Vai al contenuto

La Fenice. Simbologia e significato

Simbología y significado espiritual del ave fénix, la criatura mitológica con la capacidad de renacer de sus propias cenizas.

La fenice è un antico uccello mitico il cui simbolismo e la cui mitologia continuano a incuriosirci ancora oggi. Ispiratrice di storie e opere d’arte risalenti almeno al 1500 a.C., la fenice simboleggia la rinascita, il rinnovamento, l’immortalità, la guarigione e il fuoco eterno.

In questo articolo descriveremo brevemente il significato della fenice nelle diverse culture

Ilustración de un ave fénix, un ave mitológica que podemos encontrar en distintas culturas alrededor del mundo.

La fenice è un uccello mitologico probabilmente originario dell’antico Egitto o del Medio Oriente. Tuttavia, altre culture, come quella greca, cinese e indù, hanno storie simili su uccelli soprannaturali.

La fenice è un grande uccello con piume viola, arancioni e dorate e un petto rosso cremisi. Inoltre, viene spesso descritto come un uccello con una lunga coda e una cresta di piume argentate e blu sulla testa. Inoltre, la fenice è descritta come un uccello rapace più grande di un’aquila, ma anche simile a un pavone o a una gru.

Gli etimologi ritengono che il nome fenice abbia radici nel nome dell’antico popolo mediterraneo chiamato Fenici. La parola phoinix in greco si riferisce a un colore rosso-violaceo. I Fenici erano noti per la produzione di un’ambita tintura rosso porpora. Il nome dell’uccello può quindi essere attribuito alla descrizione delle sue piume colorate.

Esiste o è mai esistita una Fenice?

Sebbene la fenice non fosse una vera e propria specie di uccello vivente, gli storici ritengono che si sia ispirata a uccelli reali come l’aquila, il falco, la gru, il fenicottero e il pavone.

Negli Emirati Arabi Uniti, infatti, gli archeologi hanno scoperto i resti di un enorme airone alto quanto un essere umano. Si ritiene che l’uccello si sia estinto intorno al 1500 a.C.1

Secondo la leggenda, la Fenice è un uccello unico che vive per 500 anni. Quando si avvicina alla fine della sua vita, crea un nido. Il nido è fatto di piante aromatiche, come la mirra, la cassia, la salvia, l’incenso e la cannella.

La fenice batte poi il becco contro una roccia, che scatena le fiamme. Poi sbatte le ali come un mantice, dando fuoco al nido e poi a se stesso.

La magia della fenice sta nel fatto che, non appena muore tra le fiamme, rinasce nel suo nido. Così, come dice il proverbio, la fenice risorge dalle sue ceneri. Raccoglie poi le ceneri e le arrotola in un uovo avvolto nella mirra. Poi vola a Eliopoli (Egitto) e consegna l’uovo al Tempio del Sole, che onora il dio solare Ra.

Secondo la leggenda, la fenice possiede un potere tale che le sue lacrime guariscono tutto ciò che toccano e le sue ceneri possono resuscitare i morti.

Numerose culture raccontano storie di uccelli simili a fenici. Questi uccelli mitici possono avere radici comuni o completamente diverse. Tuttavia, gli storici ritengono che la fenice sia stata ispirata da una divinità aviaria egizia chiamata Bennu o dal mitico uccello persiano chiamato simurgh. Sebbene le origini della fenice rimangano per sempre un mistero, ecco alcune delle storie di questo magico uccello nelle varie culture:

La fenice nell’Antico Egitto

Nel V secolo a.C., dopo aver visitato l’Egitto, lo storico e scrittore greco Erodoto descrisse che gli egiziani gli avevano parlato di un uccello simile alla fenice:

“C’è anche un altro uccello sacro chiamato fenice, che io stesso ho visto solo in pittura, perché in effetti viene da loro molto raramente, a intervalli, come dicono gli abitanti di Eliopoli, di cinquecento anni. E questi dicono che arriva regolarmente quando muore il padre; e se è come nel dipinto è di questa grandezza e natura, cioè alcune piume sono di colore dorato e altre rosse, e nel profilo e nelle dimensioni è il più simile possibile a un’aquila.

Dicono che questo uccello (ma non posso credere alla storia) si comporti nel modo seguente
: partendo dall’Arabia, porta suo padre, dicono, al Tempio del Sole (Helios), intonacato di mirra, e lo seppellisce nel Tempio del Sole; e lo porta così: Prima forma un uovo di mirra grande quanto lui è in grado di portare, poi fa la prova di portarlo e quando ha fatto la prova a sufficienza, allora svuota l’uovo e ci mette dentro suo padre e intonaca con un’altra mirra la parte dell’uovo in cui l’ha scavato per metterci suo padre, e quando suo padre ci viene messo dentro, si scopre (dicono) che ha lo stesso peso che aveva lui. E dopo averla intonacata, trasporta tutto in Egitto, nel Tempio del Sole. Questo è ciò che dicono faccia questo uccello”

Gli storici ritengono che l’antica storia egizia della fenice sia stata ispirata dalle gru o dai grandi fenicotteri che vivevano lungo il fiume Nilo. Alcuni ipotizzano che il calore che si sprigiona dai banchi di sabbia lungo il Nilo, dove questi uccelli costieri depongono le uova, assomigli alle fiamme.

Bennu

El ave fénix parece estar inspirado en Bennu, una antigua deidad egipcia.

Secondo le leggende egizie, Bennu era una divinità creatrice. Si dice che abbia sorvolato le acque di Nun, che erano le acque del caos totale, e sia atterrato su una roccia. Una volta atterrato sulla roccia, Bennu emise un urlo primordiale che segnò l’inizio della fine del caos

Le storie dicono che Bennu aveva il potere dell’autogenerazione, o dell’autocreazione. Oltre a essere associato agli dei Ra e Atum, Bennu era anche associato al dio Osiride, che governava la morte e la rinascita. Alcuni ritengono infatti che il nome di Bennu derivi dalle parole egiziane “resurgence” e “shine”.

È quindi facile capire come Bennu possa essere l’ispirazione per la leggenda della fenice.

La Fenice nella mitologia persiana

El simurg era una ave de la mitología persa que guarda similitudes con el ave fénix.
Simurg

Nella mitologia persiana esistono due mitici uccelli simili a fenici. Il simurgh era un enorme uccello che si diceva fosse abbastanza grande da trasportare un elefante o una balena. Secondo le leggende persiane, il simurgh assomigliava al pavone, ma aveva la testa di un cane e gli artigli di un leone

Nei miti, il simurgh era così antico da possedere una saggezza universale.
Si credeva anche che purificasse la terra e l’acqua e, come un falco, era considerato un messaggero tra la terra e il cielo.

L’huma era un altro mitico uccello persiano che aveva qualità simili a quelle della fenice. Secondo le leggende persiane, l’huma non toccava mai il suolo. Inoltre, come la fenice, sono stati consumati nel fuoco e poi rigenerati. L’huma, uccello di buon auspicio, era anche chiamato uccello del paradiso. Erano considerati creature di buon auspicio che possedevano la capacità di conferire la regalità agli esseri umani.

Nella mitologia greca

Gli antichi greci si sono ispirati agli antichi egizi e viceversa. È quindi probabile che i Greci abbiano basato i loro miti sulla fenice su Bennu o su altre storie egiziane di uccelli soprannaturali. Per i Greci, la fenice simboleggiava l’immortalità e la rigenerazione. Tuttavia, l’uccello magico non era potente come gli dei stessi.

Nel VI secolo a.C., il poeta Esiodo scrisse il poema epico I precetti di Chirone. Il poema è scritto dalla voce di Chirone, un centauro che addestrò il grande guerriero Achille. Chirone descrive il potere della fenice in relazione agli altri animali e agli dei:

“Un corvo chiacchierone vive nove generazioni di vecchi, ma la vita di un cervo è quattro volte più lunga di quella di un corvo, e la vita di un corvo invecchia tre cervi, mentre la fenice sopravvive a nove corvi, ma noi Ninfe dai capelli ricchi, figlie di Zeus, detentore dell’egida, sopravviviamo a dieci fenici”.

Mitologia romana

Moneda de la antigua Roma en la que se representa ave mitológica..

La fenice abbagliò i Romani. Essi vedevano in questo uccello immortale un simbolo ideale per il regno senza fine dell’Impero Romano. In effetti, Roma era conosciuta come la Città Eterna. Pertanto, la fenice era un simbolo appropriato. I Romani mettevano persino le fenici sulle loro monete.

Un imperatore romano in particolare, di nome Elagabalo, era talmente ossessionato dalla fenice da volerne mangiare una. Secondo la leggenda, Elagabalo era convinto che mangiare una fenice gli avrebbe garantito l’immortalità.

Così mandò alcuni dei suoi servi a cercarne uno. I servi si misero alla ricerca, ma temevano l’ira del padrone se non avessero trovato il mitico uccello. Così hanno fatto del loro meglio per mettere le mani su un uccello esotico della Nuova Guinea, l’uccello del paradiso Raggiana. E diedero l’uccello in pasto al loro padrone. Purtroppo, ciò non conferì a Elagabalo l’immortalità, poiché morì pochi anni dopo

Nel cristianesimo e nell’ebraismo

Secondo alcune interpretazioni storiche, l’uccello del Giardino dell’Eden, talvolta indicato come milcham, chol o hol bird, è simile alla fenice. Secondo la storia, Eva diede da mangiare a tutti gli animali un po’ del frutto proibito, dopo averne assaggiato un po’ anche lei. Tuttavia, un animale si rifiutò di partecipare: un uccello che era appollaiato sull’Albero della Conoscenza.

Si dice che questo uccello sia vissuto per 1.000 anni. E, come la fenice, è morta nel fuoco per rinascere da un uovo che non è morto. Nella mitologia ebraica, l’uccello rappresenta Dio, che non deve mangiare e non può essere distrutto nel fuoco

Anche i primi cristiani erano incuriositi dalla storia della fenice. Sono arrivati ad associarlo alla resurrezione e all’immortalità di Cristo

La Fenice in Cina e Giappone

El Feng Huang es un ave mitológica similar al fénix que aparece en la cultura china y japonesa.
Il Feng Huang è simile all’uccello Fenice

Il paragone più vicino a un uccello simile a una fenice nella mitologia asiatica è il cinese Feng Huang o il suo equivalente, il giapponese Hou-ou. Secondo le leggende, questo mitico uccello era bellissimo e aveva la testa di un fagiano e la coda di un pavone. Tuttavia, aveva anche parti di altri animali, come il collo di un serpente e il dorso di una tartaruga.

L’uccello sacro incarna tratti sia maschili che femminili. In Cina rappresenta quindi l’equilibrio tra Yin e Yang.

In Giappone, l’Hou-ou è un simbolo di buon auspicio che appare quando nasce un sovrano virtuoso.

La Fenice nella mitologia indù

En la mitología Hindú, Garuda es un ave con características similares al ave fénix.

Nella mitologia indù, la fenice è spesso paragonata alla divinità aviaria Garuda. Come la fenice, Garuda è un uccello solare che funge da cavalcatura per il dio Vishnu e viene raffigurato con una colorazione infuocata di rosso, arancio e giallo.

Secondo la mitologia indù, Garuda divenne immortale grazie a un atto di autosacrificio. Sua madre è stata schiavizzata dai serpenti. Per liberarla, Garuda dovette intraprendere un’epica missione per catturare un vaso pieno di amrit, la pozione dell’immortalità. Garuda avrebbe usato la pozione come riscatto con i serpenti in cambio della liberazione della madre. Anche se Garuda avrebbe potuto bere lui stesso l’amrit, non lo fece. Vishnu fu così colpito dal suo altruismo che concesse comunque a Garuda l’immortalità.

La fenice è un potente archetipo di nuovo inizio, rigenerazione e guarigione. È possibile che sentiate già un forte legame con questo uccello mitico o che uno di essi sia apparso improvvisamente nella vostra vita nell’arte, nella letteratura o in qualche altro mezzo. In ogni caso, la fenice è sempre un segno di buon auspicio per la guarigione e il rinnovamento di un settore della vostra vita.

La fenice simboleggia la fiamma eterna, che può significare fede, volontà o passione nella vostra vita. Non importa quante volte ci ricaschiate, la fenice vi ricorda che avete dentro di voi il fuoco e i mezzi per guarire e tornare nuovi.

Oltre alla fenice, potreste avere altri spiriti animali che vi guidano nel cammino della vostra vita. In effetti, secondo le tradizioni dei nativi americani, si può avere più di un animale spirituale

Se sognate la fenice, siete molto fortunati. Sebbene molti di noi sognino animali, pochi sognano animali mitici.

I significati e le interpretazioni dei sogni sono personali per ogni individuo. Tuttavia, una cosa che abbiamo tutti in comune è che le nostre emozioni inconsce non ci mentono. L’analisi delle emozioni provate nel sogno può fornire indizi su ciò che il sogno ci sta dicendo.

Sebbene i sogni sugli animali possano essere interpretati in molti modi, la fenice, in quanto animale mitico, ha un significato molto specifico. In generale, si può vedere il sogno di una fenice come un’opportunità di trasformazione, rinnovamento e continuità.

Il tatuaggio della fenice è un simbolo meraviglioso che mostra al mondo che siete risorti dalle ceneri in qualche modo per rinnovarvi di nuovo. Dimostra che, a prescindere da ciò che si è vissuto nella propria vita, si è sopravvissuti. In realtà, queste esperienze vi hanno portato a una versione più illuminata di voi stessi.

Un tatuaggio della fenice può anche simboleggiare che avete dentro di voi un fuoco che non si spegnerà mai. Il fuoco eterno può essere legato alla vostra fede, all’amore per un’altra persona o anche a un rinnovato amore e rispetto per voi stessi. Può anche simboleggiare la dedizione a una causa, a un mestiere o a un’altra impresa. Ogni tatuaggio ha una storia personale alle spalle. Ma si spera che la comprensione della mitologia e del simbolismo della fenice possa portare significati ancora più profondi al vostro tatuaggio.

nv-author-image

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.