Vai al contenuto

Gli Dei e le Dee Egiziane più importanti.

Los dioses y diosas más importantes del antiguo Egipto.

L’Egitto aveva uno dei pantheon di divinità più grandie complessi di qualsiasi altra civiltà del mondo antico. Nel corso della storia egizia sono stati venerati centinaia di dei e dee. Le caratteristiche di ciascuna divinità potrebbero essere difficili da definire

Nell’ antico Egitto, gli dei e le dee rappresentavano tutte le necessità fondamentali della vita. Molti culti si sono sviluppati e molte associazioni sono state create a causa dell’interconnessione tra questi bisogni vitali. In breve, nell’antico Egitto tutto ciò che rendeva possibile la vita era rappresentato da un dio o da una dea.

La maggior parte aveva un’associazione principale (per esempio, con il sole o gli inferi) e una forma. Ma queste potevano cambiare nel corso del tempo, dato che le divinità aumentavano e diminuivano di importanza e si evolvevano di pari passo con gli sviluppi della società egizia. Ecco alcune delle divinità più importanti da conoscere.

Osiride

El dios de Egipto, Osiris, gobernador del inframundo.

Osiride, una delle più importanti divinità egizie, era il dio degli inferi. Simboleggiava anche la morte, la resurrezione e il ciclo delle piene del Nilo, da cui l’Egitto dipendeva per la fertilità agricola.

Secondo il mito, Osiride era un re dell’Egitto che fu ucciso e smembrato dal fratello Seth. Sua moglie, Iside, ricompose il suo corpo e lo resuscitò, permettendo loro di concepire un figlio, il dio Horus. Era raffigurato come un re mummificato, con involucri che esponevano solo la pelle verde delle mani e del viso.

Horus

Horus, el dios halcón, asociado a símbolos populares como el ojo de Horus.

Raffigurato come un falco o un uomo con la testa di falco, Horus era un dio del cielo associato alla guerra e alla caccia. Era anche l’incarnazione della regalità divina e in alcune epoche il re regnante era considerato una manifestazione di Horus.

Secondo il mito di Osiride, Horus era figlio di Iside e Osiride, concepito magicamente dopo l’assassinio di Osiride da parte del fratello Seth. Horus fu allevato per vendicare l’assassinio del padre

Una tradizione sostiene che Horus perse l’occhio sinistro combattendo con Seth, ma il suo occhio fu magicamente guarito dal dio Thoth. Poiché gli occhi destro e sinistro di Horus erano associati, rispettivamente, al sole e alla luna, la perdita e il ripristino dell’occhio sinistro di Horus fornivano una spiegazione mitica delle fasi lunari.

Ecco un post in cui è possibile vedere il significato dell’occhio di Horus.

Seth

Seth, el dios egipcio, una de las deidades más importantes en la mitología de Egipto.

Seth era il dio del caos, della violenza, dei deserti e delle tempeste. Nel mito di Osiride, è l’assassino di Osiride (in alcune versioni del mito, inganna Osiride facendolo sdraiare in una bara e poi la sigilla).

L’apparizione di Seth pone un problema agli egittologi. Spesso viene raffigurato come un animale o come un umano con la testa di un animale. Ma non riescono a capire quale animale dovrebbe essere. Di solito ha il muso lungo e le orecchie lunghe e squadrate sulla punta.

Nella sua forma animale completa, ha un corpo snello come quello di un cane e una coda dritta con un ciuffo all’estremità. Molti studiosi ritengono oggi che l’animale non sia mai esistito e che l’animale Seth sia una sorta di composito mitico.

Ra

Ra, el dios del sol en Egipto, representado con cabeza de halcón al igual que Horus.

Il dio Ra (chiamato anche Re), una delle numerose divinità associate al sole, era spesso raffigurato con un corpo umano e la testa di un falco. Si credeva che ogni giorno attraversasse il cielo su una barca e che ogni notte compisse un viaggio attraverso gli inferi, durante il quale doveva sconfiggere il dio serpente Apopis per poter risorgere.

Il culto di Ra era incentrato a Eliopoli, oggi un sobborgo del Cairo. Nel corso del tempo, Ra si è sincretizzato con altre divinità solari, in particolare Amon

Ptah

Ptah es una de las muchas deidades adoradas en Egipto.

Ptah era a capo di una triade di divinità venerate a Memphis. Gli altri due membri della triade erano la moglie di Ptah, la dea Sekhmet dalla testa di leone, e il dio Nefertem, forse figlio della coppia.

L’associazione originaria di Ptah sembra essere stata quella con gli artigiani e i costruttori. L’architetto della IV dinastia Imhotep fu divinizzato dopo la sua morte come figlio di Ptah.

Gli studiosi hanno suggerito che la parola greca Aiguptos – da cui deriva il nome Egitto – potrebbe essere nata come corruzione di Hwt-Ka-Ptah, il nome di uno dei santuari di Ptah.

Anubi

Representación del dios Egipcio Anubis, dios de las prácticas y los ritos funerarios del Antiguo Egipto.

Anubi si occupava delle pratiche funerarie e della cura dei morti. Viene spesso raffigurato come uno sciacallo o come un uomo con la testa di sciacallo. L’associazione degli sciacalli con la morte e i funerali è nata probabilmente dal fatto che gli Egizi osservavano gli sciacalli che rovistavano nei cimiteri.

Nell’Antico Regno (2575-2130 a.C. circa), prima che Osiride salisse alla ribalta come signore degli inferi, Anubi era considerato il dio principale dei morti. Secondo il mito di Osiride, Anubi imbalsamò e avvolse il corpo del re ucciso, diventando così il dio patrono degli imbalsamatori.

Toth

Toth es el dios de Egipto del conocimiento y el lenguaje, uno de los dioses más misteriosos.

Toth, il dio della scrittura e della saggezza, poteva essere raffigurato sotto forma di babbuino o di ibis sacro, oppure come un uomo con la testa di un ibis. Si ritiene che abbia inventato il linguaggio e la scrittura geroglifica e che abbia agito come scriba e consigliere degli dei. In quanto dio della saggezza, si diceva che possedesse conoscenze magiche e segreti non accessibili agli altri dei.

Nelle scene dell’oltretomba che rappresentano il processo ai defunti dopo la morte, Thoth è raffigurato mentre pesa i cuori dei morti e riferisce il verdetto a Osiride, il dio dei morti.

Amun

Amón, es uno de los dioses de Egipto, representado en ocasiones como un carnero.

Prima di acquisire importanza nazionale nel Nuovo Regno (1539-1292 a.C. circa), il dio Amon era venerato localmente nella città meridionale di Tebe

Amon era un dio dell’aria e il suo nome significa probabilmente “il nascosto”. Di solito era raffigurato come un uomo che indossava una corona con due pennacchi verticali. I suoi simboli animali erano l’ariete e l’oca.

Dopo che i governanti di Tebe si ribellarono a una dinastia di governanti stranieri noti come Hyksos e ristabilirono il dominio egiziano in tutto l’Egitto, Amon ricevette il merito della loro vittoria. In una forma fusa con il dio del sole Re, divenne la divinità più potente dell’Egitto, posizione che mantenne per gran parte del Nuovo Regno.

Oggi, l’enorme complesso di templi dedicato ad Amun-Re a Karnak è uno dei monumenti più visitati dell’Egitto.

Hathor

Representación de Hathor, una de las diosas egipcias más importantes.

La dea Hathor era spesso raffigurata come una mucca, come una donna con la testa di mucca o come una donna con le orecchie di mucca. Hathor incarnava la maternità e la fertilità e si riteneva che proteggesse le donne durante il parto. Aveva anche un importante aspetto funerario, essendo conosciuta come “la signora dell’ovest”. (Le tombe venivano solitamente costruite sulla riva occidentale del Nilo).

In alcune tradizioni, la donna accoglieva ogni sera il sole al tramonto; i vivi si aspettavano di essere accolti allo stesso modo nell’aldilà.

Iside

Isis, Diosa importante de la cultura egipcia, esposa de Osiris.

Le origini di Iside sono oscure. A differenza di molte divinità, non può essere collegata a una città specifica e non ci sono menzioni certe di lei nella prima letteratura egizia. Tuttavia, nel corso del tempo la sua importanza è cresciuta fino a diventare la dea più importante del pantheon

Come moglie devota che resuscitò Osiride dopo il suo assassinio e allevò il figlio Horus, Iside incarnava le tradizionali virtù egizie di moglie e madre.

In quanto moglie del dio degli inferi, Iside era anche una delle principali divinità associate ai riti per i morti. Insieme alla sorella Nefti, Iside fungeva da lutto divino e la sua cura materna era spesso rappresentata come estesa ai morti negli inferi.

Iside è stata una delle ultime divinità dell’antico Egitto a essere venerata. Nel periodo greco-romano fu identificata con la dea greca Afrodite e il suo culto si diffuse nella Britannia occidentale e nell’Afghanistan orientale.

Si ritiene che le raffigurazioni di Iside con il piccolo Horus abbiano influenzato le immagini cristiane di Maria con il piccolo Gesù.

Bastet

Bastet, diosa egipcia representada con cabeza de gato.

Nelle sueprime forme, la dea felina Bastet era rappresentata come una donna con la testa di un leone o di un gatto selvatico. Nel primo millennio a.C. assunse la forma meno feroce di un gatto domestico.

In tempi successivi è stata spesso raffigurata come un gatto seduto dall’aspetto regale, a volte con anelli alle orecchie o al naso. Nel periodo tolemaico fu associata alla dea greca Artemide, divina cacciatrice e dea della luna.

Mut

Mut es la diosa egipcia que se representa con buitres en los jeroglíficos.

Mut significa “madre” in egiziano ed è una divinità primordiale che porta sul capo due corone, ognuna delle quali rappresenta l’Alto e il Basso Egitto. Chiamata anche “Colei che partorisce, ma non nasce da nessuno”, Mut è raffigurata come un avvoltoio nei geroglifici

È variamente integrata con altre divinità ed è spesso raffigurata come un gatto, un cobra, una mucca e persino una leonessa. Madre di Khonsu, Mut e le sue varie associazioni furono venerate da numerosi faraoni.

Sekhmet

Sekhmet es la diosa leona hija de Ra, una de las principales diosas egipcias.

Sekhmet, figlia di Ra, è raffigurata come una leonessa ed è nota per il suo carattere feroce, mentre guida e protegge i faraoni durante le guerre. È conosciuta anche come la Potente ed è in grado di distruggere i nemici dei suoi alleati

È raffigurata con un disco solare e un ureo, un cobra egizio che era associato alla regalità e alla divinità. Sekhmet assistette la dea Ma’at nella sala del giudizio di Osiride, il che le valse anche la reputazione di arbitro.

nv-author-image

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.