Vai al contenuto

Bambola Daruma. Storia e significato

El muñeco Daruma japonés, su significado, historia y simbología.

Il Daruma è una bambola tradizionale giapponese, che in Giappone è diventata un simbolo di perseveranza e fortuna. Ma al di fuori del Giappone, non sono in molti a conoscerne la storia o a sapere cosa si cela dietro il suo aspetto bizzarro.

Immaginate di visitare il Giappone. Vi restano pochi giorni prima di tornare a casa e tutti i vostri amici e familiari vi chiedono di portare con voi dei souvenir. Se volete essere originali, evitate i tipici alcolici, i portachiavi con immagini di luoghi famosi o i popolarissimi (giustamente) ma un po’ scontati gusti multipli di KitKat. Mentre camminate, vedete una piccola bambola rossa rotonda in una delle vetrine. Vi siete imbattuti in uno degli oggetti giapponesi più iconici che possiate trovare.

Il Daruma è infatti uno dei simboli del Giappone. Ha senso portarla a casa e regalarla, o esporla su una mensola, ma l’apparenza può ingannare, perché questa bambola ha una lunga storia, un ricco patrimonio e un’origine piuttosto inquietante.

Bodhidarma, el monje fundador del budismo Zen e inspiración del muñeco Daruma.

Il Daruma è modellato su Bodhidharma, un monaco a cui si attribuisce la fondazione del Buddismo Zen, che sembra sia vissuto tra il V e il VI secolo dopo Cristo. Le sue origini sono avvolte nel mistero e la maggior parte dei resoconti che documentano la sua vita sono mescolati a leggende, il che rende molto difficile rintracciare il pellegrinaggio di Bodhidharma dalle “regioni occidentali” (forse l’Asia centrale).

Durante i suoi viaggi si fermò per un po’ in un monastero Shaolin in Cina, fondando la famosa arte marziale omonima. Continuò quindi il suo viaggio fino a quando decise di stabilirsi in una grotta per meditare. Qui inizia la storia del Daruma (dal nome giapponese di Bodhidharma).

Ha meditato, con gli occhi incollati al muro, in posizione seduta per nove anni, senza pause e senza chiudere gli occhi, tranne una volta, dopo sette anni. Era così furioso con se stesso per ciò che percepiva come mancanza di disciplina che si tagliò le palpebre, per non dormire mai più. Quando le palpebre toccarono terra, germogliarono piante di tè verde. Questa leggenda è una delle ragioni per cui i monaci buddisti bevono spesso tè verde per rimanere svegli.

Oltre all’automutilazione, Bodhidharma subì anche la perdita delle braccia e delle gambe (secondo alcune leggende, gli caddero dal corpo) a causa della sua immobilità per nove anni. L’arte e il folklore che raffigurano Bodhidharma lo mostrano quasi esclusivamente con queste caratteristiche, quindi le bambole Daruma, in tutti i loro aspetti, simboleggiano la posizione e le caratteristiche di Bodhidharma.

Inoltre, l’intero design del Daruma ha radici e significati profondi, fino ai più piccoli dettagli, che rendono questa bambola molto più di un semplice oggetto domestico.

Las partes del muñeco Daruma y su significado.

Occhi del Daruma: una delle caratteristiche più notevoli del Daruma è il suo sguardo vuoto. Queste bambole non hanno pupille, ma grandi cerchi bianchi al posto degli occhi. Una teoria alla base di questa scelta progettuale è legata alla leggenda di Bodhidharma che si toglie le palpebre.

Una più importante suggerisce che derivi dal fatto che, in passato, coloro che volevano che il dio residente nella bambola li aiutasse a raggiungere i loro obiettivi giuravano che avrebbero dato a Daruma la loro vista se il dio li avesse aiutati ad avere successo nelle loro imprese.

Peli del viso: la barba e le sopracciglia dipinte sulla bambola hanno lo scopo di riprodurre i tratti del viso di Bodhidharma, ma non sono solo estetici.

Infatti,le sopracciglia sono a forma di gru e la barba a forma di tartaruga. Questi due animali rappresentano spesso la longevità nella cultura giapponese (così come nel resto dell’Asia orientale). Gli artigiani cominciarono ad applicare queste forme al Daruma, per rispettare il proverbio giapponese“La gru vive 1000 anni, la tartaruga 10.000“.

Corpo: il Daruma non ha gambe né braccia, per ricordare che Bodhidharma perse gli arti nella sua ricerca dell’illuminazione attraverso l’autosacrificio e la meditazione, ma c’è di più.
Le bambole originali erano progettate per essere impossibili da rovesciare. Se si inclinano, il Daruma torna in posizione verticale

Il Daruma è un talismano della fortuna, ma soprattutto della perseveranza. Chi chiede l’aiuto di questo dio riconosce l’importanza del sacrificio di fronte alle avversità.
Per questo motivo, la bambola serve a ricordare che, per quante volte si venga abbattuti, bisogna sempre resistere e rialzarsi per raggiungere il proprio obiettivo

L’espressione giapponese nanakorobi yaoki, che si traduce con“sette volte giù, otto volte su“, è strettamente legata a questa ideologia e al Daruma stesso.

Scrittura: i kanji che significano“fortuna“,“fortuna“,“perseveranza” o simili sono talvolta scritti al centro del Daruma, probabilmente riflettendo il motivo per cui la bambola è stata acquistata. Inoltre, a volte le persone scrivono il loro desiderio o il loro obiettivo sulla bambola stessa, forse per ricordarlo a se stessi o per informare il dio in modo più “ufficiale”.

Colore: le ragioni alla base della scelta del colore del Daruma sono interessanti, ma contorte e difficilmente condivisibili. Oggi possiamo trovare queste bambole decorate in tutti i tipi di colori, ognuno dei quali indica un diverso segno di buon auspicio.

Ad esempio, in Giappone, il colore dorato è associato al denaro e alla fama; il nero si suppone che allontani la sfortuna; il verde simboleggia la salute e la forma fisica. Tuttavia, queste associazioni cromatiche derivano da una miriade di credenze, superstizioni e leggende diverse, che si uniscono per formare un’immagine collettiva.

Quel che è certo è che, ancora oggi, il colore più comunemente utilizzato per il Daruma è il rosso e in origine era l’unico. Per secoli gli studiosi hanno cercato di capire le motivazioni di questa scelta cromatica, ma ancora oggi è difficile.

Una delle ragioni potrebbe essere legata a Bodhidharma che, data la sua origine buddista, potrebbe aver indossato vesti rosse. Allo stesso modo, oggi i monaci indossano vesti dello stesso colore.

Altre teorie fanno riferimento ai poteri soprannaturali del colore e al suo legame con gli dei rosso e il suo legame con gli dei. Ad aggravare le leggende già molto lugubri che circondano il Daruma, il suo colore di base potrebbe avere origine in un periodo di devastanti epidemie di vaiolo in tutta l’Asia.

In Giappone, e altrove, non sapendo come difendersi da questa“maledizione” inviata da un dio vendicativo, la gente iniziò a vestirsi di rosso, pensando che questo colore piacesse al dio del vaiolo e che avrebbe aiutato a debellare la malattia. Allo stesso modo, la gente decorava le porte e le case con corde rosse, nel tentativo di impedire alla malattia di entrare nelle loro case.

Tuttavia, questa teoria non spiegherebbe perché, molto spesso, le vittime del vaiolo venivano avvolte mentre erano malate, e in punto di morte, con tende rosse, come raffigurato nel libro Naufragio di Akira Yoshimura

Secondo alcune ricerche, alcune persone credevano che al dio del vaiolo non piacesse il colore rosso. Lo odiava a tal punto che la gente credeva che potesse trasferire la maledizione con cui affliggeva le persone dalla vittima alla stoffa tinta con quella che lui trovava una tonalità così esasperante.

Nel corso della storia, si riteneva che le bambole Daruma fossero in grado di allontanare le malattie e di favorire la guarigione (letteralmente, di ripristinare la salute); gran parte di questa capacità era associata al colore rosso, ma nessuno era in grado di fornire una ragione universalmente accettata.

Daruma es uno de los símbolos más reconocibles y populares de la cultura japonesa.

La storia del Daruma risale al XVII secolo. Furono i contadini locali della città di Takasaki, nella prefettura di Gunma, a realizzare la prima versione di queste bambole, come amuleti da far benedire ai monaci

Poiché il sostentamento dei contadini dipendeva in gran parte dalla fortuna, essi escogitarono questo trucco superstizioso per aiutare i loro raccolti. Nel giro di pochi decenni, la pratica dell’uso del Daruma si diffuse in tutte le professioni e regioni.

Come spesso accade con la tradizione, la storia e l’origine dei Daruma non hanno lo stesso peso di prima. I suoi colori non sono l’unica cosa che è cambiata. Uno dei maggiori cambiamenti è la loro rappresentazione come bambole femminili, le cosiddette Daruma Princess e Daruma Lady.

Sebbene queste interpretazioni abbiano dato vita a immagini come Hello Kitty e Miffy come Daruma, supporre che questi cambiamenti siano avvenuti nell’era moderna sarebbe un errore. In realtà, i primi e più drastici cambiamenti nell’immagine del Daruma si verificarono durante il periodo Edo in Giappone (1603-1868), poco dopo l’introduzione delle bambole.

In questo periodo c’era una separazione molto netta tra le classi sociali. I mercanti tendevano a trovarsi in fondo alla scala, il che li portava a creare una sorta di micro-società per se stessi. Tra le tante cose, hanno dato vita a rappresentazioni femminili dei Daruma

Probabilmente si trattava di una presa in giro della classe dirigente, che ha sempre rappresentato Bodhidharma come una figura forte e maschile. I dipinti di Bodhidharma come donna divennero più comuni, mentre le associazioni satiriche con il dio divennero comuni.

La capacità di Daruma di rimanere in piedi nonostante i colpi subiti è stata associata alle prostitute e alla loro tendenza a fare lo stesso. Anche le raffigurazioni falliche di Daruma divennero più comuni, fino a quando, col tempo, l’immagine originale e quelle satiriche furono quasi alla pari per numero e utilizzo.

In epoca moderna e contemporanea, il Daruma è diventato un souvenir, un oggetto da esposizione e un simpatico regalo. Tuttavia, non ha perso del tutto il suo potere originario nell’immaginario collettivo. Sebbene sia raro trovare persone che conoscano l’intera storia di questo portafortuna, il Daruma viene spesso acquistato per aiutare a raggiungere i propri obiettivi.

El daruma es un símbolo de Japón conocido a nivel mundial.

Come in passato tra i contadini (e in seguito in tutti i tipi di attività), anche oggi non è raro vedere una bambola Daruma che decora un ristorante, un negozio o una casa. Le sue dimensioni possono anche dare un’idea dell’ampiezza del desiderio di una persona, poiché si ritiene che quanto più grande è la bambola, tanto più grande è l’aspirazione della persona che la acquista.

Tuttavia, l’uso del Daruma non è limitato alle imprese o ad alcune famiglie. Nel corso dei secoli, il Daruma ha conquistato un posto privilegiato nella cultura giapponese, tanto da comparire in molte situazioni e luoghi.

I politici, ad esempio, portano spesso con sé le proprie bambole durante le interviste, i discorsi e i discorsi, soprattutto durante il periodo elettorale

Come tutti coloro che ottengono un Daruma, hanno un desiderio e si impegnano a pagare il dio con la loro vista se questo viene esaudito. Probabilmente questo fa anche parte di una credenza culturale giapponese, secondo la quale un politico potrebbe mostrare la sua determinazione e il suo impegno nei confronti del Paese e del suo popolo attraverso il simbolismo del Daruma.

Questo noto oggetto giapponese ha subito numerose modifiche e interpretazioni. È considerato un dio che può aiutare a raggiungere il successo. Rappresenta uno degli aspetti più importanti del buddismo zen con il suo rapporto con la pazienza, la perseveranza e il sacrificio

È diventato una figura a cui si chiede aiuto attraverso le minacce (restituire la vista del dio solo se ci aiuta). Nella sua storia, il Daruma è stato sia un simbolo della classe dirigente sia uno strumento utilizzato per deridere e sfidare l’establishment.

Sebbene il Giappone abbia una cultura molto interessante ed enormemente ricca di simbolismi e tradizioni, poche immagini nel Paese possono vantare un’origine e un significato altrettanto sfaccettati e misteriosi, così profondamente radicati nella società.

La produzione di bambole Daruma è un’impresa quasi esclusiva della città di Takasaki, nella prefettura di Gunma (a nord di Tokyo). La città produce più dell’80% di tutte le bambole distribuite in Giappone. Da qui, le bambole raggiungono ogni angolo del Paese e possono essere acquistate in ogni città.

Le bambole Daruma sono realizzate con uno speciale tipo di cartapesta fatta a mano chiamata washi. Ecco un articolo sulla carta washi per saperne di più sulle sue caratteristiche.

La realizzazione del washi è molto laboriosa e in Giappone è considerata un’arte a sé stante. Le lastre sono estremamente resistenti e vengono realizzate con fibre, tini e una quantità limitata di sostanze chimiche, attraverso un processo di battitura (spesso a mano) e di asciugatura al sole o su piastre riscaldate.

Muñeco Daruma sin ojos para que la persona los pinte.
Bambola Daruma senza occhi

Se la triste storia e le leggende che si celano dietro il Daruma non vi hanno ancora spaventato, potreste voler imparare esattamente come usare questo talismano, se pensate che possa aiutarvi. Il suo fascino sta nel fatto che il suo “potere” è un misto di soprannaturale e psicologico.

Come già detto, quando si acquista la bambola mancano gli occhi. Si tratta di dipingere un occhio in uno dei cerchi bianchi vuoti, impegnandosi a raggiungere il proprio obiettivo e chiedendo aiuto alla divinità. Una volta raggiunto l’obiettivo, si dipingerà il secondo occhio, restituendo la vista alla divinità come ringraziamento per averla aiutata.

Bisogna ricordare che Daruma premia il sacrificio e la forza di volontà incrollabile. Ricordiamo che fu Bodhidharma a rifiutarsi di aiutare un altro monaco che voleva diventare suo apprendista, finché il giovane allievo non decise di dimostrare la sua determinazione tagliandosi le braccia.

Un anno dopo aver acquistato il daruma, è necessario riportarlo al tempio in cui è stato acquistato e bruciarlo, indipendentemente dal fatto che si sia ottenuto ciò che si voleva

Esiste anche una cerimonia chiamata daruma kuyo o dondoyaki in vari templi del Giappone, durante la quale vengono bruciati contemporaneamente enormi mucchi di Daruma (ma queste non sono le uniche occasioni in cui la bambola Daruma può essere bruciata).

In origine si riteneva che l’effetto benefico della bambola si esaurisse dopo un anno. Dopo questo periodo, la bambola doveva essere bruciata per liberare il dio. Questo processo non deve essere interpretato come una rinuncia ai propri obiettivi. Al contrario, è immaginato come un rinnovo del voto.

nv-author-image

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.