Vai al contenuto

Il Dio Odino. Mitologia norrena

El dios Odín es uno de los más importantes en la mitología nórdica.

Odín era un Dios muy venerado por los antiguos nórdicos.

Nella mitologia germanica e norrena, Odino era il dio principale. Era figlio di Bor e Bestla e guadagnò fama soprattutto grazie all’ammirazione dei vichinghi

Durante l’VIII e il IX secolo era conosciuto come il dio supremo. I Vichinghi ammiravano l’amore del dio per la battaglia ed egli divenne noto come “padre dei morti”, dimostrando l’importanza della guerra.

Sebbene sia diventato famoso nella mitologia germanica, nella mitologia norrena era associato alla conoscenza, alla stregoneria, alla guarigione, alla morte, alla battaglia, alla poesia e all’alfabeto runico. Era il sovrano degli Aesir, un gruppo di divinità. Ha avuto un ruolo centrale in molti miti relativi alla creazione e alla distruzione del mondo.

Odino era noto per la sua inclinazione a provocare conflitti e cambi di potere. Ad esempio, assistette un re danese di nome Harald nelle tattiche di guerra e lo aiutò a ottenere la vittoria per anni. Ma nella battaglia finale, Odino prese il posto del nemico di Harald e lo conquistò.

Sebbene Odino fosse noto per la sua inclinazione all’inganno, alla violenza e alla guerra, possedeva anche molte qualità ammirevoli. Era il dio più saggio e dimostrò più volte che avrebbe sacrificato qualsiasi cosa, persino se stesso, per una maggiore conoscenza.

Odino era il destinatario di molti sacrifici umani, soprattutto di reali, nobili o eserciti nemici. I sacrifici venivano spesso portati a termine con la lancia, il lazo o entrambi.

Le origini esatte di Odino sono sconosciute, ma molti ritengono che si tratti di un concetto evoluto basato su una divinità proto-norrena trascurata

Il nome di questo dio, che sarebbe stato venerato durante il periodo delle migrazioni, è sconosciuto, ma si ipotizza che la sua grafia sia vicina a quella di Odino, come Wodin. Tyr era il re originario degli dei

Ma Odino, che aveva funzioni simili a quelle di Zeus e del dio celtico Lugh, avrebbe rapidamente assunto la carica. A causa di questa transizione di potere, molti si chiedono se la battaglia tra le due tribù di dèi, i Vanir e gli Aesir, sia più simbolica di quanto non appaia.

Existen un gran número de mitos y leyendas alrededor de Odín.

Ci sono molti miti, sia di origine norrena che germanica, che raccontano la vita di Odino. In origine sono stati tramandati oralmente dai poeti. Quando i norreni incontrarono i cristiani, adottarono l’alfabeto romano. Fu allora che iniziarono a scrivere le storie

La tradizione di tramandare le storie oralmente si estinse e si cominciò a fare affidamento sulle versioni scritte dei racconti. Alcuni di essi sono i seguenti.

Il mito dell’occhio perduto di Odino

Odino era disposto a pagare qualsiasi prezzo per la saggezza ed era sempre alla ricerca di nuove missioni. Voleva capire i misteri della vita e rispondere a tutte le domande. In un’occasione, si recò al Pozzo di Mimir, noto anche come Pozzo di Urd

Si trovava tra le radici dell’albero del mondo ed era la casa di Mimir, una creatura oscura e ombrosa la cui conoscenza non poteva essere eguagliata da nessuno. Mimir aveva acquisito la sua conoscenza bevendo l’acqua del pozzo.

Odino voleva bere dal pozzo e chiese il permesso a Mimir. Mimir accettò, ma solo se Odino gli avesse dato uno dei suoi occhi. Non si sa quanto tempo sia passato dopo questa richiesta, né se Odino abbia discusso o litigato con Mimir, ma alla fine estrasse uno dei suoi occhi e lo lasciò cadere direttamente nel pozzo di fronte a Mimir

Una volta terminato il compito, Mimir prese il suo corno e lo immerse nel pozzo, recuperando un’abbondante bevanda di acqua incantata. Odino bevve dal corno e ricevette la saggezza che conteneva.

Il sacrificio di Odino

Ecco un altro mito sulla ricerca della saggezza infinita da parte di Odino. Ha sacrificato “se stesso” appendendosi a Yggdrasil, l’albero del mondo. Poi gli conficcò una lancia nel fianco e vi rimase per nove notti e nove giorni

Durante questa esposizione non ha ricevuto né cibo né acqua. Alla fine di tutto ciò, ricevette le rune, il nome dato all’antico alfabeto magico dei popoli germanici. Si diceva che contenesse molti dei segreti dell’esistenza. Nei miti scritti, la seguente frase viene pronunciata da Odino dopo aver ricevuto le rune.

Odino inganna un gigante

Un giorno, il lato competitivo di Odino lo portò a sfidare il più saggio di tutti i giganti della terra. Sfidò il gigante in una gara di conoscenza. Il premio è stato molto ambito. Il vincitore avrebbe ricevuto la testa del perdente. Grazie alle sue conoscenze, Odino vinse la gara ponendo al suo avversario una domanda che solo Odino poteva conoscere. La sua natura competitiva era più forte della sua morale. Ha reclamato il suo premio ed è tornato a casa.

Odín y sus hijos en la mitología nórdica.

Odino era figlio di Bor e Bestla. Ebbe molti altri nomi, tra cui Alfather e Alfadir, entrambi a significare la sua fama di padre degli dei

Era sposato con Frigg, che era la madre di Balder, Hod ed Hermod. Odino generò Thor con una dea di nome Jord e Vider con una gigantessa di nome Grid.

Odino è stato descritto con un occhio solo e una lunga barba. Nelle rappresentazioni artistiche, porta una lancia chiamata Gungnir e indossa un mantello e un cappello

Di solito è seguito dai suoi compagni animali, i lupi chiamati Geri e Freki e i corvi chiamati Huginn e Muninn. Aveva anche un cavallo chiamato Sleipnir che poteva volare e aveva otto zampe. Cavalcò Sleipnir attraverso il cielo e nel mondo sotterraneo.

Il simbolo più conosciuto del dio è il triplice corno di Odino. È costituito da tre corni da bere, tutti intrecciati, ed è un simbolo comune della fede Asatru

Il simbolo è un omaggio alle corna citate nelle storie mitologiche di Odino e al loro uso nei tradizionali rituali di brindisi norreni

Molti dei miti di Odino riguardano la sua ricerca di un idromele magico fatto con il sangue di un dio, che avrebbe bevuto dal suo corno.

nv-author-image

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.