Vai al contenuto

Che cos’è la stampa Giclée?

Ejemplo de impresión Giclée.
Che cos'è la stampa Giclée?
Esempio di stampa Giclée

Stampa Giclée significa “spruzzare” o “spruzzare” in francese. Si riferisce al processo utilizzato dalle stampanti a getto d’inchiostro per riprodurre opere d’arte o fotografie e creare un’unica copia dell’opera originale.

È importante notare che non tutte le stampe a getto d’inchiostro sono stampe Giclée. Con la stampa Giclée, ci si può aspettare un prodotto di qualità superiore con una durata maggiore rispetto alla normale stampa a getto d’inchiostro, e devono essere soddisfatte alcune condizioni per trattare la stampa come Giclée e non come una stampa laser o fotografica.

Che cos'è la stampa Giclée?
Stampante Epson per la stampa Giclée

1-Scegliere la giusta risoluzione

Per ottenere la massima qualità nella stampa Giclée, è necessario che l’immagine da utilizzare abbia una risoluzione ottimale per evitare sorprese nel risultato

Affinché la stampa sia il più accurata e vivida possibile, il file utilizzato deve avere la risoluzione corretta corrispondente al formato di stampa selezionato. La regola generale è che 300DPI è la risoluzione sicura per la maggior parte delle stampe di dimensioni standard. Per determinare se un’immagine soddisfa le condizioni, è necessario innanzitutto conoscere il formato che si desidera stampare. Ad esempio, utilizzando lo standard di 300 dpi, se il lato più lungo dell’immagine sarà di 12 pollici, l’immagine digitale deve essere di almeno 4.800 pixel in quella dimensione (4.800 pixel / 300 ppi = 12 pollici).

2-L’importanza di una buona carta

Non perderti la nostra guida definitiva sul graphic design!

Scopri i migliori corsi online, master e programmi universitari per una carriera di successo nel design con la nostra "Guida definitiva allo studio del Graphic Design: Le migliori opzioni per una carriera di successo". Modella oggi il tuo futuro nell'industria creativa.
Vedi post Leggi più tardi

La carta è un elemento fondamentale se si vuole ottenere una finitura di lusso per le proprie opere d’arte

Nella scelta della carta per la vostra stampa giclée, dovrete trovare un equilibrio tra l’aspetto della stampa e la sua resistenza. Gli elementi da considerare nella scelta della carta sono la finitura, la brillantezza e la grammatura. In questo caso non possiamo utilizzare carte commestibili perché non possiamo realizzare una stampa commestibile come questa.

Tipi di finitura

La finitura di una carta può essere classificata in tre categorie: opaca, lucida e semilucida. All’interno di queste categorie c’è uno spettro di variazioni più granulari, ma conoscere la differenza tra i diversi tipi di carta vi sarà molto utile per scegliere quella che meglio si adatta alle caratteristiche del lavoro che volete stampare

Opaca

Le carte opache sono disponibili in una varietà di texture che vanno da quelle ultra lisce a quelle con una texture unica. Queste carte non mostrano alcun riflesso e funzionano bene dietro al vetro e in piena luce

Le impronte digitali e la polvere sono meno problematiche sulla carta opaca rispetto a quella lucida; tuttavia, le stampe opache sono più facilmente danneggiabili con piccole manipolazioni

Indossare guanti di cotone riduce la probabilità di danneggiare una stampa su carta opaca.

Lucida

Queste carte hanno un rivestimento riflettente che conferisce alle stampe su carta lucida un aspetto luminoso e brillante. Questo rivestimento può fungere da strato protettivo tra l’inchiostro vero e proprio e gli oli dovuti al contatto diretto con le mani

Lo svantaggio è che le stesse impronte digitali (e la polvere) hanno maggiori probabilità di apparire. Inoltre, il rivestimento crea un riflesso che può distrarre, soprattutto quando si trova dietro a un vetro in una cornice o sotto una luce intensa.

Semi-lucido

Le carte semilucide sono una via di mezzo tra quelle lucide e quelle opache, anche se i loro punti di forza sono meno distintivi. Presentano colori vivaci, sono resistenti alle impronte digitali e producono meno riflessi delle carte lucide, ma hanno una minore lucentezza. Sono anche più durevoli della carta opaca, anche se non producono i neri più profondi che le stampe su carta opaca possono ottenere.

Dedicate un po’ di tempo a riflettere sui vantaggi e gli svantaggi di ciascuna opzione, ma ricordate: qualsiasi tipo di carta scegliate, deve essere di qualità

Le stampe realizzate su carta non di qualità durano solo circa 10 anni. Dopo questo periodo, gli inchiostri si sbiadiscono o si alterano e la carta inizia a screpolarsi

Luminosità della carta

Sebbene tutte le carte bianche abbiano un certo grado di luminosità, esiste una differenza espressa da un numero compreso tra 1 e 100, da meno luminosa a più luminosa. Tuttavia, non sempre la luminosità è migliore e l’immagine che si intende stampare aiuta a determinare la luminosità della carta più adatta al lavoro da svolgere. Ecco alcune linee guida generali, ma ricordate che non ci sono scelte giuste o sbagliate, ma dovete decidere voi stessi per ottenere l’aspetto desiderato per il vostro lavoro di stampa

  • Utilizzare carta con una scala di luminosità elevata quando si stampano lavori con colori molto brillanti e vivaci. Questi tipi di colori appariranno più vivaci su carta abbastanza lucida.
  • Se i colori sono molto chiari, è meglio utilizzare una carta meno lucida. Se i colori molto chiari vengono stampati su carta molto lucida, appariranno sbiaditi. Una carta meno lucida creerà immagini più profonde e ricche.
  • Se il lavoro contiene sia colori chiari che molto luminosi, scegliere una carta di media brillantezza

Peso della carta

Anche lo spessore della carta è importante e dipende dallo scopo per cui si desidera stampare il lavoro

Se si stampano immagini da utilizzare nel proprio portfolio, di solito è meglio utilizzare una carta più sottile, in quanto sarà più facile girare le pagine quando la carta è meno rigida e occupa meno spazio.

Quando si utilizza la stampa giclée, di solito è preferibile utilizzare una carta più spessa, in quanto è meno probabile che si strappi o si stropicci ed è migliore per l’incorniciatura. Utilizzare carta ancora più spessa quando si stampano immagini di grandi dimensioni per evitare che si affloscino nel tempo.

Ricordate che possono essere carte con un po’ di consistenza, ma non possono essere tessuti o tele, perché non possiamo migliorare la stampa tessile in alcun modo.

È vero che non possiamo usare la serigrafia o la sublimazione per stampare opere su tela, ma la stampa offset ci permette di usare i tessuti.

3-L’inchiostro

Il tipo di inchiostro utilizzato determina in parte la qualità della stampa e la sua resistenza agli agenti esterni come la luce del sole

Se volete che le vostre stampe durino nel tempo, è importante che conosciate le caratteristiche dei diversi tipi di inchiostri e le modalità di manutenzione del prodotto finale per prolungarne la durata

Queste informazioni dovrebbero essere trasmesse anche all’acquirente dell’opera d’arte. Alcuni inchiostri, in particolare quelli a base di coloranti, possono sbiadire con il tempo e dovrebbero essere tenuti al riparo dalla luce diretta del sole o almeno dietro a un qualche tipo di protezione UV . Utilizzate i migliori inchiostri e le migliori carte (pigmentate) che potete permettervi. Utilizzare i migliori metodi di stampa, come la stampa giglée, fotografica o UV.

Autore

Laureato in Psicologia e appassionato di chitarra flamenca e giochi da tavolo, il mio percorso professionale mi ha portato a comprendere il profondo legame tra comportamento umano e marketing. Nel corso degli anni, ho affinato la mia capacità di analizzare e interpretare le tendenze del mercato e le risposte dei consumatori. Su The Color Blog, unisco le mie conoscenze psicologiche alla mia passione per la scrittura, offrendo prospettive uniche sul marketing, la storia e le interazioni umane che caratterizzano la nostra era digitale.View Author posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *