Vai al contenuto

Il mito di Medusa

Medusa es un personaje fascinante perteneciente a la mitología griega.

Medusa è senza dubbio un personaggio molto interessante della mitologia greca. Molti conoscono il suo aspetto e la sua testa piena di serpenti, ma pochi sanno la storia che c’è dietro e come sia diventata questo mostro capace di paralizzare con lo sguardo

In questo articolo vi parleremo in dettaglio del mito di Medusa, in modo che possiate conoscerla a fondo. Probabilmente conoscete Medusa per via del marchio Versace, perché vi piace la mitologia o semplicemente non sapete nulla di questo personaggio, ma siamo sicuri che rimarrete affascinati dalla sua storia

La cabeza de Medusa representa a Medusa, la criatura de la mitología griega. Pintada por Caravaggio.
Medusa disegnata da Caravaggio

Medusa era figlia di Forco e Ceto (anche se alcune fonti sostengono che Gorgone sia suo padre). Nacque su un’isola chiamata Sarpedon – che si ritiene essere da qualche parte nell’area generale di Cistene – ed è nota per essere stata una delle sorelle Gorgoni. Tuttavia, a differenza delle altre sorelle(Sthenno ed Euryale), Medusa era mortale e quindi vulnerabile ai pericoli del mondo umano. La storia della trasformazione di Medusa e delle sue sorelle nelle temibili Gorgoni è tragica e rivelatrice.

Tuttavia, il suo tempo come bella fanciulla non sarebbe durato per sempre. Col tempo si venne a sapere che Medusa era stata trasformata in una bestia temuta da tutti perché ritenuta responsabile della profanazione del tempio di Atena. Poiché si era lasciata profanare nel tempio di Atena, quest’ultima la trasformò nella più orrenda delle Gorgoni e rese le sue fattezze così terribili da vedere che avrebbe potuto trasformare istantaneamente un uomo in pietra se l’avesse guardata direttamente.

Sebbene Medusa sia conosciuta come uno dei mostri più famosi della mitologia greca, si sa relativamente poco della sua esistenza prima che fosse decapitata da Perseo. La maggior parte di ciò che sappiamo su Medusa deriva dalla sua breve permanenza nel tempio di Atena e dal modo in cui la sua testa è stata utilizzata dopo la sua decapitazione da parte di Perseo. Sebbene la sua vita in sé non sia stata riportata nei documenti dell’antichità, le molte cose che sono emerse dalla sua morte hanno avuto un impatto sulla mitologia antica in innumerevoli modi.

Medusa con serpientes en la cabeza en la mitología griega.

Per comprendere la trasformazione di Medusa, è importante prima capire da dove viene. La sua storia è molto importante per il contesto in cui si è inserita e per l’impatto che ha avuto sulla storia.

Famiglia

La famiglia di Medusa è nota per i suoi tratti feroci e il suo potere impressionante. Suo padre, Phorcys, era noto per essere un dio marino primordiale che aveva una coda di pesce, avambracci da granchio e una pelle rossa e appuntita. Anche sua madre, Ceto, era una dea marina primordiale. Insieme, sono note per aver dato vita ad alcune delle creature più temibili della mitologia greca.

Tra i figli di Ceto e Forcys ci sono Echidna (la madre di tutti i mostri), le Gorgoni, le Graie (“le streghe grigie”, tre sorelle note per aver condiviso un occhio tra loro) e Ladone (un drago che custodiva le mele d’oro nel Giardino delle Esperidi).

Medusa era una delle sorelle Gorgoni, anche se, a differenza di Euryale e Stheno, era mortale. Esistono diversi resoconti su come Euryale e Stheno siano diventate le temute Gorgoni che vediamo nella letteratura, anche se molte fonti sostengono che le due sorelle siano state trasformate in mostri per il “crimine” percepito di essere rimaste al fianco di Medusa piuttosto che attenersi alla decisione di Atena di punirla per essere stata violentata nel suo tempio

Fu dopo che le sorelle Gorgoni furono ingiustamente punite da Atena che iniziò la loro orribile trasformazione. La loro rabbia per essere stati puniti ingiustamente li ha portati a rivoltarsi contro i mortali del mondo, a prescindere da tutto. Tutti loro avrebbero ucciso molti uomini, anche se Stheno sarebbe stato il più vendicativo dei tre.

Il periodo di Medusa come sacerdotessa di Atena

Sebbene Medusa fosse nota per essere una giovane donna desiderabile, decise di impegnarsi con Atena, la dea che considerava la più potente di tutte le dee che risiedevano sull’Olimpo. La sua simpatia per Athena fu ricambiata per un certo periodo. Per Medusa era un grande complimento giurare fedeltà ad Atena per la sua grande bellezza, soprattutto perché uno dei requisiti per essere sacerdotessa del tempio era quello di rimanere vergine. Tuttavia, Medusa non avrebbe servito a lungo come sacerdotessa.

Poco dopo essere diventata sacerdotessa di Atena, Medusa attirò l’attenzione di Poseidone. Questo in parte per la sua grande bellezza e in parte perché serviva la sua rivale, Atena. Ciò rappresentava un’opportunità unica per Poseidone: poteva perseguire Medusa come interesse amoroso e affermare la sua superiorità come divinità più potente.

Ci sono diverse varianti di ciò che è successo dopo. Alcune versioni sostengono che Medusa sia stata influenzata dalle avances di Poseidone e abbia anche sviluppato dei sentimenti per lui. Altri sostengono che rimase salda nella sua devozione ad Atena. Indipendentemente dalla versione raccontata, Medusa decide di non lasciare il tempio di Atena a causa della sua devozione. È allora che Poseidone decide di attaccare Medusa nel tempio di Atena. Medusa rimane incinta ed è arrabbiata e confusa.

Medusa si rivolge ad Atena

Dopo essere stata violentata da Poseidone, Medusa è devastata. Non sa cosa fare: aveva progettato di dedicare il resto della sua vita ad Atena. Si rivolge alla sua dea e chiede aiuto per andare avanti.

Ci sono molte cose da risolvere in questa situazione. Il primo è che Medusa non è più vergine, anche se è stata deflorata contro la sua volontà. La seconda è che, avendo perso la verginità con Poseidone (ed essendo ora incinta di lui), è tecnicamente sua moglie secondo le leggi dell’epoca. Si appella ad Atena e chiede alla dea saggezza e consigli su come andare avanti.

Atena risponde con rabbia

Atena è infuriata per la profanazione del suo tempio, soprattutto perché è stato profanato dal suo rivale, Poseidone. Non ha alcuna simpatia per Medusa. Infatti, attribuisce tutta la colpa dell’incidente a Medusa e decide di punirla trasformandola in un mostro indesiderabile.

L’ordine degli eventi che seguono presenta diverse variazioni, ma la conclusione è sempre la stessa. Medusa si trasforma in una terribile bestia con mani e ali di bronzo. In alcune varianti, il suo volto viene sfigurato con barba e zanne (altre versioni non menzionano questa deturpazione) e, infine, i suoi capelli si trasformano in un nido di serpenti velenosi.

Anche le sue sorelle (Stheno ed Euryale) si trasformano. Il motivo varia. Molte versioni sostengono che le sorelle siano state trasformate perché difendono Medusa e minano la volontà di Atena. Sfigurati allo stesso modo, tornano sull’isola di Sarpedon. Da questo momento in poi, le sorelle sono conosciute come mostri spietati che si vendicano di qualsiasi uomo che metta piede sulla loro isola.

Medusa come mostro

Il carattere di Medusa cambia notevolmente dopo che Atena la punisce ingiustamente. Ha difficoltà a riconciliarsi con la sua nuova identità, ma alla fine arriva ad accettare il suo ruolo e inizia a vendicarsi degli uomini, poiché questo è uno dei soli modi in cui può cercare di vendicarsi di Poseidone. Tuttavia, è anche una reclusa e non lascia spesso la sua isola.

Ora che è stata trasformata, sono molti gli uomini che arrivano sull’isola, non più come pretendenti, ma come cacciatori che cercano di decapitarla. Con il passare degli anni, la donna diventa sempre più spietata e vendicativa.

Perseo viene reclutato per dare la caccia a Medusa

Perseo sosteniendo la cabeza de medusa.

Molti uomini cercano – e falliscono – di dare la caccia a Medusa, finché Perseo viene reclutato per restituire la sua testa al re Polidectes. Il re desidera sposare la madre di Perseo, ma Perseo non lo permette. Come stratagemma, Polidectes dice a Perseo di portargli la testa di Medusa (che è essenzialmente una missione suicida). Perseo accetta e si rivolge agli dei per chiedere aiuto nel suo viaggio.

Gli dei gli offrono dei doni per aiutarlo nel suo viaggio. Usa questi doni per aiutare a conquistare Medusa. Da Atena riceve uno scudo a specchio. Da Hermes riceve sandali alati. Da Efesto (il dio dei fabbri e dei lavoratori del metallo) riceve una spada. Infine, da Ade riceve un elmo dell’invisibilità. Con questi doni viaggia e raccoglie informazioni vitali per la sua ricerca

Si intrufola quindi sull’isola di Safarosa e decapita Medusa nel sonno, usando lo scudo a specchio di Atena per guidare i suoi movimenti in modo da non dover guardare direttamente Medusa. Tenta di lasciare l’isola di nascosto, ma il corpo di Medusa viene scoperto dalle sorelle prima che lei possa andarsene.

Cercano sull’isola l’assassino di Medusa, ma non trovano Perseo a causa dei doni offerti dagli dei. Riesce a fuggire senza essere visto grazie al suo elmo dell’invisibilità. Le sorelle sono infuriate, ma non possono fare altro che piangere. Le grida di Euryale riecheggiano in tutta l’isola, un atto per il quale diventa famosa nella mitologia.

Medusa nella morte

Sebbene la storia di Medusa abbia una certa rilevanza e un certo simbolismo prima della sua tragica fine, probabilmente l’influenza più grande è la sua morte. Con la sua morte, porta al mondo importanti contributi alla mitologia e alla medicina, fornendo al contempo al pubblico una nuova forma di protezione.

I figli di Medusa vengono alla luce

Non appena Perseo taglia la testa di Medusa, nascono i suoi due figli. Le volano fuori dal collo, completamente cresciute.

Il primo ad emergere è Pegaso, una delle creature più famose di tutta la mitologia. Pegasus era uno stallone alato bianco e puro con una natura potente. Si dice che alla sua nascita, dopo la decapitazione di Medusa, salì al cielo, dove fu accolto da Zeus

Fu allora che Pegaso fu incaricato di portare il fulmine e il tuono per conto degli Olimpi. Un altro dei poteri di Pegaso è che è noto per essere stato in grado di far scaturire dalla terra sorgenti e fontane magiche e ispirate ogni volta che colpiva il terreno con gli zoccoli. Questo potere è probabilmente dovuto alla discendenza di Pegaso (che è figlio di Poseidone).

Il secondo a emergere dal collo di Medusa è Chrysaor. Si dice che sia nato con una spada d’oro in mano e che abbia sposato Calirrhoe e generato Geryon. Si sa che ha governato anche come re dell’Iberia.

L’aldilà si fa strada

Mentre Perseo viaggiava attraverso la terra, cominciarono a verificarsi cambiamenti significativi, mentre le gocce di sangue dalla testa di Medusa cominciavano a cadere. Mentre vola sulla Libia, ogni goccia di sangue che cade a terra si trasforma in una vipera velenosa. Per questo motivo, la Libia è ancora oggi piena di vipere velenose.

Al sangue di Medusa si attribuisce anche la creazione dell’Anfisbaena, una temibile creatura che assomigliava a un drago e aveva una testa di serpente all’estremità della coda.

Infine – ma forse la cosa più interessante – si ritiene che il sangue della famosa Gorgone sia stato il motivo per cui si sono formati i coralli del Mar Rosso. Molti autori sostengono che i coralli si siano formati quando gocce di sangue si sono riversate sulle alghe delle acque sottostanti.

La testa di Medusa alla sconfitta di Atlante

Perseo en la derrota de Atlas con la cabeza de Medusa.

Secondo la leggenda, dopo aver decapitato Medusa, Perseo stava tornando indietro per salvare sua madre quando incontrò Atlante, il gigantesco Titano che reggeva il cielo. Perseo chiese al Titano di lasciarlo riposare, ma Atlante si rifiutò e cercò di attaccarlo. Perseo sapeva di non poter combattere Atlante da solo, ma riflettendoci bene capisce che può usare la testa di Medusa a suo vantaggio

La testa viene esposta allo sguardo di Atlante, che si trasforma immediatamente in una montagna. Questa è una delle prime occasioni in cui i poteri di Medusa vengono utilizzati per mostrare la natura protettiva delle Gorgoni.

La testa di Medusa viene usata per sconfiggere Cetus

Mentre sorvola l’Etiopia, Perseo vede la giovane principessa Andromeda legata a una roccia come sacrificio al mostro marino Cetus. Andromeda viene sacrificata come punizione per Cassiopea (sua madre), che era stata così sciocca da vantarsi che sua figlia fosse più bella delle Nereidi. Perseo riesce a sconfiggere il mostro con la potente testa di Medusa e riesce a salvare Andromeda (che poi diventerà sua moglie).

La testa di Medusa viene usata per salvare la madre di Perseo

Quando finalmente Perseo torna dalla sua missione, il re Polidete è stupito di vedere il giovane eroe vivo. Egli trama per uccidere Perseo in modo da poter sposare sua madre, ma Perseo riesce a fermare l’attacco usando la testa di Medusa per trasformare Polidectes e i suoi complici in pietra. Sua madre viene salvata dai poteri protettivi di Medusa.

Perseo regala la testa di Medusa ad Atena

Dopo tutti i problemi causati dal tradimento di Atena nei confronti di Medusa, i due si riuniscono simbolicamente quando Perseo consegna la testa di Medusa ad Atena dopo che questa ha completato il suo viaggio. Atena pone la testa sul suo scudo, l’Egida.

Atena utilizza anche il sangue che ancora scorre dalla testa mozzata di Medusa. Si dice che il sangue del lato sinistro della testa avesse il potere di togliere la vita, mentre il sangue del lato destro della testa avesse il potere di resuscitare i morti. Questo potere fu dato ad Asclepio, che lo usò di conseguenza.

Si sa anche che due gocce del suo sangue furono messe in un’ampolla. Come i poteri precedenti, una goccia di sangue aveva la cura per qualsiasi malattia o veleno, mentre l’altra goccia di sangue era il potere più letale del mondo.

Infine, una ciocca di capelli fu tagliata e messa in una fiala. Sebbene la serratura in sé non avesse il potere di pietrificare un guerriero rivale, incuteva una terribile paura nel cuore di chiunque fosse abbastanza sfortunato da vederla.

Medusa diventa una protettrice

Sebbene Medusa sia stata punita ingiustamente da Atena e costretta a vivere il resto della sua vita come un terribile mostro, sperimenta una certa redenzione nella morte. Quando la sua testa fu posta sullo scudo di Atena (l’Egida) e il suo sangue fu rivelato con il potere della vita e della morte, la testa di Medusa divenne un simbolo di protezione. La sua testa ha infatti ispirato uno dei più potenti talismani del suo tempo: il Gorgoneion.

Il Gorgoneion era un amuleto con la testa di una Gorgone. Si credeva che questo simbolo allontanasse il male da chi ne invocava la protezione indossandolo come ciondolo. Era noto per il suo grande potere e si pensava addirittura che implicasse una discendenza o una protezione divina. È probabile che ciò sia dovuto in parte a Zeus e Atena, che sono noti per aver indossato un Gorgoneion.

Nel corso del tempo, la storia di Medusa ha ispirato molti grandi pensatori e artisti. La fanciulla-mostro ha ispirato molte grandi opere d’arte e di filosofia e oggi ha conosciuto una nuova popolarità.

Sigmund Freud

Tra i molti personaggi storici che furono affascinati dalla storia di Medusa c’era Sigmund Freud. Era molto interessato alla storia di Medusa e a ciò che poteva simboleggiare in termini di psicologia dei giovani.

Freud ipotizzò che il mito potesse simboleggiare la reazione di un giovane che, in qualche modo, si è rifiutato di considerare l’idea della castrazione come una possibilità reale. Egli riteneva che la vista dei genitali di una donna (soprattutto di una madre) allo stato adulto avrebbe rappresentato un vero e proprio terrore per i giovani uomini e pensava che la storia di Medusa potesse essere stata creata per simboleggiare questa idea.

Freud paragonò Medusa come una bella fanciulla all’immagine di una madre agli occhi degli innocenti prima che un giovane uomo avesse visto i genitali femminili adulti. La versione classica di Medusa, tuttavia, era vista da Freud come una sindrome di tipo edipico e si pensava che la decapitazione del mostro rappresentasse la castrazione e la paura.

Femministe

Anche le femministe moderne hanno preso posizione sul simbolismo di Medusa. Molte femministe accademiche tendono a paragonare l’immagine di Medusa all’atteggiamento della società nei confronti delle donne emancipate. Sostengono che qualsiasi donna che abbia un potere riconoscibile – soprattutto sugli uomini – viene immediatamente criminalizzata e trasformata in un mostro.

Le femministe amano anche indicare le condizioni della discesa di Medusa nel mondo dei mostri come una criminalizzazione delle vittime di stupro, tipica anche della società moderna.

Nichilisti

È interessante notare che la storia della Medusa è stata adottata anche dai nichilisti (coloro che credono che la vita non abbia alcun significato). Il simbolismo dell’impossibilità di guardare negli occhi di Medusa viene utilizzato come simbolo di come molte persone si orientano nel mondo moderno. Pensano che le persone tengano gli occhi bassi per evitare di affrontare la realtà (Medusa), in modo da non bloccarsi quando si rendono conto che la vita non significa nulla.

Un richiamo alla gerarchia

Infine, molti vedono la storia di Medusa come un promemoria delle molte dinamiche che entrano in gioco quando le forze superiori del mondo (in questo caso, gli dei dell’Olimpo) sono all’opera. Sebbene Medusa fosse una sacerdotessa devota di Atena, non è stata protetta dallo stupro da parte di Poseidone e viene punita ingiustamente per una situazione sulla quale non aveva alcun controllo

Questa parte della storia di Medusa fornisce un quadro chiaro della visione che gli dèi hanno dei mortali: sono pedine senza cervello in un gioco che esisteva prima della loro nascita e continuerà a lungo dopo la loro scomparsa.

Forse, quindi, Medusa è una storia sulla grande ingiustizia subita da coloro che non hanno fatto nulla di male, e sulla scarsa importanza di queste ingiustizie per le grandi potenze di questo mondo.

nv-author-image

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.