Vai al contenuto

Le più importanti Divinità Romane

Los dioses romanos más importantes en la mitología.

Le divinità di tutte le culture giocano un ruolo importante nel plasmare la vita morale di una persona, e la cultura romana ruotava in gran parte intorno al culto di varie divinità

Queste antiche divinità romane hanno fatto parte di grandi opere letterarie e sono state fortemente influenzate dalle culture etrusca e greca. Più si approfondisce, più si impara a conoscere queste affascinanti divinità romane.

Il pantheon romano di divinità è considerato il più grande di tutti. I Romani avevano divinità per ogni cosa immaginabile. Avevano Marte, il dio della guerra, Nettuno, il dio del mare, Bacco, il dio del vino, e molti altri

Come tutte le culture, anche questa aveva un passato mitologico ricco e vivace. Mentre alcune delle loro divinità sono adattamenti di quelle dei divinità greche tra le divinità romane, altre sono originali, come il dio bifronte delle porte e dei portali, Giano.

Queste divinità diedero ai Romani un senso di orgoglio nazionale, una comprensione del coraggio e dell’onore e una visione del proprio destino.

Il sistema religioso tradizionale dell’antica Roma è visibile anche nella letteratura storica romana e nelle arti visive. La leggenda di Romolo e Remo ne è un esempio famoso. Gli dei romani avevano personaggi maestosi e grandi poteri.

Júpiter, uno de los dioses romanos más importantes.

Giove, noto anche come Jove, è la principale divinità romana. Con il suo enorme potere, si dice che domini la luce e il cielo. L’aquila è il suo animale sacro e la folgore è la sua arma identificativa. Chiamato dies pater, o “padre luminoso”, è il protettore delle leggi e dello Stato, e i Romani credevano che Giove custodisse la loro città.

Suo padre è Saturno e suo fratello Nettuno. Fa parte della Triade Capitolina ed è il consorte di Giunone. I Romani lo veneravano come Giove Ottimo Massimo. Questo nome si riferiva non solo al suo dominio sugli dèi e sull’universo, ma anche al suo potere di dettare leggi, controllare regni e parlare attraverso gli oracoli.

I Romani lo consideravano l’equivalente del dio greco Zeus, e nell’arte e nella letteratura romana Zeus è chiamato Iuppiter. Giove era anche il dio romano della giustizia, da cui la frase “Per Giove”. Le offerte sacrificali a Giove comprendevano il bue (toro castrato), l’agnello e l’ariete castrato. Era importante che questi animali sacrificali fossero bianchi.

Neptuno, el dios romano de los mares y océanos.

Con un tridente a tre punte, Nettuno cavalcava un cavallo o un delfino e governava il mare. Nella mitologia romana è stato riconosciuto per la prima volta come associato all’acqua intorno al 399 a.C. Sua moglie era Salacia e i suoi fratelli erano Giove e Plutone. I Romani lo veneravano anche come dio dei cavalli, con il nome di Neptunus Equester. La sua controparte tra gli dei greci era Poseidone, che formava la trinità greca di Zeus, Ade e Poseidone.

Siritiene che Nettuno avesse un brutto carattere e che fosse conosciuto come il dio dei terremoti, perché la sua rabbia e la sua furia erano legate allo scuotimento della terra. Una famosa leggenda su Nettuno è quella di Salacia e dei delfini. Anfitrite era la moglie di Nettuno.

La leggenda narra che Nettuno vide Anfitrite, una ninfa delle acque, danzare sull’isola di Nasso. Catturato dalla sua bellezza, si innamorò all’istante e le chiese di sposarlo. Lei ha rifiutato. Imperterrito, Nettuno inviò uno dei suoi famuli, un delfino, a cercarla di nuovo

L’arguto e affascinante delfino riuscì a convincere la ninfa a cambiare idea e ad accettare la proposta di matrimonio. Come ricompensa, rese il delfino immortale e gli assegnò un posto d’onore nei cieli, noto come costellazione di Delphinus. Anche per questo motivo il delfino viene talvolta incluso nelle raffigurazioni di Nettuno.

Plutón, el dios romano del inframundo.

I tre figli di Saturno, Giove, Nettuno e Plutone, si spartirono il mondo. Il cielo e il mare andarono rispettivamente a Giove e a Nettuno; gli inferi furono affidati a Plutone. È monogamo e si ritiene che non abbia figli. Rappresenta l’aspetto positivo del dio che presiede all’aldilà e il suo corrispettivo greco è Ade.

Il nome Plutone è un derivato della parola greca Ploutos, il nome del dio della ricchezza. I Romani consideravano Plutone come il dispensatore di oro, argento e altre sostanze sotterranee. Poiché questi minerali venivano estratti, Plutone fu presto riconosciuto come il dio degli inferi fisici. Questo lo portò a diventare il dio degli inferi spirituali e quindi della morte.

I Romani credevano che se avessero pronunciato il suo nome sarebbero morti. È interessante notare che il metallo plutonio, legato al pianeta Plutone, è radioattivo e quindi potenzialmente mortale. Questa sostanza merita di appartenere al dio della morte.

El dios romano Apolo, dios del sol y la música.
Il dio romano Apollo

Riconosciuto come dio della musica, della guarigione, del sole e della luce, della verità e della profezia, della peste e della poesia, tra gli altri, Apollo era figlio di Giove e fratello di Diana

È una delle divinità romane più importanti e complesse. Apollo è conosciuto sia nel pantheon greco che in quello romano.

Apollo fungeva da intermediario tra il popolo e gli dei. Grazie alla sua integrità e veridicità, gli fu concesso il dono della profezia. Non solo è potente, ma rappresenta anche la giovinezza, la saggezza e la bellezza. È stato oggetto di numerose opere letterarie e artistiche. Apollo era il dio più amato di tutti

Rappresentava l’eccellenza morale e i suoi seguaci gli dedicarono il culto di Delfi. Questo culto ha avuto una grande influenza sugli affari religiosi e legali dello Stato. Anche oggi Apollo è importante a tutti i livelli della società.

Saturno, dios romano del tiempo y la riqueza.

Il regno di Saturno era considerato un’epoca d’oro di abbondanza e pace. Era conosciuto come il dio della dissoluzione, del tempo, della ricchezza, dell’agricoltura, del rinnovamento e della liberazione

Secondo Varron, Saturno deriva da “seminare” e i Romani lo identificarono come una divinità agricola simile al dio greco Crono. Era figlio di Urano e Gea e due delle sue consorti erano Ops e Lua. Ops era associato alla ricchezza, all’abbondanza e alle risorse, mentre Lua era la dea a cui i soldati sacrificavano le armi catturate.

La posizione della festa di Saturno nel calendario romano era legata al concetto di tempo, in particolare al Capodanno. Durante il Secolo d’Oro si celebrava il 17 dicembre di ogni anno. Questa festa di metà inverno era nota come Saturnalia e durava circa sette giorni. Era un momento di festa, di inversione di ruoli, di regali, di libertà di parola e di baldoria. Inoltre, sia il pianeta Saturno che il sabato prendono il nome da questo potente dio.

Marte era el dios romano de la guerra y uno de los dioses más adorados por los propios romanos.

Marte è il dio della guerra e si credeva fosse il protettore dello Stato romano. Il mese di marzo, che prende il nome da Marte, era un mese ricco di festeggiamenti e celebrazioni militari.

Marte crebbe di popolarità durante il regno di Augusto e fu il dio militare più importante della storia romana. Credeva nell’uso del potere militare per mantenere la pace. Secondo il mito romano, Marte generò Romolo e Remo con Rea Silvia e fu figlio di Giove e Giunone.

Il suo principale consorte era Nerius, che rappresentava la forza vitale e la potenza di Marte ed era considerato la personificazione dei poteri divini di Marte. Tuttavia, l’unione di Marte con Venere è stata un tema per diversi poeti e filosofi. Il loro adulterio è stato trascurato, perché la bellezza della coppia è apprezzata dagli artisti

È anche considerata una guardiana dell’agricoltura, poiché le sue energie sono rivolte a favorire la coltivazione dei campi. Nell’arte romana è raffigurato giovane e rasato o più anziano con la barba. Lo si vede indossare un elmo e portare una lancia come emblemi di guerra.

Vulcano, el dios romano del fuego.
Vulcano, il dio romano del fuoco

Gli antichi miti romani lo definiscono il dio del fuoco, della lavorazione dei metalli, dei vulcani e della forgiatura, ed è raffigurato con in mano un martello da fabbro. Era l’equivalente romano del dio greco Efesto. Vulcanalia, la festa annuale che porta il suo nome, si celebrava il 23 agosto. I Romani credevano che Vulcano rappresentasse sia il potere distruttivo che quello fecondo del fuoco.

Vulcano era figlio di Giove e Giunone. È nato con il volto rosso e sfigurato ed è stato abbandonato dalla madre. Fu gettato da una rupe e accolto da Themis come suo figlio quando cadde nelle profondità del mare. L’acqua è diventata la sua nuova casa

In un’occasione, trovò sulla spiaggia i resti di un falò lasciato dai pescatori. Le braci roventi lo incantano. Portò a casa le braci e rimase a fissare le fiamme per ore. Notò che i metalli come l’oro, l’argento e il ferro sudavano quando si avvicinavano al fuoco. Una volta raffreddato il metallo, lo trasformava in catene, bracciali, scudi, spade e molto altro

Come gesto d’amore, Vulcano realizzò cucchiai e coltelli con manici di perla per Teti, sua madre adottiva. Creò anche una schiava d’oro che svolgeva vari compiti per lui.

Cupido, dios romano del amor por excelencia.

Cupido, il dio del desiderio erotico, dell’amore, dell’attrazione e dell’affetto, è figlio di Marte e Venere. Eros è il suo corrispettivo greco. Cupido è spesso visto con un arco e una freccia, considerati la fonte del potere che induce l’affetto e il desiderio nella persona colpita dalla freccia

Il dio dell’amore ha Psiche come consorte. È alato perché si crede che gli innamorati possano volare. Divenne una figura familiare durante il Medioevo, quando, sotto l’influenza cristiana, rappresentò il duplice amore per la terra e per il cielo. Un Cupido addormentato nell’arte rinascimentale indica l’assenza di amore e desiderio. Il potere di Cupido di far innamorare le persone gioca un ruolo importante in diverse storie mitiche.

Mercurio es el dios romano de la prosperidad y el comercio, además de la elocuencia.

Mercurio è un importante dio romano che fa parte dei Dii Consentes del pantheon romano. Rappresenta la fortuna, il commercio, i viaggiatori, l’eloquenza, la poesia, l’inganno e i ladri. Si ritiene inoltre che guidi le anime verso il mondo sotterraneo.

Secondo la mitologia romana, era figlio di Giove e Maia. Negli idoli e nei dipinti è raffigurato con un caduceo nella mano sinistra, come il suo omologo greco Ermes, che ricevette dal dio del sole Apollo una bacchetta magica, che poi trasformò in caduceo

Come dio del commercio, Mercurio era raffigurato su due delle prime monete di bronzo della Repubblica romana, la semuncia e il sestano. Compare anche nelle opere letterarie di Ovidio e Virgilio. Il suo tempio a Roma fu costruito nel Circo Massimo nel 495 a.C..

Baco, el dios romano del vino y la fertilidad.

Bacco, che assomiglia al dio greco Dioniso, era figlio della mortale Semele e del re degli dei, Giove. Semele fu ingannata da Giunone e lo vide nella sua forma divina. Di conseguenza, Semele morì dopo aver visto la vera forma del dio. Giove allora le cucì sulla coscia Bacco, il figlio non ancora nato, lo portò in grembo per nove mesi e infine lo partorì.

Bacco era associato all’agricoltura, al vino e alla fertilità, e le sue piante comprendevano la vite e l’edera. Portava un bastone a forma di pigna

I suoi seguaci erano i satiri e le menadi dalle zampe di capra e le dame selvagge che si muovevano vivacemente durante le sue celebrazioni. Nell’arte lo si vede come un ragazzo dai capelli ricci che beve vino o come un uomo molto ubriaco, che a volte viene messo a letto da ninfe e satiri. A volte è raffigurato come un giovane che indossa solo una corona di uva e foglie di vite.

nv-author-image

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.