Vai al contenuto

Carta giapponese o Washi Cos’è?

Diseños de papel japonés washi.

La carta giapponese o washi è uno dei prodotti artistici più fondamentali e spesso trascuratidel Giappone. In oltre 1.300 anni di produzione, ha costituito la spina dorsale di molte altre forme d’arte giapponese

In effetti, la carta washi è così radicata nella cultura giapponese che ci sono letteralmente città costruite intorno alla produzione di carta washi.

In termini elementari, carta washi significa semplicemente carta tradizionale giapponese, wa (和) che significa giapponese e shi (紙) che significa carta

Dalla sua storia eclettica, ai suoi molteplici usi, alle migliori destinazioni di viaggio in Giappone, ci sono molte cose affascinanti da imparare e molto da dire su quest’arte ricca di storia e ancora attuale. In questa sede tratteremo tutto ciò che c’è da sapere sulla carta washi giapponese

Sebbene oggi sia un elemento culturale iconico del Giappone, le radici della produzione di carta washi giapponese possono essere fatte risalire alla Cina. Intorno al 610 d.C., i monaci buddisti portarono in Giappone la tecnica della fabbricazione della carta a mano per scrivere i sacri sutra.

Per aggiungere un ulteriore tocco internazionale alle origini della carta washi, il Nihon Shoki, noto anche come Cronache del Giappone, uno dei più antichi libri di storia classica giapponese (scritto nel 720), afferma che l’influenza cinese arrivò nel Paese attraverso il sacerdote buddista coreano Doncho, che introdusse le tecniche di produzione dell’inchiostro nello stesso periodo.

Come ha sempre fatto nel corso della storia, il Giappone ha adottato questo metodo di fabbricazione della carta e lo ha migliorato, aggiungendo al processo di fabbricazione della carta altri materiali di tipo tessile, come il kozo (gelso) e le fibre di gampi, per rafforzare la carta, prolungarne la durata e aumentarne la versatilità.

Poiché la produzione di carta giapponese si basava su materiali naturali, la produzione di carta washi, come altre attività agricole, divenne un’attività stagionale. L’inverno era considerato il periodo migliore per la fabbricazione della carta, poiché il clima era troppo freddo per consentire ai contadini di essere nei campi a svolgere altri lavori

I produttori di washi potevano anche approfittare del ghiaccio invernale, che scongelavano per garantire che l’acqua utilizzata fosse priva di impurità e non scolorisse la carta.

Questo stile di carta giapponese fatta a mano rimase in uso fino al periodo Meiji (1868-1912), quando il Giappone subì un processo di occidentalizzazione. Con l’influenza occidentale è arrivata la cosiddetta carta yoshi, essenzialmente prodotta in serie e a macchina. A partire da questo periodo, la carta giapponese passò in secondo piano e il suo ruolo fu relegato dall’uso quotidiano a scopi più artigianali e tradizionali.

Proceso de fabricación artesanal del papel japonés.
Il processo artigianale di produzione della carta giapponese o washi

Il momento ideale per la produzione della carta washi giapponese è la fine dell’inverno, quando l’acqua è naturalmente ghiacciata e priva di impurità, offrendo gli ingredienti più freschi e naturali per la fabbricazione della carta

I metodi e i materiali variano a seconda dello stile di washi da realizzare, poiché le diverse regioni del Giappone hanno tecniche leggermente diverse

Raccolta: In primo luogo, è necessario procurarsi i materiali per l’elaborato. La maggior parte delle carte washi utilizza il kozo e il mitsumata, due arbusti solitamente coltivati, e il gampi, solitamente selvatico. Di solito vengono raccolte durante i mesi più freddi di dicembre e gennaio.

Vaporizzazione, sbucciatura e cernita: Per separare le parti delle piante che servono, prima di tutto vaporizzare i rami. Quando sono morbide e pronte per essere sbucciate, la corteccia viene accuratamente rimossa e asciugata. La corteccia essiccata viene poi fatta bollire e le impurità vengono colorate e rimosse. La soluzione di pre-carta viene poi sbattuta a mano per allentare le fibre prima che diventi un foglio.

Laminazione: è probabilmente la parte più riconoscibile del processo di produzione della carta giapponese. A questo punto la soluzione di pasta di carta inizia a prendere la sua forma definitiva, anche se molto libera. Da qui, la carta di cellulosa viene stesa su un tappetino e il tappetino viene scosso per favorire l’intreccio delle fibre. Una volta raggiunte le dimensioni e lo spessore desiderati, si versa l’acqua in eccesso della soluzione.

Fasi finali: dopo essere stati lasciati asciugare per una notte, i fogli quasi pronti per l’uso subiscono alcune altre fasi estetiche prima di raggiungere la loro forma finale di washi. La carta viene pressata per rimuovere l’acqua in eccesso, i fogli vengono separati, spazzolati per rimuovere qualsiasi texture intrusiva e lasciati nuovamente ad asciugare al sole. Questi grandi fogli essiccati costituiscono la base da cui viene tagliato il washi.

Papel japonés impreso con diseños.
Modelli di carta giapponese stampata

Nei tempi passati, la carta giapponese veniva utilizzata praticamente per tutto ciò per cui viene utilizzatala carta moderna prodotta a macchina. Ovviamente, essendo un prodotto fatto a mano, il washi è più costoso della normale carta, quindi oggi è stato eliminato da alcune aree

Stampa e scrittura: grazie alla sua consistenza più spessa e assorbente, il washi è un’ottima base per la stampa linoblock, la litografia a colori, la litografia , stampa tipografica washi goffratura e, in tempi più contemporanei, il stampa digitale

Ibiglietti e le partecipazioni di nozze, ad esempio, sono incomparabilmente più attraenti se stampati su washi giapponese.

Arte: molte forme d’arte tradizionali del Giappone si basano sul washi. Nella pittura Nihonga l’uso del washi al posto della tela o della carta moderna è uno degli elementi che definiscono questo stile tipicamente giapponese

La particolare consistenza della carta washi giapponese è essenziale anche per il sumi-e (pittura a inchiostro), in quanto consente il corretto flusso e assorbimento dell’inchiostro acquoso. Per alcuni artisti, come Tetsuya Nagata, la carta washi stessa è l’arte in queste incredibili sculture di washi pressato.

Rilegatura: il Giappone è una nazione amante della letteratura, quindi non sorprende che il washi e l’editoria vadano di pari passo. Invece di essere utilizzato per le pagine interne, il washi viene spesso impiegato per le copertine dei libri, grazie alla sua resistenza e flessibilità.

Ejemplo de origami hecho con papel japonés.
Origami realizzati con carta giapponese fantasia

Origami: grazie alla sua consistenza più dura e malleabile, la carta washi è uno strumento eccellente per origami. Mantiene la forma molto meglio di altre carte per origami più sottili. E, naturalmente, l’aspetto unico del washi aggiunge bellezza e attrattiva all’oggetto finito.

Decoración con papel japonés.
Decorazione di interni con lanterne di carta washi

Design d’interni: grazie alle sue interessanti texture quasi terrose e alla qualità unica che rende la luce morbidamente traslucida, la carta giapponese è da tempo riconosciuta come un materiale ideale per lampade, paralumi per interni e, più recentemente, persiane e tende. Il suo aspetto organico e naturale è molto più attraente della carta sterile prodotta in serie o di altri materiali artificiali.

nv-author-image

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.