o alla riva del mare ogni volta che poteva pescare.

Per questo motivo è facile identificarlo tra le sette divinità della fortuna. Ebisu è colui che tiene in mano un pesce o una canna da pesca.

Ebisu è l’unica delle sette divinità ad avere un giorno dedicato in suo onore. Il giorno si chiama Ebisu-ko ed è il 20 ottobre.

Il giorno dell’Ebisu-ko tutti i negozi effettuano vendite speciali e sconti sui loro prodotti. Questo riflette il fatto che la correttezza è di vitale importanza per Ebisu-ko.

L’obiettivo della maggior parte dei trader è quello di acquistare un prodotto a un prezzo basso e di vendere lo stesso prodotto con un profitto.

I commercianti erano nervosi per non turbare Ebisu. Una punizione da parte del dio della ricchezza e della correttezza potrebbe essere devastante per gli affari.

Per rendere felice Ebisu, i proprietari e i commercianti organizzano una volta all’anno una vendita speciale in suo onore.

Fukurokuju

Fukurokuju è facilmente riconoscibile per la sua fronte innaturalmente lunga. È un uomo basso con la barba bianca.

È il dio della felicità (fuku), della ricchezza (roku) e della longevità (ju).

Ci sono molte teorie sulla sua origine. Alcuni ritengono che sia la reincarnazione del dio taoista Xuan Wu. Nessuno lo sa con certezza.

Si dice che il Fukurokuju possa esistere senza consumare alcun cibo. Questo lo rende uno dei sennin cinesi.

Spesso viene raffigurato con una cicogna, una tartaruga, un serpente o un cervo. Uno qualsiasi di questi quattro animali è simbolo di lunga vita.

Fukurokuju è l’unico dio delle sette divinità della fortuna che ha il potere di far rivivere i morti.

A Fukurokuju piace molto giocare a scacchi. È noto che abbia detto: “È veramente un grande uomo che può contemplare una partita a scacchi senza fare commenti”.

Hotei

Hotei è il corrispondente giapponese del Budai, il Buddha ridente cinese.

Hotei è audace e ha il pancione. È un dio felice, sempre sorridente. Hotei porta con sé una borsa piena di tesori e dona volentieri l’abbondanza a tutti coloro che lo onorano.

Era un monaco zen vissuto più di mille anni fa. Ci sono molte storie su Hotei.

Quando era un monaco, chiedeva cibo. Chiedeva pesce, carne e tutto il cibo che gli piaceva. Questo non era normalmente consentito ai monaci.

Era un oratore eccellente. Era in grado di recitare a memoria quasi tutti i passi buddisti. Era un indovino. Qualsiasi cosa abbia detto si è avverata.

Hotei non aveva una casa fissa. Vagava e dormiva all’aria aperta.

Hotei è il dio della gioia. È il dio della fortuna.

Jurojin

Jurojin è soprattutto il dio della saggezza. In passato era considerato anche il dio della longevità. Jurojin appare con una pergamena e un bastone.

C’è una disputa sul contenuto del rotolo.

Alcuni sostengono che contenga un registro di tutte le azioni, buone e cattive, di ogni persona sulla terra. Altri dicono che contiene tutta la saggezza del mondo.

Jurojin può essere visto accompagnato da un cervo. In questo caso, il cervo simboleggia la saggezza.

Molti orientali credono che più un cervo invecchia, più diventa saggio. Il cervo è un forte simbolo di saggezza e longevità.

Purtroppo, Jurojin ha anche la reputazione di essere un forte bevitore e un donnaiolo. Ama le feste con molto alcol e molte belle donne.

Essendo un dio, ha la capacità di essere perfettamente sobrio al mattino, indipendentemente da quanto abbia bevuto la sera prima.

La Takarabune (nave del tesoro)

Il nuovo anno è un momento meraviglioso ed emozionante, soprattutto per tutti coloro che hanno preso sul serio i Sette Dei fortunati.

È in questo momento che le Sette Divinità fortunate possono benedire la fortuna per l’anno successivo.

Ogni anno nuovo, le sette divinità fortunate salgono a bordo della barca chiamata Takarabune. Il Takarabune è una magica nave del tesoro.

La notte di Capodanno, i Sette Dei fortunati salpano dal cielo. I primi tre giorni del nuovo anno visitano gli esseri umani.

La nave del tesoro è magica perché contiene doni di grande valore. La borsa di Hotei, piena di tutto ciò che serve per andare avanti, è uno degli oggetti.

Il magico mazzo d’oro della ricchezza è un altro oggetto. Chiunque lo scuota si accorgerà che ne esce del denaro.

Un altro oggetto legato al denaro è il borsellino, che rimane sempre pieno di denaro, indipendentemente da quanto se ne estragga.

Il rotolo della saggezza è, ovviamente, tra i tesori della nave del tesoro.

Altri oggetti sono un cappello che rende invisibile chi lo indossa. È molto utile quando si vuole fare una buona azione senza essere scoperti. È un buon modo per ottenere un buon karma.

Si dice che le sette divinità fortunate possano distribuire un dono di fortuna e felicità a tutti coloro che si sono impegnati a vivere bene.

Oggi molti bambini giapponesi ricevono ogni anno una busta con un’immagine di Takarabune. All’interno troveranno un regalo sotto forma di denaro.

Alcuni insistono nel mettere un’immagine del Takarabune sotto il cuscino la seconda notte del nuovo anno.

Ci si aspetta che facciano un sogno meraviglioso. Si ritiene che il loro sogno si realizzerà a condizione che non lo dicano a nessuno.

Altri dicono che dormire con un’immagine dei Sette Dei fortunati nella Barca del Tesoro sotto il cuscino a Capodanno porterà fortuna.

nv-author-image

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.