Vai al contenuto

Gli Dei e i Titani greci più importanti.

Los dioses griegos y los titanes más importantes de la mitología griega.

Le antiche divinità greche qui elencate hanno gettato le basi della mitologia greca che ancora oggi continua a incantare lettori, scrittori e narratori. Queste divinità non erano importanti solo nei loro regni e paradigmi mitologici, ma ebbero anche un notevole impatto sulle civiltà che succedettero agli antichi Greci

Con il suo potere e la sua potenza, Zeus rimase il capo e il sovrano indiscusso di tutti gli dei dell’Olimpo, governando i regni dal suo trono sul Monte Olimpo. Chiaramente, il sistema greco era orientato verso il dominio maschile (solo i fratelli potevano dividere i regni tra loro). Ciononostante, la schiera di queste leggendarie divinità dell’antica Grecia continua a esercitare il suo fascino sugli storici e sulla gente comune ancora oggi.

Le storie degli dei e delle dee dell’antica mitologia greca sono molto popolari. I loro personaggi sono stati popolarizzati e successivamente immortalati da famosi drammaturghi greci antichi come Omero ed Esiodo

Ciò che contraddistingue il folklore di queste antiche divinità greche è il modo in cui le loro storie si sono discostate da quelle di altre religioni antiche contemporanee. Gli dei greci assomigliavano agli uomini non solo nella forma, ma anche nella natura e nelle emozioni

Molti di noi ricordano come Teseo uccise il Minotauro, come Ade governò gli inferi e come Zeus mostrò la sua rabbia con un potente tuono

Ecco un elenco delle divinità greche che consideriamo più importanti

Dios Zeus de la mitología griega con un rayo en la mano.
Zeus

Zeus era il dio dell’intero universo conosciuto che gli Olimpi avevano vinto sui Titani. Dopo aver conquistato i Titani, Zeus vinse anche la lotteria con i fratelli Ade e Poseidone per vedere chi avrebbe ereditato il trono dopo il padre Crono, diventando il dio di tutti i cieli e il sovrano riconosciuto di tutti gli altri dei

Era sposato con Era, la regina di tutti gli dei, ma era famoso anche per le sue scappatelle romantiche al di fuori del matrimonio. Era conosciuto come il padre degli dei e, come avrete notato, aveva parecchi figli dalle sue numerose relazioni

Essendo la personificazione della natura di tutte le cose, costruì l’ordine che divenne la base dei diversi regni. Ha anche regolato il tempo con il cambiamento delle stagioni e l’alternarsi del giorno e della notte. Regnava con assoluta autorità e comando sul suo universo, ma era anche irascibile e facilmente provocabile. Egli rispose scagliando saette contro coloro che gli davano fastidio.

Dios griego Hades, rey del inframundo, hermano de Zeus.
Ade con il suo cane Cerbero

Dopo l’avvento dell’era degli dei dell’Olimpo, Ade divenne il sovrano degli inferi, un luogo in cui solo i morti potevano entrare (anche se c’erano delle eccezioni)

Naturalmente, governare un regno così cupo e tetro raramente faceva una buona impressione, il che ne sminuiva l’importanza nella mitologia greca. Tuttavia, molti greci lo ritenevano la personificazione della morte stessa (cosa che non era) e gli rendevano regolarmente omaggio a causa della loro superstizione

Ma la sua immagine malvagia è ben lontana da quella che era in realtà, perché non era così malvagio come siamo stati portati a credere. Contrariamente a quanto si crede, non era Ade a occuparsi della redenzione delle anime, ma i tre semidei Minosse, Aiakos e Rhadamanthys a eseguire il giudizio.

Fu anche molto corretto nei confronti di Ercole, che lo avvicinò con l’intenzione di catturare il suo cane a tre teste. Ad Ade, invece, è stata data poca importanza al fatto di aver ingannato la sua amata Persefone per farla rimanere con lui negli inferi.

Ampiamente conosciuto tra gli antichi Titani, Crono era il dio dominante prima dell’era delle divinità dell’Olimpo

I Titani erano noti per i loro corpi colossali e per la loro forza bruta altrettanto massiccia, tra i quali Crono dimostrò di essere il più forte quando divenne sovrano castrando il suo stesso padre, Urano. Ma una volta salito al potere, come il suo disprezzato progenitore, Crono divenne sospettoso nei confronti dei suoi figli, i più importanti dei quali erano Zeus, Poseidone e Afrodite

Nella sua totale paranoia, li ha inghiottiti per evitare che lo superassero. Ma sua madre, Gea, e sua moglie, Rea, riuscirono a salvare Zeus, che lottò contro di lui e lo bandì nel temuto Tartaro, negli inferi, una volta liberati i suoi fratelli. La fine di Crono inaugurò l’era delle divinità dell’Olimpo, che sarebbero diventate molto più popolari nella mitologia greca rispetto ai loro predecessori.

Poseidón, hermano de Zeus y dueño y señor de los mares en la mitología griega.

Quando Zeus e i suoi fratelli tirarono una pagliuzza per decidere chi sarebbe stato il signore di ogni regno, Poseidone tirò fuori il regno dei mari. Divenne così sovrano dei mari e, insieme alla moglie Anfitrite, guidò un gruppo di divinità minori che comprendeva Tritone e le Nereidi.

In quanto signore dei mari, era ampiamente venerato e seguito da marinai e viaggiatori. Ma la sua influenza fu ancora maggiore. Gli storici lo citano come divinità importante in diverse città greche antiche.

In termini di potere, era secondo solo al potente Zeus. Oltre a comandare la potenza dei mari, portava con sé un tridente in grado di provocare enormi terremoti con un solo colpo.

A un certo punto, si innamorò disperatamente di Demetra, che gli chiese di creare la creatura più singolare se voleva conquistarla. Si dice che nella sua ricerca abbia creato diversi animali e che alla fine abbia creato il primo maestoso cavallo.

Dios Griego Prometeo, que trajo el fuego a la humanidad según la mitología.
Frammento del dipinto “Prometeo che porta il fuoco”

Prometeo, uno dei più popolari tra gli dei titani, è tenuto in grande considerazione tra i grandi benefattori dell’umanità. Anche suo padre, Iapeto, era un Titano, ma sua madre era un’Oceanide

Essendo il dio della preveggenza, aveva previsto la sconfitta dei Titani per mano dei nuovi dei dell’Olimpo e si era astutamente schierato con gli Olimpi durante la battaglia, sfuggendo così alla prigionia nel Tartaro insieme agli altri.

A Prometeo fu quindi assegnato il compito di plasmare l’uomo dall’argilla. Una volta terminata la creazione del genere umano, si affezionò a loro, preoccupandosi sempre del loro benessere. Questo lo portò a scontrarsi più volte con il potente Zeus, che non si curava molto degli umani

Così, quando Zeus tolse il fuoco all’umanità, Prometeo lo rubò dal cielo e lo restituì agli uomini. Zeus lo punì per il suo tradimento incatenandolo a una roccia dove un’aquila gli mangiava il fegato ogni giorno (il fegato si rigenerava ogni notte perché era immortale). Infine, fu liberato dalla sua agonia dal potente semidio Ercole.

El dios griego de la guerra Ares.
Ares, dio greco della guerra

Nato da Zeus ed Era, Ares era conosciuto anche come il dio della guerra. Ma rifletteva gli aspetti violenti e sanguinosi della guerra molto più della violenza giusta ed equa per il bene comune

Era sempre disposto a creare scompiglio solo per dimostrare la sua forza in battaglia e raramente pensava di combattere per giustizia o autodifesa. I suoi atti di temerarietà portano i genitori a disprezzarlo e ad ammirare la sorella Atena.

Nonostante incarnasse la spietatezza della guerra, sembrava anche un codardo nelle sue reazioni oltraggiose alla minima ferita in battaglia. Era follemente innamorato di Afrodite, già sposata con Efesto. La loro storia d’amore non era un segreto tra gli olimpionici e provocava molto disprezzo. Di conseguenza, Ares non fu mai molto popolare tra gli uomini o gli dei e non fu seguito o venerato dalle masse.

Hefesto, dios griego de la fragua y el fuego.
Il dio greco Efesto

Popolare nel folklore greco, il dio del fuoco, Efesto, era associato al regno dei cieli. I suoi inizi sono stati descritti in termini contraddittori da Omero ed Esiodo

Omero lo descrive come il figlio storpio di Zeus e di Era, mentre Esiodo prende una strada non convenzionale (e molto più intrigante) sostenendo che Era lo partorì da sola. Nacque zoppo, cosa che spinse la madre a gettarlo dall’Olimpo, anche se secondo diverse versioni intervenne in una lotta tra Zeus ed Era e finì per essere trascinato dall’Olimpo dal potente Zeus.

Una volta caduto sulla terra, divenne un artigiano prodigioso e fu infine reintegrato in cielo, dove realizzò una serie di oggetti meravigliosi per gli dei e le dee. Creò anche maestose armature e scudi per gli dei, il più famoso dei quali fu quello indossato da Achille nella battaglia di Troia.

El Dios griego de la belleza Apolo.
Disegno di Apollo

Fratello gemello di Artemide, Apollo era un dio dalle mille sfaccettature. Suo padre era, ancora una volta, Zeus e nacque con la madre Leto sull’isola di Delo, l’unico rifugio che riuscirono a trovare da un’Era infuriata (non c’è da sorprendersi)

Leto fu talmente sopraffatta dalle attenzioni ricevute dagli abitanti di Delo che giurò che Apollo li avrebbe sempre favoriti e avrebbe assicurato la loro prosperità, promessa che mantenne. Come già detto, Apollo aveva molte sfaccettature che erano piuttosto contraddittorie.

Era il dio della serenità e della musica e veniva spesso raffigurato con una lira. Era anche un abile arciere e spesso lo si poteva vedere con un arco d’argento

Era considerato il dio della guarigione e della medicina, ma quando si infuriava provocava morte e disperazione con le sue frecce. Egli imbracciava il suo carro a quattro cavalli e muoveva il sole nel cielo ogni giorno, fornendo luce e vita alla terra. In quanto dio profetico, era una figura celebre tra gli oracoli, che fondarono Delfi come luogo dedicato al suo culto.

Dionisio, el Dios griego del vino.

Come dio della festa, del piacere e del vino, era una divinità popolare sia tra gli dei che tra i mortali. È l’unico dio che ha avuto un genitore mortale sotto forma di sua madre Semele, mentre suo padre è il potente Zeus

Fu allevato sotto la protezione delle ninfe della montagna, poiché Era, moglie di Zeus, era gelosa delle avventure romantiche del marito al di fuori del loro matrimonio. Gradualmente, Dioniso si costruì un culto di seguaci che lo accompagnavano nei suoi viaggi intorno al mondo.

Era molto più interattivo con i suoi seguaci che con gli altri dei, festeggiava, beveva e viveva la vita al massimo con loro. Si innamorò perdutamente di Arianna, che fu sprezzantemente abbandonata da Teseo quando si addormentò sull’isola di Nasso.

I greci organizzavano molte feste in suo onore e non sarebbe esagerato dire che era molto più popolare di Zeus in molte parti dell’antica Grecia.

El Dios griego Hermes con su bastón caduceo.
Il dio greco Ermes con in mano il caduceo

Conosciuto anche come“il messaggero”, Ermes era figlio di Zeus e Maia. È stato raffigurato in molti modi in poesie, opere teatrali e miti

Popolarmente, viene raffigurato come un giovane bello, atletico e senza barba, e talvolta come un uomo anziano con la barba. Ermete era un pensatore rapido e ancora più rapido nei movimenti, ed era famoso tra gli dei per la sua astuzia

Poiché poteva muoversi facilmente tra i tre mondi principali dell’antico paradigma mitologico greco: il cielo, i mari e gli inferi, spesso fungeva da messaggero degli dei. Data l’astuzia con cui ingannava gli altri dei per divertirsi, si possono trovare grandi somiglianze tra lui e il popolare dio norreno Loki

Per dare un esempio di quanto elaborati potessero essere i suoi trucchi, si dice che da bambino sia saltato fuori dalla culla, abbia rubato il bestiame di Apollo e sia tornato nella culla come immagine dell’innocenza. Non c’è da stupirsi che fosse conosciuto anche come il dio dell’astuzia e del furto.

volete saperne di più sulla storia e sul simbolismo di Hermes? Consulta il nostro articolo sul dio Ermes.

nv-author-image

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.